Includi: tutti i seguenti filtri
× Genere Saggi
× Nomi Kant, Immanuel
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 2000
× Paese Spagna

Trovati 185 documenti.

Mostra parametri
Bisogna sempre dire la verità?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Bisogna sempre dire la verità? / Immanuel Kant ; a cura di Andrea Tagliapietra

Milano : Cortina, 2019

Abstract: Da bambini ci viene insegnato che bisogna dire sempre la verità. Ma quando diventiamo adulti, se continuiamo a dire la verità sempre e in ogni caso, la nostra vita diventa un inferno. Nel 1796, il giovane Benjamin Constant scriveva che il dovere morale di dire la verità inteso incondizionatamente rende impossibile qualsiasi società. A prova di questa affermazione Constant riportava la tesi di un non meglio identificato filosofo tedesco, giunto ad affermare che la menzogna restava un crimine, anche se detta a un assassino che ci chiedesse se un nostro amico, da lui perseguitato, è ospitato in casa nostra. Il vecchio Kant si riconobbe nella posizione del filosofo tedesco e scrisse, a pochi mesi di distanza, la sua replica: un breve saggio dal titolo Sul presunto diritto di mentire per amore dell'umanità. Ma il tema della veridicità assoluta, come documentano i testi raccolti qui, attraversa tutta l'opera kantiana, alla ricerca di quella trasparenza in cui la vita e la verità passano l'una nell'altra, senza zone d'ombra: il sogno della filosofia, oppure il suo più terribile incubo?

Che cos'è l'illuminismo?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Che cos'è l'illuminismo? / Immanuel Kant ; a cura di Nicolao Merker ; con altri testi e risposte di: Erhard ... [et al.]

Roma : Editori riuniti, 2017

Abstract: L'illuminismo, il «rischiaramento», è soltanto un atteggiamento di coraggio intellettuale, o anche una bussola che può orientare la concreta prassi sociale e politica? A questo interrogativo cercano di rispondere nella seconda metà del Settecento alcuni celebri intellettuali tedeschi, da Kant a Mendels-sohn, da Lessing a Hamann, da Wieland a Herder, rappresentanti di quella cultura che più di ogni altra tentò di definire le potenzialità dell'illuminismo. Accanto ai testi, il libro propone un ampio corredo di apparati, con schede biografiche degli autori e un glossario delle parole chiave.

Lezioni sul diritto naturale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Lezioni sul diritto naturale = (Naturrecht Feyerabend) / Immanuel Kant ; a cura di Norbert Hinske e Gianluca Sadun Bordoni

Milano : Bompiani, 2016

Abstract: Per il successo della filosofia di Kant non meno importanti delle opere pubblicate furono le trascrizioni delle lezioni, che circolarono in tutta la Germania in innumerevoli copie. Esse costituiscono da circa trent'anni un oggetto centrale della Kantforschung. Di queste lezioni, una parte significativa è rappresentata dai corsi che Kant tenne regolarmente sul diritto naturale, dei quali ci è rimasta oggi una sola trascrizione manoscritta, relativa a quello tenuto nel semestre estivo del 1784. Si tratta però di un testo di grande importanza: Kant tenne infatti il corso mentre stava finendo di scrivere la Fondazione della metafisica dei costumi onde i due testi si illuminano a vicenda, aprendo scorci importanti per comprendere la filosofia morale kantiana in un suo snodo decisivo. Tale corrispondenza tra i due scritti non è certo casuale: Kant era infatti fermamente convinto che lo studio del diritto presupponesse una formazione filosofica e que le lezioni sul diritto naturale iniziano infatti con una presentazione della sua filosofia pratica in generale. Dal punto di vista della filosofia del diritto, un motivo centrale d'interesse di queste lezioni è che costituiscono la prima presentazione organica del pensiero giuridico di Kant, tredici anni prima della Metafisica dei costumi (1797). Esse consentono perciò di gettare uno sguardo nuovo sull'evoluzione di tale pensiero e inoltre sulla formazione della filosofia della storia e della politica di Kant.

