Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Temi: Bergamo e provincia
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 1998
× Lingue Tedesco

Trovati 9739 documenti.

Mostra parametri
La Via Mercatorum
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La Via Mercatorum : tra Serina, Dossena, Cornello dei Tasso e San Giovanni Bianco

[S.l. : s.n., 2019?]

Dialetti alpini bergamaschi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ettmayer, Karl : von

Dialetti alpini bergamaschi / Karl Von Ettmayer ; edizione e note a cura di Federica Guerini ; traduzione di Claudio Ferrini

Firenze : Cesati, 2019

Abstract: Karl von Ettmayer (Jessenetz 1874 - Vienna 1938) è romanista di origine austriaca, prominente allievo di Hugo Schuchardt e di Wilhelm Meyer-Lübke, due degli esponenti più illustri della linguistica romanza a livello internazionale nella seconda metà dell'Ottocento. Il presente volume è la traduzione in lingua italiana dell'edizione che l'autore pubblicò a Lipsia nel 1903. Rappresenta una rarità editoriale e bibliografica: la ricostruzione del sistema fonologico del dialetto bergamasco di fine Ottocento-inizio Novecento reso famoso dal film di Ermanno Olmi "L'albero degli zoccoli". Il lavoro di Ettmayer è completato da un accurato apparato di indici (dei nomi, delle lingue e dei dialetti citati e delle forme)

Nel silenzio c'era il vento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fadigati, Francesco

Nel silenzio c'era il vento / Francesco Fadigati

Bergamo : Bolis, 2019

Genius loci ; 8

Abstract: Francesco Fadigati evoca il genius loci del monastero di Astino a Bergamo nel racconto Nel silenzio c'era il vento. "Perchè tutta questa leggerezza è data a loro -proseguì Colleoni- che non hanno patito nulla, mentre io che ho sopportato l'inferno non ho un briciolo di questa pace?" Solo il vento lo ascoltava in quel momento.

Le mie comunità medievali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zonca, Andrea

Le mie comunità medievali : uomini, terre, edifici e istituzioni del bergamasco dall'alto Medioevo all'età comunale / Andrea Zonca

Bergamo : Archivio bergamasco centro studi e ricerche, 2019

Abstract: Il volume raccoglie una trentina di saggi di Andrea Zonca, storico, paleografo ed archivista, socio di Archivio Bergamasco dal 1982 e poi presidente dal 1987 al 1996. Nella scelta dei saggi da inserire in volume, operata tra una ricca bibliografia composta da più di settanta titoli, testimonianza di un prezioso lascito intellettuale per la storiografia medievale bergamasca, si è data priorità agli inediti e a quei saggi che, se pure editi, per essere apparsi in sedi editoriali pressoché sconosciute o su testate di non facile reperibilità, non hanno goduto della meritata attenzione. Si è anche voluto offrire ai lettori una selezione che fosse rappresentativa dei multiformi interessi storiografici di Zonca, nonché della loro varia tipologia e destinazione. I saggi sono pubblicati secondo l’ordine cronologico dei temi svolti. Si configura così un volume in cui lavori di diversa provenienza si dispongono come capitoli di una lunga ricerca, che dalla romanizzazione del territorio bergamasco, passando per l’età longobarda e carolingia giunge sino alla nascita dei Comuni con l’emancipazione dai poteri signorili delle popolazioni rurali. Ne risulta un originale e per molti versi inedito affresco del Medioevo a Bergamo, frutto di studi rigorosamente condotti sulle fonti. Il volume è corredato di cinque Indici: nomi di persona/ nomi di luogo/istituzioni / soggetti / fonti.

