Terre dello sciacallo
0 0 0
Risorsa locale

Oz, Amos - Loewenthal, Elena

Terre dello sciacallo

Abstract: Le terre dello sciacallo è la prima grande opera di Amos Oz, una raccolta di racconti dal respiro largo che, nel 1965, hanno segnato l'affermazione dello scrittore. Sette storie sono ambientate in un kibbutz, quello stesso micromondo che ritroveremo in altre sue celebri narrazioni, l'ultima, invece, è una specie di parabola ambientata in tempi biblici. Sono tutte, ognuna a suo modo, narrazioni epiche di un Israele antico e nuovo al tempo stesso, con una gamma di personaggi che vanno da uno sfortunato, tragico paracadutista a un gruppo di beduini di passaggio ai confini del kibbutz, al "più bel toro della valle". Oz scrive dei pionieri, dei sabra, degli intellettuali europei e dei rifugiati che avevano un sogno, che hanno combattuto guerre, stabilito un'ideologia politica e forgiato una nazione. Ma la realtà non è dolce come il sogno. Queste storie sono conturbanti, sensuali, poetiche e spietate. E lo sciacallo, che insegue il lettore da una storia all'altra, ulula nella notte poco fuori dai cancelli.


Titolo e contributi: Terre dello sciacallo

Pubblicazione: Feltrinelli Editore, 18/11/2021

EAN: 9788807034695

Data:18-11-2021

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: EPUB con DRM Adobe

Nomi:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 18-11-2021

Le terre dello sciacallo è la prima grande opera di Amos Oz, una raccolta di racconti dal respiro largo che, nel 1965, hanno segnato l'affermazione dello scrittore. Sette storie sono ambientate in un kibbutz, quello stesso micromondo che ritroveremo in altre sue celebri narrazioni, l'ultima, invece, è una specie di parabola ambientata in tempi biblici. Sono tutte, ognuna a suo modo, narrazioni epiche di un Israele antico e nuovo al tempo stesso, con una gamma di personaggi che vanno da uno sfortunato, tragico paracadutista a un gruppo di beduini di passaggio ai confini del kibbutz, al "più bel toro della valle". Oz scrive dei pionieri, dei sabra, degli intellettuali europei e dei rifugiati che avevano un sogno, che hanno combattuto guerre, stabilito un'ideologia politica e forgiato una nazione. Ma la realtà non è dolce come il sogno. Queste storie sono conturbanti, sensuali, poetiche e spietate. E lo sciacallo, che insegue il lettore da una storia all'altra, ulula nella notte poco fuori dai cancelli.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.