Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Italia
× Data 2014
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Soggetto Sec. 20.
× Paese Svizzera

Trovati 524 documenti.

Mostra parametri
Il dovere di integrarsi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Il dovere di integrarsi : cittadinanze oltre il logos multiculturalista / Maurizia Russo Spena, Vincenzo Carbone (a cura di)

Roma : Armando, 2014

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: L'accordo di integrazione a due anni dalla sua entrata in vigore nel marzo 2012, rappresenta una straordinaria occasione per riflettere sul tema delle politiche migratorie che regolano la mobilità umana e su quello delle forme di insediamento precario dei migranti, che alludono al modello di società che si sta perseguendo. I diversi contributi focalizzano l'attenzione sulle dimensioni teoriche ed empiriche e sulle implicazioni politiche e sociali della misura adottata.

La meglio Italia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tirabassi, Maddalena - Del Pra', Alvise

La meglio Italia : le mobilità italiane nel 21 secolo / Maddalena Tirabassi e Alvise Del Pra'

Torino : aA, 2014

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Negli ultimi anni in Italia è ripresa l'emigrazione giungendo a superare, secondo le statistiche ufficiali, le centomila unità annue. L'attenzione dei media, nel denunciare i tagli alla ricerca, le cattive condizioni del mercato del lavoro e la mancanza di meritocrazia diffusa nel paese, si è focalizzata sulla perdita di giovani talenti verso l'estero. A lasciare l'Italia, però, non sono più solo lavoratori altamente specializzati, o cervelli in fuga, ma anche studenti, professionisti, tecnici, imprenditori, ricercatori, pensionati, cooperanti e altre figure, qualificate e non, che partono da ogni regione. Questo soggetto difficile da definire - emigranti, expat, cervelli in fuga? - non ha nemmeno una dimensione precisa. Come calcolare infatti il numero di chi si muove nell'Europa di Schengen o che attraversa frontiere con un visto turistico o di studio e che poi decide di fermarsi? Cosa differenzia la nuova emigrazione che alle guide dell'emigrante ha sostituito blog e social network, che al posto del telefono usa Skype, da quelle del secolo scorso? Rispetto alle migrazioni del passato cambiano anche le motivazioni, oltre alla ricerca di lavoro, si emigra per studiare, cercare una migliore qualità della vita o per amore. L'inchiesta del Centro Altreitalie intrecciando fonti diverse - statistiche, un questionario e interviste - traccia lo spaccato del nuovo e complesso fenomeno migratorio italiano.

Continuità educativa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Calidoni, Mario - Calidoni, Paolo

Continuità educativa : scuola di base e riordino dei cicli / Mario e Paolo Calidoni

Ed. aggiornata alla Legge 30/2000 sul riordino dei cicli dell'istruzione

Brescia : La scuola, 2014

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
I dannati della metropoli
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Staid, Andrea

I dannati della metropoli : etnografie dei migranti ai confini della legalità / Andrea Staid ; prefazione di Franco La Cecla

[S.l.] : Milieu, 2014

Abstract: Esistono da sempre due città, una legale e l'altra illegale, i cui confini si spostano a seconda delle epoche storiche e delle necessità economiche contingenti. Spesso gli abitanti di queste due città si sfiorano, interagiscono, confliggono. Sulle loro contaminazioni si costruisce il tessuto sociale. Quasi sempre gli abitanti della città oscura non hanno voce sui media ufficiali: sono un numero, una statistica o un titolo di giornale. "I dannati della metropli" nasce dalla necessità di far parlare i protagonisti del disagio e della devianza che vivono e attraversano le nostre metropoli. Sulle tracce di Danilo Montaldi e della scuola di Chicago, animato da un bisogno radicale di far uscire l'antropologia dalla torre d'avorio dell'accademia, Andrea Staid si è messo in ascolto delle voci della città oscura, senza pregiudizi. Con una ricerca che è frutto di anni passati con i migranti, iscrivendosi in maniera del tutto nuova al filone dell'antropologia delle migrazioni, contaminato con l'etnografia e la storia orale. Il cuore del saggio è rappresentato dall'analisi di un caso specifico spesso al centro della cronaca, su una via e più precisamente un grande palazzo soprannominato dalla stampa "il fortino della droga", situato in un quartiere centrale di Milano (via Bligny 42). Prefazione di Franco La Cecla

