Il tamburo di latta
0 0 0
Risorsa locale

Grass, Günter - Bianchi, Bruna

Il tamburo di latta

Abstract: "Gli individualisti non esistono più, perché l'individualità ci è scappata di mano"In modo atrocemente umoristico e grottesco, il romanzo narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo, con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, ma anche realtà storiche come l'ascesa irresistibile del nazismo e il crollo della Germania. Nel giorno del suo terzo compleanno Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, decide di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese.


Titolo e contributi: Il tamburo di latta

Pubblicazione: Feltrinelli Editore, 06/12/2023

EAN: 9788807880339

Data:06-12-2023

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: EPUB con DRM Adobe

Nomi:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 06-12-2023

"Gli individualisti non esistono più, perché l'individualità ci è scappata di mano"In modo atrocemente umoristico e grottesco, il romanzo narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo, con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, ma anche realtà storiche come l'ascesa irresistibile del nazismo e il crollo della Germania. Nel giorno del suo terzo compleanno Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, decide di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.