Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Italia
× Soggetto Condizioni economiche e sociali
× Data 2008
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Lingue Tedesco

Trovati 19 documenti.

Mostra parametri
La deriva
4 0 0
Materiale linguistico moderno

Stella, Gian Antonio - Rizzo, Sergio

La deriva : perchè l'Italia rischia il naufragio / Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo

Milano : Rizzoli, 2008

Abstract: Dalle infrastrutture bloccate da lacci e lacciuoli di ogni genere all'attività legislativa farraginosa, dai ritardi nell'informatica che ci fanno arrancare dietro la Lettonia agli ordini professionali chiusi a riccio davanti ai giovani, dal declino delle Università-fai-da-te alle rivolte di mille corporazioni, dalle ottusità sindacali ai primari nominati dai partiti: l'Italia è un Paese straordinario che, nonostante la sua storia, le sue eccellenze, i suoi talenti, appare ormai alla deriva. Un Paese che una classe politica prigioniera delle proprie contraddizioni e dei propri privilegi non riesce più a governare. È la tesi di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo: quella Casta, denunciata nel libro che ha rappresentato il più importante fenomeno editoriale degli ultimi anni, non è soltanto sempre più lontana dai cittadini ma è il sintomo di un Paese che non sa più progettare e prendere decisioni forti. E il confronto con gli altri Paesi, senza una svolta netta, coraggiosa, urgente, si fa di giorno in giorno così impietoso da togliere il fiato.

Otto milioni di biciclette
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bracalini, Romano

Otto milioni di biciclette : la vita degli italiani nel Ventennio / Romano Bracalini

Milano : Mondadori, 2008

Abstract: Romano Bracalini accompagna il lettore attraverso la società del Ventennio fascista, supportato dall'attenta lettura di documenti, testimonianze e soprattutto di giornali dell'epoca. Il suo racconto prende le mosse da come il fascismo mutò faccia al paese con un ambizioso programma di ristrutturazione: la bonifica delle paludi pontine, la costruzione di strade, autostrade, stazioni ferroviarie, porti, aeroporti, scuole, ospedali, acquedotti. Le città furono ampliate e nuovi centri urbani arricchirono la geografia. A Firenze vennero abbattuti interi rioni popolari definiti dal Duce un pittoresco sudicio da affidarsi a Sua Maestà il piccone, come il quartiere di Santa Croce, e Milano vide sparire la fossa interna del Naviglio. La velleità del regime di fare ordine e rendere l'Italia più efficiente ebbe ripercussioni anche sulla vita sociale, che ne fu condizionata in tutti gli aspetti, dalla dimensione lavorativa a quella scolastica e famigliare, dalla sfera sessuale, politico-culturale a quella dei divertimenti. Così fiorivano le associazioni, si moltiplicavano le attività dei dopolavoro, si epurava la lingua dalle parole straniere, si premiavano le donne più prolifiche, madri dei soldati di domani, mentre chi non procreava veniva ritenuto un traditore della patria e sul lavoro non faceva carriera, al pari dei celibi impenitenti, puniti con la tassa sul celibato.

Banche & migranti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nicoletti, Paolo

Banche & migranti : un percorso possibile / Paolo Nicoletti ; presentazione di Franco Pittau

Troina : Città aperta, 2008

Abstract: Il rapporto fra immigrati e sistema bancario. L'analisi dei dati disponibili sul risparmio e il credito degli immigrati. Quale ruolo hanno le banche nella inclusione finanziaria e sociale della clientela immigrata? Qual è il circuito delle rimesse degli immigrati nei loro paesi d'origine? Il volume risponde a queste e altre domande, delinenando alcune possibili direttrici di sviluppo per ridurre lo spazio esistente fra domanda e offerta.

Romania
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Caritas italiana

Romania : immigrazione e lavoro in Italia : statistiche, problemi e prospettive / Caritas italiana ; a cura di Franco Pittau, Antonio Ricci, Alessandro Silj

Roma : IDOS, 2008

Immigrazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Caritas italiana - Fondazione Migrantes

Immigrazione : dossier statistico 2008 : 18. rapporto sull'immigrazione / Caritas e Migrantes

Roma : IDOS, stampa 2008

Guida per l'informazione sociale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Guida per l'informazione sociale : edizione 2008 / [a cura di Sabrina Lupacchini e Sonia Postacchini]

Capodarco di Fermo : Redattore sociale, 2008

Donne, uomini e potere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sala, Emanuela <1970- >