Critica del giudizio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Critica del giudizio ; con l'aggiunta della prima introduzione alla Critica del giudizio / Immanuel Kant ; introduzione, traduzione, note e apparati di Massimo Marassi

2. ed. riveduta

Milano : Bompiani, 2015

Abstract: La tradizione esegetica ha riservato una grande considerazione alle prime due "Critiche" di Kant, per la loro importanza in ambito conoscitivo e pratico, per la loro incidenza e ripresa nella filosofia contemporanea. Solo ultimamente la "Critica del giudizio" (1790) è apparsa in tutta la sua importanza come il coronamento del sistema kantiano del sapere, che raggiunge, proprio nella scansione e nella connessione della trilogia, la sua completa organicità. In quest'opera Kant ha scoperto il fondamento dell'esperienza estetica e del finalismo della natura e ha raggiunto l'unità della filosofia, evidenziando l'articolazione tra ragione teoretica e ragione pratica, tra il conoscere e il desiderare, tra le grandi idee del soprasensibile e la libertà. Con l'aggiunta della prima introduzione alla "Critica del giudizio".

Idea per una storia universale in prospettiva cosmopolitica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Idea per una storia universale in prospettiva cosmopolitica / Immanuel Kant ; a cura di Roberto Mordacci ; traduzione di Stefano Bacin e Francesca Pongiglione

Milano ; Udine : Mimesis, 2015

Abstract: La più incisiva esposizione delle tesi di Kant sulla filosofia della storia, rappresentata qui per la prima volta in Italia come opera a sé stante. Ne mettono in risalto il valore filosofico anche il testo originale a fronte e uno specifico apparato introduttivo e critico.

Critica della ragion pratica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Critica della ragion pratica : e altri scritti morali / Immanuel Kant ; a cura di Pietro Chiodi

Novara : UTET, 2014

Abstract: Nell'anno 1800, quando ormai volgeva al termine la sua lunga e appassionata ricerca filosofica, Immanuel Kant riunì in un celebre passo dell'"Introduzione alla Logica" le questioni più importanti che dovrebbero essere al centro di ogni sistema di pensiero: Che cosa posso sapere? Che cosa devo fare? Che cosa posso sperare? Che cos'è l'uomo? Per precisare, subito dopo, che le prime tre domande - tradizionalmente trattate da metafisica, filosofia morale e religione - vanno ricondotte in realtà alla quarta, e quindi all'antropologia, lo studio dell'uomo, dal momento che per il filosofo l'impresa somma della conoscenza consiste proprio in questo: raggiungere "la destinazione suprema della natura umana". E all'uomo, all'agire umano, sono dedicati tutti gli scritti raccolti in questo ricco volume, comprendente i capolavori più noti della filosofia morale kantiana quali la "Critica della ragion pratica" e la "Fondazione della metafisica dei costumi", ma anche opere meno conosciute come l'"Antropologia dal punto di vista pragmatico" e "La religione nei limiti della semplice ragione". In tutti questi scritti, la dimensione razionale e quella sensibile, i due elementi di cui si compone per Kant la natura umana, sono indagati allo scopo di stabilire quale particolare connessione di sensibilità e razionalità, di senso e ragione, stia a fondamento del nostro agire morale. Con e-book scaricabile fino al 31-12-2014.

Il male radicale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Il male radicale / Immanuel Kant ; a cura di Roberto Celada Ballanti

Milano : Garzanti, 2014

Abstract: Il male è l'enigma su cui ogni uomo è chiamato a interrogarsi e che esprime il fondo tragico dell'esistenza al di là delle consolanti risposte delle religioni rivelate. C'è nell'uomo, che Kant paragona a un legno storto, una innata e insopprimibile inclinazione alla malvagità che lo spinge ad allontanarsi dalla legge morale profondamente radicata nel suo cuore. La dottrina biblica del peccato originale, il "Tutti abbiamo peccato in Adamo" della Lettera ai Romani di Paolo di Tarso, vengono reinterpretati da Kant in chiave filosofica come espressione del limite, della fragilità, della finitezza dell'uomo. Nella filosofia della religione di Kant riecheggia l'inconsolabile lamento di Giobbe di fronte alla sofferenza del giusto: e proprio nella cifra di Giobbe si inscrive il senso più autentico della ricerca kantiana sul religioso e sul sacro.

