Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

La felicità è una pagina bianca - Elisabeth Egan

Sin dai colloqui per l’assunzione Alice si rende conto che la cultura aziendale è più incentrata su tecnologia e strategie commerciali che sui libri. La entusiasmano essere ambasciatrice tra azienda ed editori e curare il catalogo degli e-book, un po’ meno familiarizzare con ...

Trovi l'intera recensione sul mio blog https://lesereneredellasere.myblog.it/la-felicita-e-una-pagina-bianca-di-elisabeth-egan/

ONG - Sonia Savioli

Libro formidabile, che consiglio a tutti di leggere e rileggere, anche perché non è un elenco di petizioni di principio scritte dal solito xenofobo-reazionario, ma una documentata analisi fatta da una persona con solide vedute anticapitaliste e anti imperialiste. Per esempio, sapevate che tra i finanziatori istituzionali di Medici senza Frontiere c'è Goldman Sachs? Acutissimo, tra l'altro, il paragone tra le ONG odierne e i missionari dei secoli passati, che sono stati un rilevante mezzo per la distruzione di intere civiltà da parte dei paesi europei conquistatori e predatori. Prima di contribuire alle collette sollecitate da imponenti campagne pubblicitarie delle ONG globali riflettiamo e documentiamoci con libri come questo.

Il mestiere dello scrittore - Murakami Haruki

I romanzi sono un lavoro minuzioso, simile a costruire piccole navi con lunghe pinze all’interno di una bottiglia. I romanzieri non hanno un’intelligenza superiore, anzi per Murakami chi ha un pensiero veloce e immediato non sta a lungo fermo ad arrovellarsi su una frase. Ma quelli che continuano a scrivere, senza stancarsi, sono dotati di una capacità specifica.

Trovi l'intera recensione sul mio blog https://lesereneredellasere.myblog.it/il-mestiere-dello-scrittore-di-murakami-haruki/

Cosa dicono i morti - Luigi Grazioli

È solo dopo aver preso coscienza della propria morte, che si è morti veramente. E in questa zona di passaggio, viene gettato un ultimo sguardo al mondo dei vivi (sé stessi compresi). Brevissimi racconti di intime sensazioni il cui punto di partenza è per tutti una normale situazione reale (stile "palomar" di Calvino). Poiché è facile perdersi nei meandri di elucubrazioni mentali (di cui Grazioli è specialista), lo consiglio solo a chi è amante del genere..... quando per puro caso un ex studente Oberdan di Treviglio (ora 52enne) scova in biblioteca tracce lasciate dal proprio ex prof di lettere....

Mangia, prega, ama - Elizabeth Gilbert

Elizabeth viaggia da sola e sempre ancorata a mete e obiettivi precisi, ma vitale è per lei anche continuare a lasciarsi contaminare da chi incontra lungo il cammino. Non perde mai occasione di chiedere consiglio e fare tesoro dell'esperienza degli altri. Se in Italia Luca Spaghetti la guida nei piaceri della cucina italiana, Richard il texano in India le dice che deve andare avanti e imparare a ...

Trovi l'intera recensione sul mio blog https://lesereneredellasere.myblog.it/mangia-prega-ama-di-elizabeth-gilbert/

Un viaggio a ... Londra! - [testi: Francesca Dziadek]

...consiglio questo piccolo libro per chiunque per qualsiasi ragione debba avere contatti con gli inglesi e con la Gran Bretagna perché in modo semplice e piacevole aiutato anche da foto a tema, aiuta molto bene in modo molto pragmatico a capire una cultura e una mentalità "nordica" così lontane (nel bene e nel male!) dal nostro universo mentale italiano.Divertente e informativo allo stesso tempo!

The road - Cormac McCarthy

E' un libro che si dovrebbe leggere come si fa, o si faceva, con i romanzi di formazione: ha tutti gli elementi che costituiscono le fondamenta dell'essere umano, e vederli tutti inseriti in una magnifica storia che, in realtà, non ha un tempo ben definito, perché potresti raccontarla in ogni periodo storico, lo rende davvero un capolavoro.
"Ce la caveremo, vero, papa?
Sì. Ce la caveremo.
E non ci succederà niente di male.
Esatto.
Perché noi portiamo il fuoco.
Sì. Perché noi portiamo il fuoco".
Quando si porta il fuoco, quando si è nel giusto, si è sempre protetti, e bisogna crederci profondamente.
McCarthy ce lo fa capire in modo inequivocabile.