Terre indiane
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Burini, Emanuela

Terre indiane : Giacomo Costantino Beltrami nel Nuovo Mondo (1823-1830) / Emanuela Burini

Verona : Ombre corte, 2019

Abstract: Terra di esuli politici e cercatori d'oro, l'America dei primi dell'Ottocento attirò diverse categorie di migranti che vi approdarono in cerca di nuove opportunità. In fuga dalla Polizia pontificia perché accusato di massoneria e di aver partecipato ai moti marchigiani del 1817, Giacomo Costantino Beltrami (1779-1855) scelse il Nuovo Mondo come terra da esplorare, in senso romantico, ma anche come meta politica, guardando con ammirazione al neonato modello federale di democrazia. Viaggiatore italiano pressoché solitario, Beltrami lasciò tracce significative sia nei territori del Nord Ovest americano (Minnesota, Dakota) sia, in senso figurato, nella letteratura epistolare del tempo e nei romanzi con protagonisti indiani (Le Voyage en Amérique, The Last of the Mohicans). Tra i primi viaggiatori a osservare con curiosità le usanze di altri popoli, in particolare dei nativi americani, Beltrami consegnò, al suo rientro in Europa nel 1830, trenta bauli di oggetti amerindiani, pensando con lungimiranza alla loro utilità per gli scienziati e gli etnologi del tempo. Filantropo e scrittore moderno, Beltrami fu inoltre difensore dei nativi contro la conquista spagnola, nonché antirazzista nel periodo in cui gli enciclopedisti e i filosofi, a eccezione di Rousseau, nutrivano preconcetti razziali e discriminavano i popoli extraeuropei.

Abelàse
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Abelàse : quaderni di documentazione locale : le rosse

Ponte San Pietro : Sistema bibliotecario area nord-ovest, Provincia di Bergamo, 2019

Le trame di Bea. [3]: Il segreto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bozzolan, Mara - Nozza, Annalisa

Le trame di Bea. [3]: Il segreto / Mara Bozzolan, Annalisa Nozza ; prefazione di Gabriele Medolago

Viterbo : Scatole parlanti, 2019

Abstract: Archiviata l'incredibile scoperta delle lacrime della Madonna, per Bea è tempo di pensare alle nozze con il suo bel principe Andrea. Malgrado ciò, il profumo dei fiori d'arancio non la distoglie dalle consuete attività, ovvero far riaffiorare delle storie perdute, seguendo la pista di Aldobrando, Ermes e del mito dei cavalieri templari. Il castello di Urgnano è solo il punto di partenza di una nuova avventura, in cui Bea decide di affrontare più a fondo un tema straordinariamente suggestivo: la presunta presenza di Leonardo da Vinci nella bergamasca. Una prospettiva capace di rimettere in discussione ad ampio spettro non solo la storia locale ma anche molti dubbi che hanno da sempre accompagnato la figura del geniale inventore, artista e scienziato, andando a ripercorrere persino le sue passioni personali. Inizialmente Bea deve fare a meno del suo principe, in Francia per questioni di lavoro, ma può contare sugli amici di sempre, ben disposti ad assecondare il suo... imprevedibile intuito. Prefazione di Gabriele Medolago.

Pradalunga Monte Misma
0 0 0
Materiale cartografico

Pradalunga Monte Misma : carta dei sentieri e mtb

Costa di Mezzate : Ingenia, [2019]

Guardami
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Guardami : Pepi Merisio : [Bergamo, Convento di San Francesco, 8 maggio-1 settembre 2019] / testi di Denis Curti

[Sondrio] : Lyasis, 2019

Abstract: "Il titolo di questa mostra - 'Guardami' - l'ho voluto proprio io perché era la domanda che facevo ai miei soggetti al primo incontro. Ho sempre pensato, anzi sentito, che la fotografia debba essere un colloquio e se non ci si guarda negli occhi è molto difficile capirsi. 'Guardami', la domanda che c'era nel mio obiettivo fotografico di fronte a un soggetto, uomo o cosa che fosse. E quando lo sguardo quasi faceva scattare da solo l'otturatore, la tensione calava e avevo la sensazione di aver conquistato qualcosa di importante, di vero. Era quindi un discorso di sguardi. E il 'guardami' valeva per tutti i soggetti, persino per i paesaggi, perché in tutte le situazioni c'è proprio il momento magico che quasi esige lo scatto." (Pepi Merisio)