Prolegomeni ad ogni metafisica futura
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Prolegomeni ad ogni metafisica futura / Immanuel Kant ; commento di Piero Martinetti ; a cura di Francesco Saverio Festa

Roma : Castelvecchi, 2014

Abstract: Se si definisce "metafisica" una conoscenza che si svolge interamente nel pensiero, senza riferimento all'esperienza, come è possibile una metafisica critica, e non dogmatica? Guidato da questa domanda, Kant nei Prolegomeni del 1783 elabora l'idea di una conoscenza a priori, fondata sul pensiero puro, ma che sia anche sintetica, in grado cioè di aggiungere nuovi contenuti riferiti all'esperienza. Spinti dalla nostra esigenza di oltrepassare con il pensiero i limiti della conoscenza, cerchiamo continuamente di pensare l'oggetto della metafisica, per quanto esso sia fuori dalla sfera delle nostre possibilità cognitive. Se, quindi, i confini del conoscere non coincidono con quelli del pensare, è possibile sviluppare una filosofia di carattere morale e religioso e non puramente scientifico. Da qui inizia la profonda lettura di Piero Martinetti, che attraverso un commento puntuale dei passi più importanti dello scritto kantiano, ne mette in luce, accanto alla profondità teorica, l'estremo e insuperato valore etico-pratico.

Dissertazioni latine
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Dissertazioni latine / Immanuel Kant ; a cura di Igor Agostini ; introduzione, traduzione e testo latino di Igor Agostini ; note introduttive ai testi e annotazione critica di Igor Agostini e Gualtiero Lorini ; elementi di lessico di Igor Agostini

Milano : Bompiani, 2014

Abstract: Si presentano qui le quattro dissertazioni latine di Immanuel Kant: De igne (1755), Nova dilucidatio (1755), Monadologia physica (1756) e De mundi sensibilis atque intelligibilis forma et principiis (1770). Si tratta di quattro tesi accademiche che segnano le tappe fondamentali della carriera universitaria di Kant a Königsberg. L'interesse filosofico di questi scritti, largamente riconosciuto dagli studiosi, emerge dall'ampio raggio di motivi che percorrono trasversalmente tutto il pensiero precritico e saranno centrali anche nella fase critica: la riflessione sulla scienza, i temi metafisici, la costante preoccupazione per il problema del metodo. Fondamentale è anche il loro posto nella storia del latino moderno, in un momento storico caratterizzato dal cruciale passaggio, nella filosofia tedesca, dalla lingua dotta al volgare. Il lessico latino delle quattro dissertazioni costituisce infatti una base testuale imprescindibile per uno studio diacronico della formazione dell'apparato terminologico e concettuale della filosofia kantiana. Nell'edizione si dà altresì notizia della riscoperta, da parte del curatore, di una delle due tirature dell'edizione originale della Dissertatio, ritenuta perduta da tutti gli editori moderni successivamente all'edizione dell'Akademie di Erich Adickes.

Critica della ragion pura
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Critica della ragion pura / Immanuel Kant ; a cura di Pietro Chiodi

Torino : UTET, 2013

Abstract: Quella in cui viviamo è la vera e propria epoca della critica, a cui tutto deve venire sottoposto. Questa frase, tratta dalla prima prefazione alla Critica della ragion pura, fa intuire la portata rivoluzionaria della prospettiva inaugurata da Immanuel Kant. Il puntiglioso, abitudinario professore di Königsberg, affronta - nel secolo dei Lumi e di Newton l'esigenza di una rifondazione radicale della cultura, muovendo dall'oscura consapevolezza della necessità di far confluire ragione ed esperienza, e arrivando a delimitare nitidamente il raggio d'azione dei vari saperi. Se il metodo della scienza, così fecondo di risultati, alimenta le speranze nel progresso conoscitivo dell'umanità, d'altra parte non è in grado di offrire risposte agli interrogativi più profondi e pressanti, come il problema del libero arbitrio, dell'immortalità dell'anima, di Dio. La Critica della ragion pura è il capolavoro filosofico che, più di ogni altro, porta avanti lo spirito e gli ideali dell'Illuminismo: necessario è mostrare i limiti della ragione, perché, credendo di possedere verità assolute, si rischia di cadere nel fanatismo; al contempo, bisogna far valere con forza i diritti della critica razionale, se si vuole evitare che gli uomini siano schiavi di autorità e istituzioni prive di fondamento. Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza!: l'impulso di questo motto percorre l'intera filosofia di Kant, qui esposta nei suoi principi fondamentali.

Per la pace perpetua
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Per la pace perpetua / Immanuel Kant ; prefazione di Salvatore Veca ; traduzione di Roberto Bordiga ; con un saggio di Alberto Burgio

20. ed.

