Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Temi: Bergamo e provincia
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Genere Saggi

Trovati 768 documenti.

Mostra parametri
Aeternum
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Simoncelli, Nazareth

Aeternum : confitemini domino in aeternum misericordia eius / Nazareth Simoncelli

[S.l.] : Creativa, 2019

Abstract: Un giovane mercante di stoffe, segue lo zio, Cavaliere di Malta, nella battaglia di Lepanto. Solo in tre miracolosamente scamperanno alla morte. Ancora scosso per gli echi della battaglia, il giovane deciderà di partire da Malta e ritornare verso il nord dell'Italia, alla ricerca dei luoghi degli avi, delle sue radici, di sé stesso. Sono gli ultimi anni del 1500 primi '600 ed il giovane protagonista incontrerà, con gli amici di viaggio, un'Italia frantumata con la potente Spagna a dominare la scena. Il viaggio d'affari in terre mai frequentate, porterà Aeternum a confrontarsi con le vicende dei tempi, a misurarsi come uomo, marito e padre, ad affrontare le numerose sfide che l'aspettano. Il protagonista è un uomo contro, che insegue e non segue, più usato alla penna che alla spada, insofferente alle ingiustizie, alla vigliaccheria, armato di ambizione ma consapevole dei propri limiti. L'ospiterà la valle Seriana con le raffinate armi prodotte a Gromo e l'unicità dei luoghi ancora selvaggi, dominati dalle stupende cascate del Serio, confine naturale dell'Oltreildragone. Fanno da sfondo alle vicende del protagonista, duelli, vendette e rancori antichi mai risolti. Aeternum non è un eroe e non rappresenta i poteri del suo tempo. È un uomo che non si darà per vinto, lotterà e non si accontenterà di verità scontate e col passare del tempo, saprà affinarsi come un buon vino nella botte.

Nel silenzio c'era il vento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fadigati, Francesco

Nel silenzio c'era il vento / Francesco Fadigati

Bergamo : Bolis, 2019

Genius loci ; 8

Abstract: Francesco Fadigati evoca il genius loci del monastero di Astino a Bergamo nel racconto Nel silenzio c'era il vento. "Perchè tutta questa leggerezza è data a loro -proseguì Colleoni- che non hanno patito nulla, mentre io che ho sopportato l'inferno non ho un briciolo di questa pace?" Solo il vento lo ascoltava in quel momento.

Le trame di Bea. [3]: Il segreto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bozzolan, Mara - Nozza, Annalisa

Le trame di Bea. [3]: Il segreto / Mara Bozzolan, Annalisa Nozza ; prefazione di Gabriele Medolago

Viterbo : Scatole parlanti, 2019

Abstract: Archiviata l'incredibile scoperta delle lacrime della Madonna, per Bea è tempo di pensare alle nozze con il suo bel principe Andrea. Malgrado ciò, il profumo dei fiori d'arancio non la distoglie dalle consuete attività, ovvero far riaffiorare delle storie perdute, seguendo la pista di Aldobrando, Ermes e del mito dei cavalieri templari. Il castello di Urgnano è solo il punto di partenza di una nuova avventura, in cui Bea decide di affrontare più a fondo un tema straordinariamente suggestivo: la presunta presenza di Leonardo da Vinci nella bergamasca. Una prospettiva capace di rimettere in discussione ad ampio spettro non solo la storia locale ma anche molti dubbi che hanno da sempre accompagnato la figura del geniale inventore, artista e scienziato, andando a ripercorrere persino le sue passioni personali. Inizialmente Bea deve fare a meno del suo principe, in Francia per questioni di lavoro, ma può contare sugli amici di sempre, ben disposti ad assecondare il suo... imprevedibile intuito. Prefazione di Gabriele Medolago.

La sposa italiana
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Trigiani, Adriana