Il cammino infinito
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Il cammino infinito : imprenditorialità multiculturale tra varietà, innovazione e territori / a cura di Luciano Pilotti, Ivan De Noni, Andrea Ganzaroli ; presentazione di Cécile Kyenge

Milano : Angeli, 2014

Dossier statistico immigrazione 2014
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dossier statistico immigrazione 2014 : dalle discriminazioni ai diritti / UNAR, Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali ; a cura del Centro studi e ricerche Idos

Roma : Idos, 2014

Le famiglie di fronte alle sfide dell'immigrazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Le famiglie di fronte alle sfide dell'immigrazione : rapporto famiglia CISF 2014 / Cisf (a cura di)

Trento : Erickson, 2014

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il Rapporto Cisf 20l4 sulla famiglia in Italia è dedicato alla grande questione dei movimenti migratori che interessano il nostro Paese, e soprattutto alla relazione tra immigrazione e dimensione familiare, che risulta centrale nel fenomeno migratorio, sia dal lato di chi emigra sia dal lato di chi si trova a ospitare i migranti. Le sfide dell'immigrazione accomunano le famiglie \"native\" e quelle immigrate, tutte poste di fronte al problema del riconoscimento reciproco e alla necessità di creare una convivenza civile. Il Rapporto presenta i risultati di un'indagine originale, su un campione nazionale di 4.000 interviste, rappresentativo delle famiglie italiane, che si focalizza in particolare sul modo in cui le famiglie residenti si pongono di fronte ai nuovi arrivati: le loro aspettative, paure e resistenze, ma anche le loro inaspettate capacità di relazionarsi in modo positivo e accogliente. Al centro dell'attenzione del presente Rapporto Cisf 20l4 sta quindi la dimensione relazionale e dialogica della questione migratoria, aspetto irrinunciabile per un Paese che si dovrà sempre più confrontare con il contatto e con il dialogo tra culture diverse, alla ricerca di una nuova cittadinanza condivisa. Anche dalle famiglie dipenderà il tipo di società del futuro: se più solidale, più aperta, più capace di accoglienza e integrazione, oppure piena di incomprensioni, paure e conflitti sociali.

XXIII Rapporto Immigrazione 2013
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Caritas italiana - Fondazione Migrantes

XXIII Rapporto Immigrazione 2013 : tra crisi e diritti umani / Caritas ; Migrantes

Todi : Tau, 2014

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Nel 2013 Caritas Italiana e Fondazione Migrantes inaugurano una nuova fase della loro collaborazione sugli studi e gli approfondimenti in materia di mobilità verso l’Italia. Dopo 30 anni di immigrazione nel nostro Paese, i due organismi della Conferenza Episcopale italiana hanno ritenuto di intraprendere un nuovo percorso per lo studio della mobilità che privilegi l’osservazione delle varie realtà locali partendo dalla ricca rete delle sedi diocesane fino ad arrivare ai vari riferimenti istituzionali e associativi sul territorio nazionale e internazionale. Superando l'ottica prettamente statistico-quantitativa nella lettura del fenomeno migratorio per aprirsi a un’analisi più qualitativa - si legge nell’Introduzione - il volume si presenta più agile e di natura maggiormente divulgativa e particolarmente attento a far emergere l’ordinaria presenza immigrata in Italia e nei singoli territori raccontandone le specificità, le diverse caratteristiche oltre che i diversi progetti portati avanti, senza trascurare l’analisi dei punti di forza e delle debolezze rintracciate dagli operatori Caritas e Migrantes nelle diverse realtà territoriali. Il tema scelto per questa edizione è Immigrazione. Tra crisi e diritti umani, e rappresenta il filo conduttore delle 5 sezioni del Rapporto. Tra esse, spiccano Fatti, numeri e immagini (racconto ragionato dei principali avvenimenti del 2013 nel settore dell’immigrazione), Approfondimenti tematici (affidati a studiosi, su crisi internazionali, povertà, lavoro, fede, tratta), Approfondimenti regionali (con dati sulle realtà regionali e dalle sedi Caritas locali, rappresentativi del capillare lavoro socio-pastorale in atto), Appendice giuridica e un Glossario (per informare sulle novità in ambito legislativo e offrire aggiornamenti terminologici e lessicali).

