Includi: tutti i seguenti filtri
× Genere Saggi
× Paese Svizzera
× Data 2010
× Nomi Gualdoni, Flaminio

Trovati 2 documenti.

Mostra parametri
Dizionario Skira dei termini artistici
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gualdoni, Flaminio

Dizionario Skira dei termini artistici / Flaminio Gualdoni

Ginevra [etc.] : Skira, 2010

Abstract: Capire la storia dell’arte attraverso la storia dei suoi termini: una lettura erudita e piacevole.I perché, i cosa, i come dell’arte in 252 voci. Uno strumento fondamentale per studiosi, critici, mercanti, studenti, appassionati lettori eclettici.I temi, i modi, i concetti, le nozioni, le tecniche dell’arte sono per la prima volta non semplicemente spiegati, ma narrati per voci concepite come brevi saggi. Di ogni lemma vengono offerti un inquadramento storico, la descrizione dell’evoluzione nella storia, dal suo apparire ai giorni nostri, le citazioni delle fonti storiche e contemporanee che l’hanno trattato – da Leonardo a Kandinskij, dai trattati medievali alle avanguardie attuali – restituendone tutta la ricchezza concettuale e la suggestione.Opera senza confronti nell’attuale panorama editoriale, non solo italiano, il volume affianca al rigore storico e alla ricchezza della documentazione una moderna, curiosa, libera erudizione. Decisivo è il suo stile di scrittura lineare e comprensibile, accessibile e accattivante anche per lettori non specialisti, che vi troveranno la spiegazione non solo dei “cosa” e dei “come” dell’arte, ma anche dei “perché”.

Longhi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gualdoni, Flaminio

Longhi / Flaminio Gualdoni

Ginevra [etc.] : Skira, 2010

Abstract: Dotato di uno spirito brillante, Longhi dipinse scene di vita veneziana, colte sempre con acutissimo spirito di osservazione e con ironia sottile e garbata, nei palazzi patrizi come nelle abitazioni borghesie nei campielli della città lagunare. Come si legge negli scritti di Bernard Berenson Longhi dipinse per i veneziani appassionati di pittura la loro stessa vita, in tutte le sua fasi quotidiane, domestiche e mondane. Nelle scene riguardanti l'acconciatura e l'abbigliamento della dama, troviamo il pettegolezzo del barbiere imparruccato, le chiacchiere della cameriera; nella scuola di danza, l'amabile suono del violino. Non c'è nessuna nota tragica... Un senso di profonda cortesia di costumi, di grande raffinatezza, insieme con un onnipresente buonumore distingue i dipinti del Longhi da quelli di Hogarth, a volte così spietato e carico di presagi di mutamento.