La sposa italiana : romanzo / Adriana Trigiani ; traduzione di Roberta Zuppet

Milano : TEA, 2019

Abstract: Bergamo, 1910. C'è tutta la gioia del primo amore nel legame che unisce Enza e Ciro: bellissima e volitiva lei, energico e riflessivo lui, già immaginano la loro vita insieme, a onta delle difficoltà concrete, quotidiane, del loro villaggio tra i monti. Ma il destino ha deciso diversamente:Ciro scopre un segreto troppo grande per il suo animo semplice e viene costretto ad andarsene lontano, addirittura al di là dell'oceano. Finirà per lavorare come apprendista nella bottega di un calzolaio a New York, a Little Italy. E in quel mondo nuovo, frenetico e pieno di possibilità, il pensiero di Enza pare sempre più lontano, sempre più sfumato... È la povertà che spinge la famiglia di Enza a compiere lo stesso viaggio verso l'America. Ferita dall'abbandono di Ciro,la ragazza si dedica anima e corpo al suo lavoro di ricamatrice e, ben presto, inizia a lavorare al Metropolitan, dove realizza abiti lussuosi per le star dell'opera lirica. Ed è lì che incontra un ricco e affascinante americano, deciso a farle dimenticare quell'amore che appartiene a un altro tempo e a un altro continente... Non sapendo di vivere nella stessa città, Enza e Ciro s'incamminano su strade sempre più divergenti: il successo negli affari per lui e la promessa di una vita agiata per lei. Il passato è dimenticato, il presente è sereno, il futuro sembra tracciato. Poi, un giorno, Enza e Ciro si incontrano di nuovo. E tutto cambia.

L'ultimo respiro del corvo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Brena, Silvia - Salvini, Lucio

L'ultimo respiro del corvo : l'omicidio Caravaggio / Silvia Brena e Lucio Salvini

Milano : Skira, 2019

Abstract: Caravaggio è stato davvero ucciso? Come e da chi? E chi ha voluto la sua morte? Il mistero si nasconde tra le pieghe di una copia di un quadro famoso, il "Martirio di sant'Orsola", dipinto dal Caravaggio poco prima di morire e da molti ritenuto una denuncia del suo assassinio. Un mistero che un critico d'arte sui generis, gay, tormentato, ipocondriaco e coltissimo, è chiamato a risolvere. Un cold case che si dipana nel corso dei secoli e che porterà a scoprire i veri responsabili della morte del pittore, ma anche a sollevare il velo su uno dei peggiori casi di corruzione e malaffare all'interno del Vaticano

Il barcaiolo del lago
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Paris, Alessandro <1945- >

Il barcaiolo del lago / Alessandro Paris

Bergamo : Silele, 2019

Abstract: Il lago d'Iseo incastonato, come un diamante, tra montagne verdeggianti, Sarnico, dove il lago ridiventa fiume, la perla del Sebino, fanno da sfondo alla storia di Marco Augusto, figlio di Fino il costruttore di barche. Lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale e soprattutto la successiva entrata in guerra dell'Italia sconvolgono la vita di coloro che lavorano presso il cantiere e allontanano Marco Augusto dal suo amato lago. Dopo la liberazione è tempo di ricostruire ciò che è andato distrutto. Anche il cantiere nautico viene man mano riparato fino a riprendere la sua regolare attività. Marco Augusto, tornato a Sarnico, conosce il grande amore e nel frattempo continua a perseguire il suo ambizioso progetto lavorativo.

Giopì a l'infèren
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cavagnari, Giuseppe

Giopì a l'infèren / Giuseppe Cavagnari ; trascrizione e traduzione di Umberto Zanetti

Bergamo : Lubrina Bramani, 2018

Sarnico e il caso dell'ingegnere scomparso
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Vitali, Roberto <1978- >

Sarnico e il caso dell'ingegnere scomparso / Vitali Roberto

[S.l.] : Silele, 2018

Abstract: Un misterioso omicidio avviene a Sarnico; l'ispettore Bellini - con il suo fido aiutante Valsecchi - collaborano con il Corpo dei Carabinieri del luogo per risolvere il caso.

L'innocente
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mauro, Francesco <1959- >

L'innocente / Francesco Mauro

[Bergamo] : Silele, 2018

Abstract: Clusone, tardo pomeriggio di una giornata estiva. Il cielo azzurro è improvvisamente cancellato da nuvole nere che nascondono il sole. L'aria profuma di pioggia che da lì a poco si abbatte sulla città. Erano le diciotto e trenta, quando su Villa Pandori si abbatté il temporale. Un lampo, nella camera da letto, illuminò un uomo con lo sguardo fisso nel vuoto. In mano stringeva un lungo coltello, a terra una donna in una pozza di sangue. L'urlo della governante, la fuga dell'uomo, l'inseguimento nei boschi, la cattura; eppure quell'uomo si dichiara innocente.

Eva
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bertasa, Romano

Eva : la partigiana della Val Gandino / Romana Bertasa

Albino : Editoria, [2019?]

