Includi: tutti i seguenti filtri
× Genere Saggi
× Editore Lubrina Bramani <casa editrice>
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 2000

Trovati 10 documenti.

Mostra parametri
Bergomum
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bergomum : un colle che divenne città : [Bergamo, Palazzo della Ragione, 16 febbraio-19 maggio 2019] / [mostra a cura di Stefania Casini, Maria Fortunati]

Bergamo : Lubrina Bramani, 2019

Abstract: Bergomum è la prima, grande mostra che ricompone in un racconto complessivo le tracce di una storia millenaria che l’archeologia ha riportato in luce sotto la pelle della città. Il visitatore, come un antico romano, percorre il tragitto che conduce nel cuore di Bergomum, con i suoi suoni e i suoi abitanti, il foro monumentale, l’anfiteatro per i giochi gladiatori, il teatro, le botteghe, le terme pubbliche e le ricche domus. Promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo e dalla Soprintendenza Archeologia di Bergamo e Brescia,e curata da Stefania Casini e Maria Fortunati, Bergomum è una mostra diffusa che dal Palazzo della Ragione prosegue nelle aree archeologiche urbane.

Arte e architettura nel cimitero di Bergamo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Raimondo, Valentina

Arte e architettura nel cimitero di Bergamo / Valentina Raimondo

[Bergamo] : Lubrina Bramani, 2018

Battista, storia di un partigiano
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonetti, Roberto

Battista, storia di un partigiano / Roberto Bonetti

Azzano San Paolo : Lubrina, 2018

Abstract: È la vicenda, ambientata prima e dopo l’8 Settembre 1943, di Battista Farisè, una fiamma verde del gruppo C7 settore Pizzo Badile comandato da Gianni Guaini. Il libro narra anche l’esperienza precedente del partigiano, vissuta dal 1941 sul fronte della Slovenia come guardia alla frontiera

Una dimora boschiva del 18. secolo: il casino di caccia «canaletta» a Nembro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Agazzi, Dario

Una dimora boschiva del 18. secolo: il casino di caccia «canaletta» a Nembro / Dario Agazzi

Bergamo : Lubrina Bramani, 2018

Abstract: La Valle Seriana bergamasca ha una ricca storia venatoria - condivisa con quella Brembana - connessa in modo particolare all'aucupio (uccellagione), ma i luoghi che a questa sono attinenti - com'è il caso del casino di caccia detto "Canaletta", ubicato a Nembro e appartenente alla famiglia Savoldi fin dal secolo scorso a partire da Renato Savoldi (1918-1976), figlio di Nicola (1864-1952), uomo d'affari, artista e Giudice Conciliatore - sono in sostanza ignorati o fraintesi. Questo saggio si ripropone di colmare una lacuna bibliografica, approfondendo due saggi pubblicati in precedenza: Il casino di caccia "Canaletta" a Nembro (2015) e Storia del casino di caccia "Canaletta" (2017).

Via Matris Domini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Frattini, Pilade

Via Matris Domini / Pilade Frattini

Bergamo : Lubrina Bramani, 2018

Abstract: Nel giugno 1940 l'Italia fascista abbandonò la formula di "non belligeranza" e affiancò la Germania in quella che qualcuno si illuse potesse essere una blitzkrieg, una guerra lampo. Nel clima infuocato di quegli anni, che non risparmiò la popolazione civile, e nel radicale cambiamento che la guerra portò nelle famiglie, nella scuola e nei rapporti sociali a tutti i livelli, l'autore dà voce ai ragazzi della sua generazione, a coloro "che il dramma della guerra l'hanno vissuto personalmente, l'hanno toccato con mano", svelando, in un rigoroso inquadramento storico, gli stati d'animo e i sentimenti che caratterizzarono la vita di tutti i giorni di quei bambini e delle loro famiglie. Un intreccio di vicende autobiografiche e di eventi storici che esprimono il clima di quel periodo senza mostrarne le atrocità ma permettendo al lettore di avvertire l'aria che si respirava a Bergamo quando ancora i piccoli e i grandi giocavano per strada, come succedeva, appunto, in via Matris Domini.