Io siamo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Passera, Corrado

Io siamo : insieme per costruire un'Italia migliore / Corrado Passera

Milano : Rizzoli, 2014

Abstract: Si può e si deve credere in un futuro migliore per il nostro Paese. È questa la sfida che Corrado Passera vuole impegnarsi a vincere, riportando la politica al ruolo di servizio che oggi ha perduto, asfissiata e umiliata com'è dall'invadenza e dall'ottusità della partitocrazia. In Italia ci sono 10 milioni di persone che non hanno lavoro o sono così sfiduciate da aver smesso di cercarlo, sono in cassa integrazione o non guadagnano abbastanza da poter mantenere una famiglia. 10 milioni di persone che vivono con la paura del domani e l'angoscia della povertà non sono un dato statistico: sono un poderoso fattore di disagio sociale che rischia di far saltare l'intero sistema. Per combattere l'emergenza lavoro non bastano ripresine dello zero virgola o annunci altisonanti. Occorre una crescita costante del 2-3 per cento annuo, a cui non si può aspirare senza immettere nella nostra economia risorse per almeno 400 miliardi. Impossibile trovarle? No, così come non sono impossibili riforme profonde che riportino competitività nel sistema economico e semplicità nelle istituzioni, valorizzando merito, responsabilità, trasparenza, generosità, coraggio. In questo libro, Passera presenta un'analisi approfondita della nostra crisi e delle sue cause, una serie organica di proposte concrete per venirne fuori e una nuova visione della politica come progetto collettivo capace di interessare e coinvolgere i cittadini.

Io non ho paura
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ammaniti, Niccolò

Io non ho paura / Niccolò Ammaniti

Torino : Einaudi, 2014

Abstract: In questo romanzo Niccolò Ammaniti va al cuore della sua narrativa, con una storia tesa e dal ritmo serrato, un congegno a orologeria che si carica fino a una conclusione sorprendente: e mette in scena la paura stessa. Michele Amitrano, nove anni, si trova di colpo a fare i conti con un segreto cosi grande e terribile da non poterlo nemmeno raccontare. E per affrontarlo dovrà trovare la forza proprio nelle sue fantasie di bambino, mentre il lettore assiste a una doppia storia: quella vista con gli occhi di Michele e quella, tragica, che coinvolge i grandi di Acqua Traverse, misera frazione dispersa tra i campi di grano. Il risultato è un racconto potente e di assoluta felicità narrativa, dove si respirano atmosfere che vanno da Clive Barker alle Avventure di Tom Sawyer, alle Fiabe italiane di Calvino. La storia è ambientata nell'estate torrida del 1978 nella campagna di un Sud dell'Italia non identificato, ma evocato con rara forza descrittiva. In questo paesaggio dominato dal contrasto tra la luce abbagliante del sole e il buio della notte, Ammaniti alterna, a colpi di scena sapienti, la commedia, il mondo dei rapporti infantili, la lingua e la buffa saggezza dei bambini, la loro tenacia, la forza dell'amicizia e il dramma del tradimento.