Il volo del corvo timido
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Meroi, Nives

Il volo del corvo timido : l'Annapurna e una scalata d'altri tempi / Nives Meroi

Milano : Rizzoli, 2019

Abstract: «Con quest'ultima perla abbiamo chiuso la nostra collana» scrive Nives Meroi tornando a Kathmandu dopo aver completato con l'Annapurna la salita di tutti e quattordici gli ottomila della Terra. Sempre in cordata con il marito Romano, sempre con uno stile leggero ed essenziale, senza bombole d'ossigeno né climbing sherpa. Il loro percorso non è stato solo un inno alla bellezza dei paesaggi sconfinati, ma anche un itinerario di crescita e consapevolezza. Ogni cima ha segnato un passaggio - soprattutto il Kangchendzonga, con la malattia e la guarigione di Romano - e ha portato un insegnamento, come quest'ultima, l'Annapurna. Nives e Romano sono partiti senza sapere che avrebbero affrontato un cammino di cambiamento: pensavano di escludere l'elicottero ma ne hanno fatto uso, credevano di salire solo in coppia e hanno dovuto aprirsi a una cordata allargata, con due cileni e due spagnoli, molto diversi da loro. Eppure, «proprio lì dove gli opposti si sono incontrati, si è sprigionata l'energia per resistere insieme alle bufere, agli ostacoli, fino a sparigliare le carte di una partita che sembrava persa». Solo mettendosi ciascuno in gioco con la propria esperienza (Romano a ricercare il tracciato ideale, i cileni con la forza gagliarda della giovinezza...), e ponendo tutti quanti in dubbio le proprie presunte certezze (cosa è essenziale? cosa superfluo?), hanno potuto compiere un'impresa che altrimenti sarebbe stata impossibile. Una scalata d'altri tempi, fatta di rispetto per la montagna e fiducia negli altri, a dimostrazione che in natura non esiste forza più formidabile dell'alleanza tra persone, della solidarietà e della collaborazione. Un atto di ribellione all'individualismo del nostro tempo cinico. Quasi un'utopia che prende forma.

Il diario di Anne Frank e altre pagine
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Il diario di Anne Frank e altre pagine : bambine e bambini nella Shoah : giorno della memoria 2019 / a cura di Fondazione Serughetti La Porta, Acli, ANPI provinciale, Comune di Bergamo, Assessorato istruzione formazione università sport ; in collaborazione con ANPI-Sezione di Bergamo e Comunità San Fermo

[Bergamo] : Comunità San Fermo, [2019]

La mia città
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Progetto Elaborando

La mia città : Bergamo / Progetto elaborando

Presezzo : Istituto Superiore Betty Ambiveri, 2019

Abstract: LA MIA CITTÀ è un prodotto editoriale che corona un percorso di conoscenza attiva del territorio, finalizzato ad acquisire strumenti utili alla decodifica delle testimonianze storiche e archeologiche del territorio, al fine d’identificare le dinamiche socio-culturali che, nel corso dei secoli, hanno determinato l’assetto urbano, economico e antropologico della nostra città. L’attività, articolata in sessantasei ore di laboratorio, ha consentito di sperimentare le potenzialità della fotografia, e si è concretizzata in un volume che restituisce un’interessante chiave di lettura delle molteplici emergenze monumentali, e non solo, che caratterizzano Bergamo.