Donne, uomini e potere : diseguaglianze di genere in azienda, politica, accademia / Emanuela Sala

Milano : Angeli, 2008

Abstract: I saggi raccolti in questo volume forniscono un quadro quantitativo aggiornato sulle dimensioni in cui si sviluppano le disuguaglianze fra uomini e donne nei luoghi del potere (segregazione verticale, orizzontale, etc.) in Italia e in Europa e propongono un impianto teorico in grado di spiegare le cause dell'ancora scarsa presenza femminile all'interno della stanza dei bottoni. Secondo il modello da noi elaborato, coloro che siedono ai vertici delle organizzazioni (per la maggior parte uomini) hanno attuato-stanno attuando forme di chiusura sociale volte a impedire ad altri raggruppamenti, le donne in questo caso, l'accesso al ricco paniere di risorse economiche e simboliche di cui sono in possesso.

Lassù i primi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Grandi, Augusto

Lassù i primi : la montagna che vince / Augusto Grandi

Torino : D. Piazza, 2008

La deriva
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Stella, Gian Antonio - Rizzo, Sergio

La deriva : perchè l'Italia rischia il naufragio / Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo

Milano : Mondolibri, stampa 2008

Le tre case degli immigrati
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Golinelli, Maria

Le tre case degli immigrati : dall'integrazione incoerente all'abitare / Maria Golinelli

Milano : F. Angeli, 2008

Abstract: Se il lavoro c'è, anche se subalterno, ma manca la casa, si può parlare di integrazione incoerente? Cosa si intende per integrazione abitativa? È sufficiente avere una casa per sperimentare la sensazione di sentirsi a casa? Una casa è data solo da muri, solo dalla comunità di abitanti, o dall'interazione tra la materia e la cultura, le aspirazioni, le abitudini e i costumi degli abitanti? Qual è il legame tra cultura e casa e come gestiscono questo rapporto gli immigrati? La casa nel Paese di origine come influisce sull'idea degli immigrati di casa ideale in Italia e quanta distanza esiste tra casa ideale e casa attuale? Il volume propone una lettura organica del tema casa degli immigrati, con l'obiettivo di verificare come si configura il bisogno-casa da parte degli immigrati, se e in che modo questo bisogno condiziona o influenza i processi di integrazione. Partendo dalla ricostruzione delle definizioni storiche e culturali del bisogno-casa e avvalendosi di due ricerche empiriche condotte nel territorio forlivese, il testo analizza i tre concetti chiave di integrazione, appartenenze molteplici e identità migrante per poi descrivere come si delinea l'abitare nella società multietnica.

Acciai speciali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Portelli, Alessandro

Acciai speciali : Terni, la ThyssenKrupp, la globalizzazione / Alessandro Portelli

Roma : Donzelli, 2008

Abstract: Il 29 gennaio 2004, la multinazionale tedesca ThyssenKrupp annuncia la chiusura del reparto magnetico delle Acciaierie di Terni. Con sorpresa di tutti, una città che da tempo pensava di essersi tolta di dosso l'identificazione con la fabbrica e cercava - senza trovarle - identità alternative, si mobilita immediatamente attorno agli operai. Settimane di picchetti, blocchi stradali, solidarietà e preoccupazione: scene che a Terni si erano viste solo mezzo secolo prima, nella rivolta seguita ai tremila licenziamenti del 1953. Questo libro parte da quei giorni per raccontare in presa diretta, con gli strumenti della storia orale, della partecipazione osservante e della passione politica, le trasformazioni di una città industriale nell'era della globalizzazione. Ascolta i cambiamenti del mondo operaio - dalla tragica dismissione degli impianti di Torino alla piena espansione dell'acciaio indiano -, l'intreccio di culture del lavoro e culture giovanili, di linguaggi sindacali e linguaggi calcistici, di senso di classe e di impulsi nazionalistici, in una forza lavoro radicalmente cambiata, capace al tempo stesso di profondo oblio e di sorprendente memoria.

Dove stiamo andando
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Toma, Andrea

Dove stiamo andando : radiografia di un paese in trasformazione / di Andrea Toma

[Roma] : Edizioni dell'asino, 2008

Abstract: La fotografia di un paese in crisi e in continua transizione, l'analisi dei principali dati sociali ed economici e delle linee di tendenza che ci permettono di comprendere dove stiamo andando, il racconto di una società attraversata da contraddizioni, vecchie e nuove disuguaglianze e da continui processi di trasformazione.