La guerra dei nostri nonni
4 0 0
Materiale linguistico moderno

Cazzullo, Aldo

La guerra dei nostri nonni : 1915-1918 : storie di uomini, donne, famiglie / Aldo Cazzullo

Milano : Mondadori, 2014

Abstract: La Grande Guerra non ha eroi. I protagonisti non sono re, imperatori, generali. Sono fanti contadini: i nostri nonni. Aldo Cazzullo racconta il conflitto '15-18 sul fronte italiano, alternando storie di uomini e di donne: le storie delle nostre famiglie. Perché la guerra è l'inizio della libertà per le donne, che dimostrano di poter fare le stesse cose degli uomini: lavorare in fabbrica, guidare i tram, laurearsi, insegnare. Le vicende di crocerossine, prostitute, portatrici, spie, inviate di guerra, persino soldatesse in incognito, incrociano quelle di alpini, arditi, prigionieri, poeti in armi, grandi personaggi e altri sconosciuti. Attraverso lettere, diari di guerra, testimonianze anche inedite, La guerra dei nostri nonni conduce nell'abisso del dolore. Ma sia le testimonianze di una sofferenza che oggi non riusciamo neppure a immaginare, sia le tante storie a lieto fine, come quelle raccolte dall'autore su Facebook, restituiscono la stessa idea di fondo: la Grande Guerra fu la prima sfida dell'Italia unita; e fu vinta. L'Italia poteva essere spazzata via; dimostrò di non essere più un nome geografico, ma una nazione. Questo non toglie nulla alle gravissime responsabilità, che il libro denuncia con forza, di politici, generali, affaristi, intellettuali, a cominciare da D'Annunzio, che trascinarono il Paese nel grande massacro. Ma può aiutarci a ricordare chi erano i nostri nonni, di quale forza morale furono capaci, e quale patrimonio portiamo dentro di noi.

Etnografia del quotidiano
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Aime, Marco

Etnografia del quotidiano : uno sguardo antropologico sull'Italia che cambia / Marco Aime ; prefazione di Jean-Loup Amselle

Milano : Elèuthera, 2014

Abstract: Riflettere sulla propria società, utilizzando gli strumenti a disposizione dell'antropologo, è un tentativo di condividere con gli altri membri del gruppo di appartenenza alcune possibili letture dei punti di rottura che segnano quella società. E di crepe nella società italiana attuale se ne riscontrano tante. L'Italia appare come una società frammentata che di conseguenza agisce in modo disordinato, cosa che impedisce il nascere di una coscienza collettiva. Da qui deriva anche la criticità del rapporto tra cittadino e Stato, un'istituzione che nel nostro paese conserva i tratti tipici dei regimi autoritari, sebbene celati nelle pieghe della legalità. Uno stato di cose che traspare in modo evidente se si analizzano in modo disincantato alcuni momenti topici della nostra vita pubblica, sia a livello istituzionale, sia a livello della quotidianità di massa. Ed ecco quindi come la parata del 2 giugno, la percezione della Borsa e del potere finanziario o lo sviluppo del sistema ferroviario nazionale diventano metafore quanto mai ricche ed esaurienti per capire l'evoluzione della società italiana. Prefazione di Jean-Loup Amselle.

Rapporto annuale sull'economia dell'immigrazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fondazione Leone Moressa

Rapporto annuale sull'economia dell'immigrazione : edizione 2014 : la forza lavoro degli stranieri: esclusione o integrazione? / Fondazione Leone Moressa