Placido
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Belingheri, Giuseppe

Placido : imprese e sogni di uno spirito libero / Giuseppe Belingheri

[S.l. : s.n., 2019] (Vilminore di Scalve : Graphicscalve)

La Arti e mestieri
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La Arti e mestieri : già Scuola professionale di disegno e plastica e ancor prima Scuola di disegno d'ornato : Sarnico 1872-2008 / [a cura di Giuseppe Bettera]

Sarnico : Biblioteca comunale di Sarnico, 2019

San Zenone di Cene
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Peracchi, Rosa

San Zenone di Cene : cultura, arte e storia di una comunità / Rosa Peracchi ; [con la collaborazione di] Palma Rita Rizzo e Angelo Mistri

[Cene] : Circolo culturale Insieme per Cene, 2019

Giulio Oggioni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carzaniga, Gianni

Giulio Oggioni : il cammino pastorale della Chiesa di Bergamo 1977-1991 / Gianni Carzaniga, Arturo Bellini

Bergamo : Corponove, 2019

All'asilo si sta bene e s'imparan tante cose...
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Brembilla, Giovanni

All'asilo si sta bene e s'imparan tante cose... : cura ed educazione dell'infanzia ad Albegno / Giovanni Brembilla

Clusone : Equa, 2019

La sposa italiana
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Trigiani, Adriana

La sposa italiana : romanzo / Adriana Trigiani ; traduzione di Roberta Zuppet

Milano : TEA, 2019

Abstract: Bergamo, 1910. C'è tutta la gioia del primo amore nel legame che unisce Enza e Ciro: bellissima e volitiva lei, energico e riflessivo lui, già immaginano la loro vita insieme, a onta delle difficoltà concrete, quotidiane, del loro villaggio tra i monti. Ma il destino ha deciso diversamente:Ciro scopre un segreto troppo grande per il suo animo semplice e viene costretto ad andarsene lontano, addirittura al di là dell'oceano. Finirà per lavorare come apprendista nella bottega di un calzolaio a New York, a Little Italy. E in quel mondo nuovo, frenetico e pieno di possibilità, il pensiero di Enza pare sempre più lontano, sempre più sfumato... È la povertà che spinge la famiglia di Enza a compiere lo stesso viaggio verso l'America. Ferita dall'abbandono di Ciro,la ragazza si dedica anima e corpo al suo lavoro di ricamatrice e, ben presto, inizia a lavorare al Metropolitan, dove realizza abiti lussuosi per le star dell'opera lirica. Ed è lì che incontra un ricco e affascinante americano, deciso a farle dimenticare quell'amore che appartiene a un altro tempo e a un altro continente... Non sapendo di vivere nella stessa città, Enza e Ciro s'incamminano su strade sempre più divergenti: il successo negli affari per lui e la promessa di una vita agiata per lei. Il passato è dimenticato, il presente è sereno, il futuro sembra tracciato. Poi, un giorno, Enza e Ciro si incontrano di nuovo. E tutto cambia.

Ridere ricordando Aldo Bortolotti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ridere ricordando Aldo Bortolotti : [Orio al Serio, Oriocenter, 6-20 aprile 2019] / a cura di Dino Aloi & Paolo Moretti

Bergamo : Ducato di Piazza Pontida, [2019]

L'identità di un luogo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

L'identità di un luogo / a cura di Andrea Crupi

Bergamo : Lubrina, 2019

Abstract: Testi di Roberto Bruni Sabino Gervasio Giancarlo Borra Laura di Bella Marco Ravasio Raffaella Ferrari. "Ciò che fu l'Ospedale Maggiore di Bergamo è raccontato nei quadri fotografici di Andrea Crupi, immersosi nella realtà rimasta vuota e dismessa per trarne la vitalità che vi si è generata per decenni, a cavallo di due secoli. Scorrendo le istantanee, è facile immaginare il viavai di camici bianchi, gli sguardi speranzosi dei degenti che incrociano quelli di assistenti e operatori, le persone in attesa di un esame o di un esito per sé o per una persona cara. Un luogo non viene lasciato completamente vuoto, anche quando è destinato a scomparire, se ha concentrato stati d'animo tanto diversi eppure così comuni. Conservarne l'identità è non solo meritevole ma permette di abbracciarne l'importanza e il lustro maturati con i meriti di chi vi ha profuso professionalità nel rispetto di una vocazione all'aiuto e nell'interesse a fare bene". (Dalla prefazione di R. Bruni)