Includi: tutti i seguenti filtri
× Paese Svizzera
× Data 2010

Trovati 20 documenti.

Mostra parametri
Brida
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Coelho, Paulo

Brida : Roman / Paulo Coelho ; Aus dem Brasilianischen von Maralde Meyer-Minnemann

Diogenes, 2010

Il pensionato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dürrenmatt, Friedrich

Il pensionato : frammento di un romanzo poliziesco / Friedrich Durrenmatt ; con un finale di Urs Widmer ; postfazione di Peter Ruedi ; traduzione di Anna Ruchat e Cristina Pietra

Bellinzona : Casagrande, 2010

Abstract: Il commissario Höchstettler si avvia al pensionamento dopo una modesta carriera nella polizia cantonale di Berna. Scettico e ingenuo, simpatico quanto ostinato, Höchstettler decide, negli ultimi giorni di lavoro, di infrangere il grigiore della sua esistenza: visiterà gli autori di delitti rimasti impuniti, farà di tutto per metterli in difficoltà trattenendosi però dalla tentazione di arrestarli anche quando i loro crimini saranno svelati. Arriverà persino a partecipare a una rapina organizzata da una coppia di criminali incalliti. Che cosa è successo al nostro eroe? Ha intrapreso la via dello scandalo per il solo gusto di capovolgere le convenzioni? Tutt'altro. Höchstettler ha capito che la giustizia non coincide affatto con il rispetto delle leggi e con le regole imposte dai commissariati e dalle prefetture. D'ora in poi sarà piuttosto la pietà umana a ispirare le sue azioni; la solidarietà e la compassione trionferanno sulla giustizia voluta dai legislatori. Romanzo incompiuto, "Il pensionato" rivela pienamente tutta la forza morale della scrittura di Dürrenmatt. Humour, intrigo poliziesco, riflessione sulla natura umana e sulle convenzioni sociali: ecco gli ingredienti. Postfazione di Peter Rüedi.

Progettare, costruire, curare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Emery, Nicola

Progettare, costruire, curare : per una deontologia dell'architettura / Nicola Emery

Nuova ed. riveduta e accresciuta

Bellinzona : Casagrande, 2007

Abstract: Un filosofo invita gli architetti contempooranei a ripensare la loro disciplina. Con un linguaggio piano e accessibile offre elementi per ridare senso e scopo alla cultura del progetto.

Schiele
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Armiraglio, Federica

Schiele / Federica Armiraglio

Ginevra [etc.] : Skira, 2010

Abstract: La vita e l'opera di uno dei più celebri esponenti della pittura espressionista. Prototipo dell'artista maledetto, Egon Schiele, con la sua biografia, dal carcere alla morte precoce (a soli ventotto anni) e la sua arte tormentata nello stile e nei contenuti, fu interpretato come genio straziato, che sconta con il dolore e con la morte le proprie intuizioni. In realtà l'arte di Schiele è pienamente inserita nella rivoluzione espressionista di inizio Novecento e strettamente legata alla cultura e all'arte viennesi. Ribelle, esibizionista e provocatore, Schiele visse con particolare lacerazione il dissidio tra perbenismo borghese e sessualità caratteristico dell'epoca.

Corrispondenza di guerra per codardi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ayres, Chris

Corrispondenza di guerra per codardi / Chris Ayres ; traduzione di Simone Garzella

Mendrisio : Capelli, 2010

Abstract: Chris è l'inviato del London Times da Los Angeles dove si occupa di gossip. Una mattina il suo caporedattore gli propone di andare in Iraq come giornalista embedded. Mezzo addormentato, risponde di sì e si ritrova nel deserto iracheno con un battaglione di marines. Descrive la paura provata da un uomo che si sente nel posto sbagliato al momento sbagliato, non certo l'immagine dell'inviato di guerra impavido. Pagine di black-humour sono dedicate al crollo delle Torri Gemelle. Destino vuole che Chris sbarchi a New York come corrispondente economico e che il giorno dopo si trovi ad appena tre isolati di distanza dal WTC quando inizia il crollo. Divertente la preparazione in vista della partenza, con Ayres che fa acquisti nei negozi più alla moda di Los Angeles, come se la meta non fosse l'Iraq in guerra ma qualche isola tropicale. In Iraq si rende conto che i giornalisti non godono di privilegi ma sono soltanto bersagli tra una serie di bersagli. Ma l'esperienza è servita a fargli passare l'ansia. Dice con ironia: Non ho più paura di eventuali bombe nella metropolitana. Stamattina cantavo sotto la doccia perché l'acqua era calda e perché nessuno stava cercando di uccidermi.