Bologna : Il mulino, 2014

Abstract: Con il perdurare della crisi la presenza dei lavoratori stranieri nell'economia italiana è oggetto di nuova attenzione: il rapporto tra costi e benefici dell'immigrazione, la competitività tra lavoratori italiani e stranieri e il ruolo degli stranieri nel sistema produttivo nazionale sono temi sempre più al centro del dibattito pubblico. Il quarto rapporto della Fondazione Leone Moressa, attraverso l'analisi delle dinamiche occupazionali, del comportamento finanziario e dell'inclusione economica e sociale degli immigrati, offre un contributo scientifico alla riflessione, utilizzando l'analisi statistica dei dati come strumento per riflettere sulla rilevanza della popolazione straniera nel tessuto economico e produttivo italiano. A completare il rapporto, esperti, studiosi di immigrazione e rappresentanti delle istituzioni approfondiscono il tema dell'inclusione lavorativa degli immigrati: tenendo presente che gli occupati stranieri rappresentano ormai il 10% della forza lavoro complessiva, non è più possibile considerare il lavoro degli immigrati come componente distaccata dalle dinamiche nazionali ma, sempre di più, come parte integrante di esse.

Fuori non è così
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Ambrosio, Miriam

Fuori non è così : scene da una classe / Miriam D'Ambrosio

Siena : Barbera, 2014

Abstract: I migliori tornitori leggono Shakespeare. Questi ragazzi vengono da Ghana, Costa d'Avorio, Senegal, Marocco, Egitto, Algeria, India, Pakistan, Filippine, Ecuador, Albania, Romania, Italia. Sono qui, in una scuola professionale, per imparare un mestiere, quello di metalmeccanico. Sono pieni di sogni e di paure e li raccontano nella pausa romanzo. La generazione Balotelli si rivela confrontandosi con una professoressa precaria, che li fa incontrare con alcuni personaggi straordinari: Otello, Mercuzio, Achille, Enaiath, Buck. E a loro scrivono lettere e parlano d'amicizia, d'amore, di tradimenti, di padri, di viaggi, di sconfitte, di lutti e di futuro, di cosa significa sentirsi stranieri in terra straniera. Sono scene da una classe, un anno di scuola dall'autunno all'estate, fino alla linea d'ombra, da cui comincia un altro viaggio, ricordando che fuori non è così, il tempo della scuola e della giustifica finisce ed è il momento di lasciarsi. Non è un addio. Ai ragazzi si dice arrivederci e... in bocca alla lupa che non sbrana, non divora, che protegge i suoi cuccioli, li prende, li sposta, cambia tana, li salva quando sente il pericolo. Di solito è di notte, perché la notte è più sicura, silenziosa, oscura e passerà, per lasciare spazio, finalmente, al vostro giorno.

Golem
0 0 0
Materiale linguistico moderno

LRNZ

Golem / [LRNZ]

Milano : BAO, 2014

Tutti i giorni sono dispari
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Baccalario, Pierdomenico

Tutti i giorni sono dispari / Pierdomenico Baccalario

[Milano] : Sperling & Kupfer, 2014

Abstract: Certe volte, in Afghanistan, il cielo è talmente limpido che se alzi la testa hai la sensazione di poter assaggiare il gusto delle stelle. E ci sono laghi così trasparenti che persino l'aria sembra riflettersi dentro. È il mondo dove è cresciuto Hazrat, che lui conosce da sempre. Ma è anche il mondo dove resta l'odore della guerra, che ti impregna i vestiti e nella mente ti gioca terribili scherzi. E così, quando a casa arriva un brutto incantesimo, e il sorriso di suo padre scompare, Hazrat sa che qualcosa sta per accadere. Quando arriva la follia, di notte, della famiglia di Hazrat non restano che macerie. Niente è più come prima, il mondo gli ha girato le spalle. E lui avrebbe potuto restare lì, a piangere, oppure fare la stessa cosa: girarsi, e scappare dalla parte opposta, il più lontano possibile. Gli basta uno zaino con lo stretto indispensabile, un paio di scarpe da ginnastica per quando bisognerà correre veloce, e una sola idea chiara in testa: vivere. Anche quando incontrerà i vigliacchi che gli insegneranno una parola, kamikaze, che ora non riesce nemmeno a sussurrare. Hazrat viaggia e scappa per migliaia di chilometri, attraversa confini che mai avrebbe pensato di valicare, con persone che barattano la vita con tutto quello che trovano, e altre che mai avrebbe pensato esistessero. E alla fine arriva in Italia, un paese che è quasi un miraggio, dove le persone sembrano sempre ballare e dove, ne è sicuro, tutti i giorni sono dispari.