Quel giorno che l'Atalanta conquistò lo scudetto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ravanelli, Renato

Quel giorno che l'Atalanta conquistò lo scudetto : quando la fantascienza diventa realtà / Renato Ravanelli ; a cura di Igor Acerbis

Bergamo : Lubrina Bramani, 2018

Abstract: Non ha una data precisa il «miracolo» atalantino. Chissà mai quando è successo? Nel sogno dell'autore che tanto ha amato la squadra bergamasca emergono la storia di questa straordinaria società, le vicende dimenticate, i suoi protagonisti e le curiosità meno note. Nelle pagine affiorano il grande amore dei bergamaschi per la compagine calcistica e il fiero attaccamento per la città. Un rapporto, quello fra l'Atalanta e Bergamo, che va al di là delle dimensioni sportive. L'Atalanta è la squadra di calcio di una piccola città, tra le più belle e caratteristiche d'Italia: un gioiello di squadra per una meraviglia di città! Secondo la mitologia greca, Atalanta era una splendida principessa, un'eroina, una ninfa,: troppo poco per i tifosi bergamaschi, che con fervida fantasia l'hanno trasformata in una dea. L'Atalanta è «la Dea».

Una promessa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Teani, Raffaello

Una promessa : il mio viaggio a Nyagwethe / Raffaello Teani ; prefazione di Stefano Golfari

Bergamo : Lubrina Bramani, 2018

Abstract: "Un racconto che va veloce, di corsa, per sette giorni sette non si ferma mai. Sono pochi sette giorni? Sono tanti. Tanti se li vivi come ce li descrive Raffaello e davvero, questa corsa frenetica fra un impegno e l'altro del gruppetto di amici bergamaschi capitanati da Susanna, costantemente inseguito da uno sciame di ragazzini sorridenti e insieme pressato da problemi urgenti, vitali, veri; basta a svelarti, in controluce, chi era Franco Pini, che cosa ha saputo fare e quanto ha saputo correre, lui. Ti ritrovi dentro la sua Africa, e corri anche tu appena albeggia in cielo un nuovo giorno (come la proverbiale gazzella che fugge il leone). Lì, sulle sponde del lago Vittoria dove il grande Franco scoprì, folgorato dalla sfida, il bellissimo e poverissimo villaggio di Nyagwethe. Da solo, caparbio, instancabile, correndo avanti e indietro fra Kenya e Ponteranica, ci dimostrò che anche un singolo uomo può cambiare il mondo in meglio, con una forza che può ancora - eccome - caricarsi sulle spalle tutte le nostre paure, debolezze, ipocrisie, scuse... e conferirle alla più vicina discarica." (Dalla prefazione di Stefano Golfari)

Rina Sara Virgillito
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rina Sara Virgillito : poeta e traduttore : atti del Convegno, 26 settembre 2016, Università degli Studi di Bergamo / a cura di Valentina Fiume

Bergamo : Lubrina Bramani, 2017

Abstract: Nel centenario dalla sua nascita, avvenuta il 29-09-1916, ha avuto luogo una Giornata di Studi in onore di Rina Sara Virgillito presso l'Università degli Studi di Bergamo. L'evento, ideato da Sonia Giorgi e promosso dal comitato scientifico composto da Alberto Barzanò, Giulio Orazio Bravi, Silva Cavalli Felci, Sonia Giorgi, Enzo Noris, Maria Clara Quarenghi, è stato un'altra tappa fondamentale nel lungo e prezioso lavoro di promozione volto alla scoperta e conoscenza di quest'inconfondibile voce poetica del Novecento. La città di Bergamo e in particolare la Biblioteca Civica Angelo Mai, dove Virgillito si recava, spesso portando come dono i propri libri freschi di stampa, si è spesso resa protagonista nel mantenere viva la memoria dell'autrice e delle sue opere. Interventi di: Elena Agazzi, Giulio Orazio Bravi, Valentina Fiume, Sonia Giorgi, Luca Minola, Ernestina Pellegrini, Greta Perletti, Sergio Romanelli.

Un monumento per Bergamo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cardaci, Alessio - Angelini, Piervaleriano

Un monumento per Bergamo : Giacomo Quarenghi e l'Arco a Napoleone sulla via per Milano / Alessio Cardaci, Piervaleriano Angelini

Bergamo : Lubrina Bramani, 2017

Un maestro a piedi scalzi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dal Lago, Carlo

Un maestro a piedi scalzi / Carlo Dal Lago ; a cura di Alessandra Pozzi

Bergamo : Lubrina Bramani, 2017

Abstract: L'intelligenza scanzonata di Carlo si è espressa in ambiti differenti che hanno aiutato la sua scrittura a guardare i mondi diversi dell'educazione. Si è preferito dare un ordine "topografico" a questi materiali, riordinandoli per tappe, stazioni di un percorso lungo il quale Carlo ha lasciato segni sia sui luoghi sia sulle persone.