Valle di Blenio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Scanavino, Fabrizio

Valle di Blenio : Greina, Adula e altri luoghi magici / Fabrizio Scanavino

Bellinzona : Salvioni , 2010

Abstract: In Ticino, le valli non si visitano in lungo e in largo, ma in su e in giù. Una constatazione forse scontata, ma che vale in special modo per la Valle di Blenio: ricca di dislivelli come nessun'altra, fa più di tremila metri dalla testa ai piedi. La testa è poi l'Adula, o Rheinwaldhorn, il tetto del Ticino; mentre i piedi poggiano sulle sponde del Brenno e si spingono fino alle porte della Riviera. Fabrizio Scanavino, ha percorso tutta la Valle del Sole a caccia di immagini, di angoli, di prospettive, di luci e di ombre in mezzo a questo dedalo di piani inclinati, incastonati fra di loro un po' alla rinfusa. Le sue immagini della Valle di Blenio sono spesso insolite ma vi sono anche vedute classiche, per ricordarci che questo volume non racconta di una regione ignota e remota, ma di quella Valle di Blenio che credevamo di conoscere.

Su e giù nella Valle Mesolcina e nella Val Calanca
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tamò, Sandro

Su e giù nella Valle Mesolcina e nella Val Calanca : 45 escursioni alla scoperta della natura alpina nelle due vallate del grigionitaliano / Sandro Tamò

Bellinzona : Salvioni, 2010

Abstract: 45 itinerari escursionistici in Mesolcina e Calanca dai più semplici attraverso selve, boschi e vigneti, ai più impegnativi posizionati a ridosso delle cime. Terre, spesso dimenticate dalle classiche guide turistiche, ma che si propongono nella loro naturale bellezza, e che fanno rivivere testimonianze di un passato operoso e di fatiche. Nelle passeggiate più facili sui fondovalle attraversiamo tutti i tipici villaggi della Mesolcina e della Calanca; qui possiamo incontrare edifici sacri o profani interessanti dal profilo architettonico e artistico. Nelle gite sui pendii di mezza quota visitiamo maggenghi con nuclei di semplici cascine, cappelle votive, superbi boschi e lucenti ruscelli. Più in alto, in mezzo a grandiosi panorami, troviamo alpeggi ancora efficienti ed altri in parte abbandonati, si percorrono sentieri ben segnalati, un tempo usati dai pastori e dai contrabbandieri. La descrizione di ogni gita è accompagnata da una scheda sinottica con le informazioni essenziali, da una cartina riassuntiva del percorso e da numerose significative fotografie utili per illustrare paesaggi, panorami o particolari curiosi incontrati durante le escursioni.

La sacra Bibbia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La sacra Bibbia / nuovo testo riveduto a cura della Società biblica di Ginevra

Nuova riveduta sui testi originali, 16. ed.

Romanel sur Lausanne : Società biblica di Ginevra, 2010

Il commissario Hunkeler e l'amuleto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Schneider, Hansjörg

Il commissario Hunkeler e l'amuleto / Hansjörg Schneider ; traduzione di Gabriella de'Grandi