Italia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Italia : la guida Michelin 2015 : alberghi & ristoranti

[Parigi] : Michelin, 2014

Guida al fumetto italiano
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Prandi, Marco - Ferrari, Paolo <1960- >

Guida al fumetto italiano : autori personaggi storie / Marco Prandi, Paolo Ferrari ; introduzione Luca Raffaelli

Bologna : Odoya, 2014

Abstract: Seguire Corto Maltese nei suoi viaggi avventurosi, entrare a far parte del Gruppo TNT, combattere le Giubbe rosse insieme al Comandante Mark, cavalcare nel Far West a fianco di Tex Willer o Cocco Bill, risolvere enigmi come Martin Mystère o vivere nella Fattoria McKenzie con Lupo Alberto... La lettura di un fumetto ha accompagnato la crescita di ognuno di noi grazie a un personaggio, a un racconto, che ci hanno fatto entrare in un mondo avventuroso, divertente, esotico, misterioso o fantastico. Dietro alle decine di personaggi e alle loro appassionanti storie, ci sono gli autori, spesso invisibili, come nascosti dietro la quinta di un palcoscenico da cui danno vita alle loro creature e immagini alle parole. Questa Guida al fumetto italiano porta in scena 30 tra i più importanti fumettisti e illustratori nostrani, mettendoli sotto la luce di un riflettore per raccontarne le tappe del percorso artistico ed evidenziarne le influenze che attingono alla letteratura, al cinema, alla storia. Considerato per molto tempo un genere minore di pura evasione, il fumetto ha saputo col tempo acquisire la dignità di letteratura disegnata. Scopriamo così l'antimilitarismo dissacrante delle Sturmtruppen di Bonvi, le avventure de Lo Sconosciuto di Magnus che ci aprono gli occhi sui traffici e le guerriglie di mezzo mondo, la Milano degli anni di piombo del Commissario Spada di De Luca o la Bologna del movimento del '77 che fa da sfondo alle storie di Andrea Pazienza...

Non passa lo straniero?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ambrosini, Maurizio

Non passa lo straniero? : le politiche migratorie tra sovranità nazionale e diritti umani / Maurizio Ambrosini

Assisi : Cittadella, 2014

Campioni d'Italia?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tailmoun, Mohamed Abdalla - Valeri, Mauro - Tesfaye, Isaac

Campioni d'Italia? : le seconde generazioni e lo sport / di Mohamed Abdalla Tailmoun, Mauro Valeri, Isaac Tesfaye ; prefazione di Graziano Delrio

Roma : Sinnos, 2014

Abstract: In Italia lo sport, specie nella sua dimensione calcistica, ha un peso sociale enorme. Ma nelle diverse discipline, dal calcio appunto all'atletica, fino ad arrivare al tennis tavolo e a sport apparentemente minori, è particolarmente evidente il problema di ragazzi e atleti cresciuti in Italia ma che, almeno per la burocrazia, ancora italiani non sono. La questione, centrale per il nostro paese, e non solo in ambito sportivo, è qui affrontata da diversi punti di vista: dalla situazione legislativa, apparentemente in movimento, ma sempre immobile su posizioni ormai antiquate, al ruolo delle diverse federazioni sportive, che propongono soluzioni differenti e a volte sorprendenti, fino ad arrivare alle storie degli atleti, forti e fortissimi, a volte campioni veri, costretti ad affrontare e vincere, oltre alle consuete prove e rivalità sportive, sfide di tutt'altro genere.