Operai
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Santoro, Carmen

Operai : chi sono, cosa pensano, come vivono e come muoiono le tute blu dell'Italia del terzo millennio / Carmen Santoro

Roma : Nutrimenti, 2008

Abstract: Nella notte fra il 5 e il 6 dicembre 2007 nell'acciaieria Thyssen Krupp di Torino chi era di turno alla linea 5 vide una piccola fiamma. Tentò di spegnerla invano. Il fuoco ebbe la meglio, intrappolando sette operai. Il tragico rogo della Thyssen il 6 ottobre 2007, ha illuminato all'improvviso una categoria dimenticata per anni e resa quasi invisibile nell'Italia del terzo millennio: quella degli operai. Oltre all'emergenza sicurezza l'incidente di Torino ha messo in luce le condizioni di vita delle tute blu italiane ma anche la loro evoluzione culturale e politica di cui un nuovo inaspettato segnale si è avuto alle ultime elezioni politiche con operai candidati nelle liste del Pd e della Sinistra Arcobaleno e con altri che invece hanno voltato le spalle alla sinistra premiando la Lega Nord. Operai racconta attraverso le storie di vita dei protagonisti chi sono, come vivono, come passano il tempo libero gli operai italiani. Quali sono le loro paure o i loro sogni.

Sicurezza di chi?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sicurezza di chi? : come combattere il razzismo / a cura di Grazia Naletto

[Roma] : Edizioni dell'asino, 2008

Abstract: È un fatto: il razzismo in Italia è legittimo. O almeno così sembra. Il libro analizza come, a partire dalle proposte sicuritarie del governo Berlusconi, dalle trasformazioni avvenute nel mercato del lavoro e dall'involuzione culturale che ha interessato la sinistra e il mondo dell'informazione, le politiche della paura hanno mutato i comportamenti quotidiani trasformando gli stranieri in nemici, legittimando l'ostilità xenofoba e la violenza razzista, sino a risuscitare i pogrom di antica memoria. Il libro prevede diversi interventi tra cui un'analisi dei nuovi provvedimenti legislativi di importanti giuristi come Caputo e Vitale, un esame del rapporto tra immigrati e lavoro a cura di Enrico Pugliese, un testo sul fenomeno dei Rom di Fulvio Vassallo Paleologo e un'analisi del linguaggio dell'informazione sui temi dell'immigrazione di Giuseppe Faso. In conclusione il libro offre un prontuario di buone pratiche contro il razzismo e per i diritti degli immigrati.

La questione settentrionale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La questione settentrionale : economia e società in trasformazione / a cura di Giuseppe Berta

Milano : Feltrinelli, 2008

Abstract: La questione settentrionale è lo sfondo sul quale si collocano i saggi che compongono questo Annale. Da un lato, il libro si interroga intorno ai confini e ai caratteri che definiscono il nuovo Nord Italia, del quale si discute intensamente in questi anni; dall'altro, esso propone ricerche che scavano nel vivo della trasformazione nella quale l'Italia settentrionale è coinvolta. In ognuna di esse, è racchiuso uno sforzo di conoscenza e di interpretazione che rifugge dai quadri consolidati per avanzare domande circa la dinamica di un cambiamento che spesso sfida e mette in crisi i nostri criteri di comprensione della realtà.Così, accanto a studi e riflessioni centrati sulla genesi della questione settentrionale (la lunga accumulazione storica, la cornice politica all’origine delle identità territoriali), si colloca una serie di analisi meticolose che spaziano dalla metamorfosi delle grandi imprese alla nascita di nuovi protagonisti imprenditoriali (la media impresa e il quarto capitalismo), dalla morfologia della terziarizzazione ai processi di riconversione territoriale, dai nuovi circuiti finanziari al sistema delle competenze mobilitato dall'ascesa dell'economia della conoscenza. Emerge, in particolare, il fitto reticolo di legami che, fa risaltare la coesione dell’area settentrionale e ne rivela la connessione con la dimensione europea e l'integrazione nel contesto delle regioni forti dello sviluppo europeo.Il concorso di questi contributi di ricerca sfocia così nel tentativo più ampio e sistematico di leggere la realtà in movimento del Nord Italia di oggi, consegnando ai lettori un ricco apparato di materiali indispensabili per capire la dinamica che contraddistingue le tendenze contemporanee.