Bellinzona : Casagrande, 2010

Abstract: Basilea, città svizzera di confine tra Francia e Germania, crocevia di traffici internazionali, legali e illegali. In un vecchio appartamento giace il cadavere di una donna turca con il volto sfigurato. Al collo, un amuleto raffigurante una coppia in barca. Il marito viene subito arrestato, per la polizia il colpevole è lui, inutile indagare oltre - per la polizia, ma non per il commissario Hunkeler, intimamente persuaso della sua innocenza. Senza un mandato esplicito, quasi controvoglia, Hunkeler comincia a interrogare vicini di casa e conoscenti della vittima e a frequentare i bassifondi del quartiere in cui è avvenuto l'omicidio. E ossessionato dal volto sfigurato della giovane donna, come se, per il solo fatto di averlo visto, avesse contratto un debito con lei. Stretto tra questa ossessione e l'ottusa arroganza del collega Madòrin e dei suoi superiori, il disilluso ma tenace commissario Hunkeler ci offre in questo romanzo una bella lezione sull'arte di investigare, e non solo: per uscire dal labirinto bisogna essere disposti a perdersi, ad aspettare, a rinunciare alle certezze più rassicuranti e a calarsi nella realtà senza pregiudizi, quasi che, per ragionare bene, fosse necessaria una buona dose di irragionevolezza. L'amore di una donna solare e indipendente come la sua Hedwig, infine, aiuterà Hunkeler a reggere anche i colpi più duri.

Lichtenstein
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Marini, Francesca

Lichtenstein / Francesca Marini

Ginevra [etc.] : Skira, 2010

Abstract: La vita e i capolavori di Roy Lichtenstein, uno dei principali esponenti della Pop Art, celebre per le coloratissime immagini derivate dai media e, in particolare, dai fumetti. Il testo ripercorre la vita dell'artista, analizzandone le opere più significative: dalle fasi iniziali, ancora segnate dall'espressionismo astratto, alla maturità di lavori come Girl with Ball o Drowning Girl, degli anni sessanta, entrambi al MoMA di New York. Una monografia agile e accattivante, riccamente illustrata a colori, che approfondisce l'argomento grazie alle schede complete delle opere, a una tavola cronologica, a una rassegna critica e una bibliografia essenziali.

Diario dal carcere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Schiele, Egon

Diario dal carcere / Egon Schiele ; a cura di Arthur Roessler

Ginevra [etc.] : Skira, 2010

Abstract: Nel 1912 il ventunenne Egon Schiele viene arrestato a Neu-lengbach, una cittadina a mezz'ora di treno da Vienna, dove risiede da qualche mese con la modella e compagna Wally Neuzil. L'accusa è duplice e molto grave: il giovane pittore avrebbe sedotto una minorenne, la quattordicenne Tatjana von Mossig, figlia di un alto dirigente del Ministero della Marina e avrebbe inoltre esposto materiale pornografico in un luogo accessibile a minori... [dalla Postfazione di Federica Armiraglio).

Dizionario Skira dei termini artistici
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gualdoni, Flaminio

Dizionario Skira dei termini artistici / Flaminio Gualdoni

Ginevra [etc.] : Skira, 2010

Abstract: Capire la storia dell’arte attraverso la storia dei suoi termini: una lettura erudita e piacevole.I perché, i cosa, i come dell’arte in 252 voci. Uno strumento fondamentale per studiosi, critici, mercanti, studenti, appassionati lettori eclettici.I temi, i modi, i concetti, le nozioni, le tecniche dell’arte sono per la prima volta non semplicemente spiegati, ma narrati per voci concepite come brevi saggi. Di ogni lemma vengono offerti un inquadramento storico, la descrizione dell’evoluzione nella storia, dal suo apparire ai giorni nostri, le citazioni delle fonti storiche e contemporanee che l’hanno trattato – da Leonardo a Kandinskij, dai trattati medievali alle avanguardie attuali – restituendone tutta la ricchezza concettuale e la suggestione.Opera senza confronti nell’attuale panorama editoriale, non solo italiano, il volume affianca al rigore storico e alla ricchezza della documentazione una moderna, curiosa, libera erudizione. Decisivo è il suo stile di scrittura lineare e comprensibile, accessibile e accattivante anche per lettori non specialisti, che vi troveranno la spiegazione non solo dei “cosa” e dei “come” dell’arte, ma anche dei “perché”.

Arcimboldo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Armiraglio, Federica

Arcimboldo / Federica Armiraglio

Ginevra [etc.] : Skira, 2008

Abstract: Un milanese alla corte degli Asburgo: illusioni e bizzarrie di un pittore senza paragoni.

