Includi: tutti i seguenti filtri
× Risorse Catalogo
× Lingue Greco classico (fino al 1453)
× Soggetto Grecia
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Editore Sestante <casa editrice>
× Soggetto Storia
× Nomi Ferrari, Franco

Trovati 3 documenti.

Mostra parametri
Tutte le opere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pindarus

Tutte le opere : olimpiche, pitice, nemee, istmiche, frammenti / Pindaro ; introduzione, traduzione, note e apparati di Enzo Mandruzzato

Milano : Bompiani, 2010

Abstract: Nella presente edizione vengono pubblicate tutte le opere di Pindaro, il più grande esponente della lirica corale arcaica nato a Cinocefale, nei pressi di Tebe, attorno al 520-518 a.C., dalla nobile famiglia degli Egidi, originari di Sparta e fondatori del culto gentilizio di Apollo Carneo. Nell'edizione alessandrina, la produzione di Pindaro, eccezionalmente ampia, occupava 17 libri ordinati per generi: Inni, Peani, Prosodi, Parteni, Iporchemi, Encomi, Treni, Epinici. Sopravvivono integralmente solo quattro libri degli Epinici, divisi secondo le gare panelleniche di cui celebravano i vincitori: essi contengono rispettivamente 14 odi Olimpiche, 12 Pitiche, 11 Nemee, 8 Istmiche. Le altre opere sono note solo da numerosi frammenti in cui appaiono grandiose descrizioni del mondo divino, racconti mitici, solenni enunciati etici ed anche tratti di arguta grazia e voci d'amore. L'epinicio di Pindaro si articola secondo tre linee tematiche svolte con grande varietà di motivi: l'elogio, che contiene un succinto riferimento al vincitore e all'occasione sportiva; il mito, collegato sovente con la famiglia o con la patria del celebrato, che costituisce la parte di maggiore ampiezza ed impegno poetico; e la gnome, ossia l'enunciazione di sentenze religiose e morali.

Orestea
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Aeschylus

Orestea : Agamennone, Coefore, Eumenidi / Eschilo ; introduzione di Vincenzo Di Benedetto ; traduzione e note di Enrico Medda, Luigi Battezzato, Maria Pia Pattoni

13. ed.

Milano : BUR, 2008

Orestea
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Aeschylus

Orestea : Agamennone, Coefore, Eumenidi / Eschilo ; introduzione di Umberto Albini ; nota storica, traduzione e note di Ezio Savino

10. ed.

Milano : Garzanti, 2008

Abstract: L'Orestea, scrive Savino nella sua nota storica, è un indimenticabile pezzo di maestria teatrale. Il fasto architettonico della scena e la sua ricchezza di suggestioni; il saggio impiego dell'ambiguità, in un dramma di nascosti rancori e sospirate vendette; la lingua poetica che non parla, ma che scolpisce e dipinge, evoca spazi e solitudini immense, addensa emozioni e sentimenti contrastanti; la variazione sapiente del ritmo e l'uso della suspense, che inceppa l'azione sospesa sull'orlo del gesto, quadro plastico d'orrore teso: ecco gli elementi di questa maestria. La volontà degli eroi di Eschilo è un rovello interiore, non più un dio che dall'esterno guida e sospinge. Il dovere di scegliere è il polo tragico del suo teatro: colpire o ritrarsi? Soffocare o sciogliere la guerra interiore che ci strazia?