Abstract: Ambientato nell'ultimo periodo della II guerra mondiale dove, tra i fatti reali di una guerra fratricida e di liberazione del nazifascismo, si snoda la vicenda immaginata di due giovani reclute delle forze partigiane, dai nomi di battaglia evocativi come Eva e Orso ed un amore che si dimostra più forte delle stragi e delle nefandezze tra le quali si snoda il racconto. Il tutto nella Val Gandino, dove tragedie vere si sono consumate, sia pure con minor eco di stampa e memoria rispetto alle altre più note stragi di quel periodo

Giallo bergamasco
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carminati, Marco

Giallo bergamasco : intrighi e spie in terra orobica nella Belle Époque : romanzo / Marco Carminati

Bergamo : Grafica & arte, 2018

Abstract: C’è un fil rouge, anzi più propriamente un fil noir, che unisce le Crociate in Terra Santa alla soppressione violenta dei Templari; la “cattività avignonese” del papato al Petrarca ospite dei Visconti nel Castello di Pagazzano; le spregiudicate ambizioni dinastiche di Casa Savoia ai misfatti giacobini e alle trame massoniche internazionali, alla vigilia della Grande Guerra? Parrebbe di sì da quanto emerge dalle indagini sugli omicidi avvenuti durante le seicentenarie celebrazioni petrarchesche nei saloni delle Terme di San Pellegrino, meta mondana delle più raffinate nella Belle Époque, che si spiegano solo alla luce di fatti ed intrecci svoltisi tra le fertili pianure di Damasco, le quinte silenziose del Castello di Pagazzano, nella dolce campagna bergamasca, le pietre gloriose, grondanti di storia, dell’abbazia di Altacomba e molti altri luoghi, fra cui non poteva ovviamente mancare la città santuario delle spie di tutti i tempi, Istanbul, leggendario ponte fra l’Asia e l’Europa. Ma la verità riportata alla luce dagli investigatori è particolarmente imbarazzante in giorni che vedono ammassarsi sul capo di gran parte dell’umanità i terribili venti di guerra e molti vorrebbero poterla cancellare, insieme con le gravi responsabilità personali e collettive, con un colpo di spugna. E in effetti l’eco degli spari registrati in una Valle Brembana sino ad un attimo prima sonnacchiosa e tranquilla, rivelatasi invece a sorpresa uno scrigno di inquietanti misteri ed efferati delitti, non sarà sufficiente ad evitare o sovrastare il fragore di un mondo che di lì a poco si sarebbe scientemente precipitato nel baratro.

Il testimone
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carminati, Marco

Il testimone : ipotesi stravaganti su Fermo Stella, la sua terra e i suoi capolavori : romanzo breve / Marco Carminati

Bergamo : Grafica & arte, 2017

Abstract: L'affresco policromo della Crocifissione, dipinta in San Bernardino a Caravaggio dal cinquecentesco pittore locale Fermo Stella, è una sorta di meraviglioso fumetto, concepito sei secoli fa con finalità didattiche, secondo la catechesi di un tempo, per una popolazione non sempre in grado di leggere, e altrimenti esclusa dalla conoscenza della dottrina e della storie di fede. Ma è anche il pretesto di una curiosa vicenda, capace di coinvolgere persino un Angelo vero, sotto la cui guida il lettore potrà confrontarsi con una nutrita serie di ipotesi in risposta alle troppe lacune ancora rimaste attorno a un bravo artista ingiustamente misconosciuto, alle sue opere e al suo territorio.

Una storia incredibile
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sìrtori Cavaliere, Jole

Una storia incredibile : romanzo / Jole Sìrtori Cavaliere

Foggia : Edizioni del Rosone, 2017

Sacra maestà, ho Bergamo nel cuore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carminati, Marco

Sacra maestà, ho Bergamo nel cuore : un'autobiografia mai scritta da Giacomo Quarenghi : romanzo / Marco Carminati