Vincent, mio fratello
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gogh, Elisabeth : van

Vincent, mio fratello / Elisabeth van Gogh

Ginevra [etc.] : Skira, 2010

Abstract: In un angolo dell'atelier aveva collocato il tronco di un vecchio albero abbattuto da una tempesta. Lo aveva segato e infilato in una cassetta piena di terra. Fra i rami aveva posto diversi nidi: Vincent raccoglieva quelli che erano stati abbandonati dagli uccelli durante le sue passeggiate nei boschi. C'era il nido a forma di cono dello scricciolo, il nido muschioso del falco, quelli semplici del passero e del tordo; il nido di usignolo costruito con meno abilità. C'era anche il nido lanuginoso del forapaglia; quello della rondine di ruscello, fatto di erba e argilla. E infine un paio di alcune specie di uccelli che costruiscono il loro nido a terra. Avrebbe voluto un nido di martin pescatore, fatto con lische di pesce, ma non era mai stato in grado di trovarne uno, sebbene lo avesse cercato a lungo con Theodore... Scritti da Elisabeth van Gogh, la sorella minore del pittore, questi ricordi aprono uno spiraglio sull'adolescenza e la prima maturità del giovane Vincent, un ragazzo dalla sensibilità fuori dal comune, amante della natura e della vita solitaria. Elisabeth ripercorre i molti tentativi del fratello di trovare un ruolo nella società del tempo, tutti irrimediabilmente falliti: libraio, assistente di un mercante d'arte, insegnante di francese, predicatore evangelico. E tratteggia il ritratto di un giovane dalla religiosità tormentata, capace di assistere gli ammalati durante un'epidemia di tifo e di condurre un'esistenza spartana, ai limiti del fanatismo.

Longhi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gualdoni, Flaminio

Longhi / Flaminio Gualdoni

Ginevra [etc.] : Skira, 2010

Abstract: Dotato di uno spirito brillante, Longhi dipinse scene di vita veneziana, colte sempre con acutissimo spirito di osservazione e con ironia sottile e garbata, nei palazzi patrizi come nelle abitazioni borghesie nei campielli della città lagunare. Come si legge negli scritti di Bernard Berenson Longhi dipinse per i veneziani appassionati di pittura la loro stessa vita, in tutte le sua fasi quotidiane, domestiche e mondane. Nelle scene riguardanti l'acconciatura e l'abbigliamento della dama, troviamo il pettegolezzo del barbiere imparruccato, le chiacchiere della cameriera; nella scuola di danza, l'amabile suono del violino. Non c'è nessuna nota tragica... Un senso di profonda cortesia di costumi, di grande raffinatezza, insieme con un onnipresente buonumore distingue i dipinti del Longhi da quelli di Hogarth, a volte così spietato e carico di presagi di mutamento.

Pensare la televisione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Augias, Corrado

Pensare la televisione : dialogo con Corrado Augias / Marco Alloni

[Lugano] : ADV, stampa 2010

Abstract: Il problema della comunicazione è molto sfumato, non si può e non si dovrebbe mai parlare di comunicazione in sé. Corrado Augias

Lotto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Adda, Roberta

Lotto / Roberta D'Adda

Ginevra [etc.] : Skira, 2010

Abstract: Lorenzo Lotto (1480 circa - 1556) appartiene alla grande generazione di pittori veneziani che annovera anche Giorgione e Tiziano; la sua attività si svolse però in gran parte lontano da Venezia, tra Treviso, Bergamo e le Marche. Il corpus dei suoi dipinti consta di oltre centotrenta pitture, per lo più pale d'altare, quadri devozionali e ritratti; a questi si vanno ad aggiungere tre cicli di affreschi di tema sacro. Lotto fu anche un prolifico disegnatore: realizzò infatti una straordinaria serie di disegni preparatori per tarsie lignee (perduti, ma documentati dagli intarsi eseguiti). Il volume introduce il lettore alla scoperta della vita e dell'opera di questo protagonista del Cinquecento veneziano.