Milano : Feltrinelli, 2013

Abstract: A oltre duecento anni dalla sua prima pubblicazione, riproponiamo al lettore il saggio di Immanuel Kant Per la pace perpetua, contributo classico e giustamente celebre alla tradizione del pacifismo giuridico. Il suo progetto di pacifismo giuridico, scrive Salvatore Veca nell'ampia prefazione a questa edizione, non è solo ancorato a una filosofia della storia, ma è anche reso coerente dallo sfondo più ampio della teoria etica. Quanto possiamo ancora trovare nelle pagine di Kant sono le impronte e le tracce vive di un progetto filosofico audace e illuminante, tanto quanto caratterizzato dalla consapevolezza della problematicità dei suoi esiti ai fini del nostro continuo approssimarci alla 'pace perpetua'. Con un saggio di Alberto Burgio.

Che cos'è l'illuminismo?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel - Foucault, Michel

Che cos'è l'illuminismo? / Immanuel Kant, Michel Foucault

Milano ; Udine : Mimesis, c2012

Abstract: Che cos'è l'Illuminismo? Secondo Foucault è questa la domanda ultima cui la filosofìa tenta di rispondere da sempre. Ed è questa la domanda cui magistralmente ha risposto uno dei più grandi filosofi di tutti i tempi: Immanuel Kant. E attraverso le parole di Kant e l'analisi accurata di Foucault che il concetto di Illuminismo si scopre essere una stimolante interrogazione critica sul presente, sui limiti della conoscenza e sul loro possibile superamento

Critica della facoltà di giudizio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Critica della facoltà di giudizio / Immanuel Kant ; a cura di Emilio Garroni e Hansmichael Hohenegger

Torino : Einaudi, 2011

Abstract: Accanto alla "Critica della ragione pura" e alla "Critica della ragione pratica", la "Critica della facoltà di giudizio" è il terzo capolavoro dell'impresa critica di Immanuel Kant: non solo il suo compimento, ma anche e soprattutto il suo ripensamento e insieme la sua fondazione. È una rigorosa "critica del gusto" che ha il suo centro nell'universale comunicabilità di esseri razionali e finiti quali sono gli uomini, ed è come tale premessa essenziale dell'intero svolgimento dell'estetica successiva. Ma la riflessione che essa svolge è estetica e mediatamente anche logica, e coinvolge molti altri temi strettamente interconnessi. Sempre su base estetica, vi si delinea infatti, innanzi tutto, una modernissima epistemologia, un esame critico del finalismo che sarebbe proprio della cosiddetta "materia vivente" (del quale Kant dà una versione singolarmente avanzata per i suoi tempi e forse oggi ancora insuperata) e infine una giustificazione e delimitazione del pensare filosofico. Nell'estetica kantiana è quindi ricompreso il problema che la filosofia critica pone a se stessa, in quanto questa non è giustificata dalle condizioni del conoscere che si sforza di esplicitare ed è tuttavia indispensabile per la comprensione dell'esperienza in genere e di quella universale comunicabilità che è il lascito prezioso (e tutt'altro che assimilabile a una "metafisica della ragione") dell'illuminismo kantiano.

Critica della ragion pratica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Critica della ragion pratica / Immanuel Kant ; traduzione di Francesco Capra ; introduzione di Sergio Landucci

7. ed.

Roma ; Bari : GLF editori Laterza, 2010

Abstract: Le opere fondamentali del pensiero filosofico di tutti i tempi. In edizione economica, con testo a fronte e nuovi apparati didattici, le traduzioni che hanno definito il linguaggio italiano del Novecento. Testo originale nell'edizione di Karl Vorländer. Traduzione di Francesco Capra, revisione di Eugenio Garin, introduzione di Sergio Landucci, glossario a cura di Vittorio Mathieu.

Per la pace perpetua
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Per la pace perpetua / Immanuel Kant ; prefazione di Marco Ventura

Milano : RCS quotidiani, 2010

Critica della ragion pratica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Critica della ragion pratica / Immanuel Kant ; introduzione, traduzione note e apparati di Vittorio Mathieu

3. ed.

Milano : Bompiani, 2010

Critica del giudizio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Critica del giudizio / Immanuel Kant ; traduzione di Alfredo Gargiuolo ; introduzione di Paolo D'Angelo

5. ed.