Bergamo : Grafica & arte, 2017

Abstract: Era un ottobre insolitamente piovoso anche per Bergamo, quello del 1810, quando il celebre architetto Giacomo Quarenghi approdò nuovamente alla sua terra natale. Si lasciava alle spalle le nevi ormai tornate abbondanti a San Pietroburgo, ma il gelo che lo attanagliava veniva dal cuore, non dalle membra frustate dall’acqua e dal vento, mentre si affacciava alla carrozza a cavalli, in vista delle mura venete arroccate sul colle. Da tempo ormai nessun fuoco era più capace di ridargli vigore: da quando l’amata consorte Maria Fortunata Mazzoleni era morta, partorendo il quattordicesimo figlio. Tanti erano infatti i bambini che aveva donato al marito, quasi in muta competizione con le non meno numerose creature di pietra e mattoni, ininterrottamente sfornate dal genio dell’architetto più famoso d’Europa. Poi tutto, all’improvviso, era crollato con la morte della sposa adorata. A poco servì infatti anche la parentesi in terra bergamasca, in quei mesi alla fine del 1810, quando s’illudeva di ritrovare i volti amici e gli affetti di ieri. Quarenghi, rientrato in Italia da poco, non aveva potuto sottrarsi alla commessa di un arco trionfale per quel Napoleone, che pur detestava e dal quale fuggì nuovamente, tornando in Russia, che non volle lasciare, ignorando l’ordine dell’Imperatore francese a tutti gli artisti soggetti alla sua maestà, di rientrare subito dopo l’avvio della Campagna militare in quelle terre gelate. L’orgoglio impediva all’architetto famoso, ormai residente da trentasei anni in un Paese dal clima inospitale, di far «nuovo ed ultimo approdo alla terra di Bergamo», ove trascorrere gli ultimi giorni. Era ormai quasi cieco e aveva soli compagni i ricordi, insieme al rimpianto di non poter mettere piede, come lasciò scritto nei suoi appunti, «in quella nostra Italia ormai desolata, ma sempre Italia e a Bergamo prima, che patria sopra ogni altra abbiamo in cuore». Una ricognizione avvincente della singolare esperienza umana ed artistica del grande architetto, che lasciò nel mondo un’impronta personale unica ed inimitabile di cui l’Italia e Bergamo vanno particolarmente fiere nel bicentenario di morte.

Un bagliore e poi il caos
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Un bagliore e poi il caos : 4. edizione del concorso di scrittura ideato dal Progetto adolescenza del Comune di Albino

Mornico : Standgreen, 2018

Il respiro leggero dell'Africa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Barbone, Nuccio

Il respiro leggero dell'Africa / Nuccio Barbone

Villanova di Guidonia : Aletti, 2017

Gli emersi. Narrativa

Abstract: L'arrivo di un telegramma inviato dal consolato del Ghana sconvolge la vita di Luca, un giovane bancario di Bergamo che passa la vita tra il tennis e le ragazze. Luca scopre così che il proprio padre, da sempre ritenuto morto tanti anni prima, si era trasferito in Ghana dove aveva costruito un impero economico in diversi settori commerciali e solo recentemente era deceduto citandolo nel testamento. In Africa Luca si troverà proiettato in una inaspettata realtà che farà crollare tutte le sue certezze. Il tennis, il lavoro in banca, la vita spensierata e gaudente perderanno interesse e Luca prenderà decisioni che lo porteranno a cambiare definitivamente la sua vita.

Pensieri ed emozioni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pensieri ed emozioni : concorso artistico-letterario : Anno 2016/2017

Bergamo : Sestante, 2017

Io sono te
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Io sono te : 3. edizione del concorso di scrittura ideato dal Progetto adolescenza del Comune di Albino

Mornico : Standgreen, 2017

La vera storia di Gottardo Archi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sapienza, Davide

La vera storia di Gottardo Archi / Davide Sapienza

Azzano San Paolo : Bolis, 2017

Abstract: Intorno al ritrovamento di undici rudimentali tele di uno sconosciuto pittore, Gottardo Archi, vissuto nel borgo di Valverde a Bergamo dalla metà del XVI secolo, si snoda la narrazione che, come nei fotogrammi di un film lungo tre decenni, racconta e interpreta il trauma, paesaggistico e psicologico, dell’edificazione delle Mura venete (1561-91) che muterà per sempre e in modo irreversibile il volto di quel miracolo d’architettura e urbanistica che è Città Alta

Il sogno di Giuliano Preda
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Adinolfi, Ciro

Il sogno di Giuliano Preda / Ciro Adinolfi

Villanova di Guidonia : Aletti, 2017

Abstract: "Diventerà una guerra di possesso, in cui si deciderà del mio futuro, della mia appartenenza all'agire o al sognare. Sarà la volta più estrema della mia vita. Ancora una volta. E non desidero altro." Nello scenario urbano di una Bergamo vista con occhi diversi dallo sguardo rigido della quotidianità, Giuliano Preda riscopre la sua esistenza attraverso esperienze ed incontri diversi, tra i quali spicca quello con Valentina: in un attimo, con poche parole dette frettolosamente, ogni sua certezza viene demolita, ed a partire da quel momento avrà la necessità di ritrovarsi e ricostruirsi in maniera nuova per poter affrontare al meglio ciò che nemmeno si aspetta di incontrare nella sua vita. Una storia breve, intensa, sviluppata attraverso un lungo flusso di coscienza, nel cui dispiegarsi ogni banale dettaglio è reso cruciale, agli occhi del protagonista, per la propria sopravvivenza.