Il grasso di lepre
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sidran, Abdulah

Il grasso di lepre : poesie 1970-2009 / Abdulah Sidran ; traduzioni di Silvio Ferrari e Nadira Sehovic

Bellinzona : Casagrande, 2010

Abstract: Si snoda in queste pagine il racconto in versi di Sarajevo, la città del poeta: spazio urbano dei miracoli, dei paradossi e delle profezie, asilo di piccole esistenze senza storia e, insieme, ago sismico della Storia, sul confine degli imperi. Sarajevo città crocevia, spazio del libero scambio di culture e religioni, umiliata e distrutta dall'assedio dei «quattro inverni» (aprile 1992-dicembre 1995). Sarajevo nuova Alessandria che, come Alessandria, vede bruciare le sue biblioteche e la multiculturalità piegarsi sotto i colpi dei nazionalismi. Abdulah Sidran è il poeta di una città un tempo felice e della sua agonia, di un Paese che ha avuto la sua «età dell'oro» e che è affondato nel sangue di una Storia sfigurata. Ma insieme al racconto della crisi e della dissoluzione del Paese composito degli «Slavi del Sud», i lettori troveranno in queste pagine anche l'eco di preghiere e testi sacri ebraici e musulmani, come il Kaddish per gli scomparsi e la prima Sura del Corano, al Fatiha, dove si celebra la sacralità della vita quotidiana. Attraverso lo spirito del luogo, Sidran parla così al mondo e la sua voce diventa quella di una critica radicale, la sua scrittura il luogo di una ferma invettiva verso i tempi regressivi che viviamo. Questa poesia è il balsamo amaro per una popolazione ferita, non solo in Bosnia-Erzegovina: il grasso di lepre che porta in superficie le schegge più profonde.

La orripilante storia del teschio di Goya
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gaya Nuno, Juan Antonio

La orripilante storia del teschio di Goya / Juan Antonio Gaya Nuño

Ginevra [etc.] : Skira, 2010

Abstract: Dovendo qui fare la storia di un teschio, storia già definita orripilante, mi sembra giusto e coerente presentarvelo fin dall'inizio, quando era ricoperto di pelle e conteneva uno dei più ricchi cervelli di cui mai abbia potuto godere un uomo. Quel teschio, con i suoi teneri ossicini ancora disgiunti si formò in un aspro paese dell'Aragona, Fuendetodos, durante l'inverno del 1746, nel ventre di una pacifica signora chiamata Gracia Lucientes. Il 31 marzo il capino del piccolo Francisco Goya y Lucientes uscì alla luce. Nessuno, in quel momento, avrebbe potuto pronosticare il tremendo destino che l'aspettava. Perché allo scheletro di Francisco Goya y Lucientes, conservato nella piccola e splendida chiesa di San Antonio de la Florida a Madrid, manca il teschio? Secondo un destino straordinario, il solo coerente con una mente capace di immaginare e partorire incubi e visioni, Capricci e Follie, l'autore ci conduce, con una narrazione ironica e divertente, attraverso la vita di Goya, che prima fu pittore; poi artista; infine, genio totale, alle vicende atroci e grottesche, tenebrose e comunque eccezionali del suo teschio: derubato, smarrito, ritrovato in un quadro, protagonista infine di un esperimento scientifico, che ne decreterà la sorte.

Biancaneve
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Visentin, Marina

Biancaneve / Marina Visentin

Lugano : Todaro, 2010

Abstract: Biancaneve, come la favola. Ma non è una favola. 0 forse sì: una favola noir, molto noir.La protagonista è una donna come tante, convinta di non avere molto da pretendere dalia vita. Una giovane donna abituata a starsene in un angolo, a guardare gli altri col naso schiacciato cóntro il vetro opaco dell'invidia. Un giorno il caso le offre un'insperata occasione di riscatto: la possibilità di diventare finalmente protagonista del proprio'destino, in un estremo tentativo di conquistare finalmente un brandello di felicità, ma il prezzo da pagare sarà altissimo.In nome di cosa avrei dovuto dire la verità? In nome della giustizia? Ma cos'è la giustizia? È giusto che per alcuni il mondo sia una pianura stanca e desolata e per altri un paesaggio incantato, ricco di alberi e fiori profumati? Non so cosa sia giusto e cosa sbagliato, so che in certi momenti ho pensato a Rossana con rimorso e affetto, ma la maggior parte delle volte ho semplicemente cancellato il suo volto. La sua morte non mi riguardava.