Roma [etc.] : GLF editori Laterza, 2010

Abstract: Le opere fondamentali del pensiero filosofico di tutti i tempi. In edizione economica, con testo a fronte e nuovi apparati didattici, le traduzioni che hanno definito il linguaggio filosofico italiano del Novecento. Testo originale nell'edizione dell'Accademia delle Scienze di Berlino. Traduzione di Alfredo Gargiulo. Revisione della traduzione di Valerio Verra . Introduzione di Paolo D'Angelo.

Scritti politici e filosofia della storia e del diritto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Scritti politici e filosofia della storia e del diritto / Immanuel Kant ; tradotti da Gioele Solari e Giovanni Vidari ; con il Saggio sul rapporto della morale con la politica di Christian Garve ; tradotto da Vittorio Mathieu ; edizione postuma a cura di Norberto Bobbio, Luigi Firpo, Vittorio Mathieu

Torino : UTET libreria, 2010

Abstract: L'illuminismo è l'uscita dell'uomo dallo stato di minorità che egli deve imputare a se stesso. Minorità è l'incapacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro. Imputabile a se stesso è questa minorità, se la causa di essa non dipende da difetto di intelligenza, ma dalla mancanza di decisione e del coraggio di far uso del proprio intelletto senza essere guidati da un altro. Semper aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza! È questo il motto dell'illuminismo.

Antropologia dal punto di vista pragmatico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Antropologia dal punto di vista pragmatico / Immanuel Kant ; introduzione e note di Michel Foucault ; traduzioni di Mauro Bertani e Gianluca Garelli

Torino : Piccola biblioteca Einaudi, 2010

Abstract: Nell'Antropologia Immanuel Kant riordina la mole immensa di materiali di carattere storico e antropologico raccolti nell'arco di un'intera vita. Opera a lungo trascurata, si tratta in realtà di una tappa decisiva di un'epoca che stava per convertire le domande fondamentali della storia della metafisica, della gnoseologia, della morale e della religione in quella che per Kant era ormai diventata la domanda essenziale: Che cos'è l'uomo? Si inaugurava cosi la nostra modernità filosofica, che vedrà nell'uomo non solo l'origine e il fondamento di ogni sapere, ma anche la ragion d'essere e il principio di ogni trasformazione del mondo e di ogni intervento su di esso. L'antropologia kantiana indaga infatti l'uomo come essere sociale trasformato dalle istituzioni, al fine di svilupparne le attitudini, dotarlo di costumi, rafforzarne le facoltà, disciplinarne la volontà, orientarne i desideri e governarne la libertà. Michel Foucault incontra I'Antropologia di Kant verso la fine degli anni cinquanta, facendone l'oggetto della sua tesi complementare, costituita dalla traduzione del testo kantiano, accompagnata da un lavoro di annotazione e dal testo che funge da introduzione.

Per la pace perpetua
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kant, Immanuel

Per la pace perpetua : un progetto filosofico di Immanuel Kant / Immanuel Kant ; a cura di Laura Tundo Ferente

4. ed.

Milano : Rizzoli, 2009

Abstract: Scritto nel 1795, questo progetto etico-giuridico di Kant recepisce tutte le sollecitazioni di uno scenario politico internazionale in radicale mutamento e le assume nel quadro di una complessa riflessione teorica che spazia dalla fondazione di una moralità universale a una visione progressuale della storia, pur nello spazio incerto e tormentato della finitezza umana. La Rivoluzione americana, con il suo esito federalistico, e la Rivoluzione francese, con i princìpi accolti nella Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino, stimolano l'entusiasmo del filosofo tedesco, che con la teorizzazione etico-politica indica dei contenuti in grado di risolvere il carattere formale dell'imperativo morale.La naturale tendenza al conflitto, l'individualismo più incontrollabile, e ancora l'ambizione e il desiderio di riconoscimento, di onore e potere sono per Kant le energie che innescano e mantengono in funzione il motore della storia, che generano disuguaglianza, oppressione, sfruttamento, privilegi e bisogni sempre più sofisticati e raffinati. Ma il vero progresso umano si misura con l'avanzare del diritto, che sostituisce l'arbitrio del più forte, regola l'antagonismo e apre la strada a un'«utopia ragionevole». In questo scritto la faticosa e delicata attività di modellare le istituzioni per una convivenza pacifica deve andare oltre il riconoscimento della realtà morale di individui e stati per proiettarsi verso il foedus pacificum.