Il mare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Frascani, Paolo

Il mare / Paolo Frascani

Bologna : Il mulino, 2008

Abstract: Nonostante l'Italia sia delimitata su tre lati da coste e spiagge, il rapporto degli italiani con il mare da popolo di navigatori si è attualizzato nel più domestico navigatori della domenica, nel moderno rito estivo della vacanza al mare. A dispetto della collocazione geografica l'immaginario collettivo dell'Italia balneare si rivela riduttivo e mostra segni di una fragilità dalle origini lontane che risalgono all'essere l'Italia una società in larga parte agraria e urbana. Per molto tempo, quasi fino alla fine del '700, il mare è rimasto custode estraneo e, a volte, ostile della storia civile del Paese. I secoli successivi alla stagione d'oro del Mediterraneo cinquecentesco sono quelli che vedono l'eclissarsi dell'identità marittima del paese e del suo primato e conseguentemente del suo declino, in termini di lavoro, produzione e utilizzazione delle risorse. Nell'800 con l'apertura del canale di Suez lo Stato, facendo lievitare la fantasia e le ambizioni della sua borghesia e con l'opera di risanamento di uomini e ambienti, innescherà meccanismi decisivi per la riformulazione dei caratteri marittimi della società italiana. Ma, al di là delle apparenze, questo processo non riuscirà a elevare la consapevolezza di sé della nuova Italia marinara.

A sud di Lampedusa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Liberti, Stefano

A sud di Lampedusa : cinque anni di viaggi sulle rotte dei migranti / Stefano Liberti

Roma : Minimum fax, 2008

Abstract: Stefano Liberti è uno dei pochissimi giornalisti italiani che da anni seguono gli aspetti meno conosciuti dei movimenti migratori dall'Africa verso l'Europa: tutto ciò che accade a sud di Lampedusa. Senza fidarsi dei luoghi comuni o lasciarsi abbindolare dai proclami sull'integrazione che verrà, ha scelto di esplorare con i propri occhi la geografia del transito tra il Sahel e il Maghreb. Ha incontrato migranti che preferiscono chiamarsi avventurieri, politici africani sudditi dei diktat europei, indiani bloccati in mezzo al deserto e piccole città sorte dal nulla: tutta fintate umanità che vive attraversando o presidiando confini.

Trent'anni dopo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Trent'anni dopo / a cura di Asher Colombo, Giuseppe Sciortino

Milano : F. Angeli, 2008

Abstract: L'immigrazione in Italia celebra ormai un compleanno impegnativo: è nel 1997 che su questo tema il Corriere della sera pubblica il primo editoriale e la Doxa svolge il primo sondaggio. A quell'epoca gli stranieri insediati nel nostro paese erano poche decine di migliaia, oggi sono oltre due milioni. I volumi di immigrazione sono da noi tra i più alti del mondo sviluppato. Si tratta di un fenomeno strutturale, destinato a mantenere, e semmai ad accrescere, la propria rilevanza: se oggi uno straniero su cinque ha meno di diciotto anni, allora l'immigrazione in Italia non ha solo un passato, ma soprattutto un futuro.

Ostaggi dello stato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ostaggi dello stato : le origini politiche del declino e dell'insicurezza : Italia 2007 : quarto rapporto sul cambiamento sociale / a cura di Luca Ricolfi

Milano : Guerini e associati, 2008

Abstract: Negli ultimi dieci anni l'economia italiana ha cominciato a perdere di competitività, e da allora il distacco dalle altre economie europee è rimasto identico. Tutti gli squilibri sociali denunciati alla fine degli anni Novanta ci sono ancora; le nostre imprese sono sempre le più tartassate d'Europa; idem per quanto riguarda la lentezza della giustizia, lo stato delle carceri, il funzionamento delle ferrovie, il costo dell'energia. Dopo gli anni spensierati della Prima repubblica, che ha visto la crescita senza freni del debito pubblico, si è tentato il risanamento dei conti dello Stato, ma con un unico strumento, e cioè la pressione fiscale. A partire dal 2000, poi, con centrodestra e centrosinistra in perfetta sintonia, abbiamo visto lo strabordare della spesa pubblica unito al taglieggiamento dei cittadini tramite nuove e fantasiose forme di tassazione. Ma come si fa a salvare lo Stato sociale aumentando la pressione fiscale, soprattutto la pressione fiscale sulle imprese? La paralisi, il declino economico non possono garantire migliori condizioni di vita ai cittadini. Infatti se vi è una chance per salvare lo Stato sociale questa passa attraverso la riduzione degli sprechi ma soprattutto attraverso l'aumento del Pil, e ciò non può avvenire se le aliquote altissime sul reddito di impresa scoraggiano gli investimenti e la creazione di nuove aziende.