Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Genere Satira e umorismo
Includi: tutti i seguenti filtri
× Nomi Rilke, Rainer Maria

Trovati 135 documenti.

Mostra parametri
Sonetti a Orfeo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Sonetti a Orfeo / Rainer Maria Rilke ; introduzione di Maddalena Longo ; prefazione, traduzione e note di Rina Sara Virgillito

5. ed.

Milano : Garzanti, 2019

Abstract: I cinquantacinque "Sonetti a Orfeo" sono l'omaggio del poeta a una danzatrice, stroncata a 19 anni dalla leucemia. Maestro di ogni rinascita, Orfeo suscita l'idea della metamorfosi, dell'eterno ciclo della vita e della morte, e instilla nei versi la visione di una mistica unità nella quale i "due mondi" si fanno volti di una stessa realtà. Sono un vero e proprio racconto: tessono la trama degli eventi, dell'intreccio apparentemente incomprensibile delle cose, proponendo un'immagine visibile di quella ragione dei contrari e della differenza, che ci presenta il mondo nella sua ultima verità. Infatti Orfeo, il dio del canto, è il dio che canta questo mondo: il mutare delle cose e degli uomini che abitano presso di esse.

Lettere a un giovane poeta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Lettere a un giovane poeta / Rainer Maria Rilke ; a cura di Marina Bistolfi

Milano : Mondadori, 2019

Abstract: Tra il 1903 e il 1908 Franz Xaver Kappus, un giovane allievo dell'accademia militare di Wiener Neustadt, inviò a Rainer Maria Rilke alcune sue prove poetiche. Ebbe così inizio un intenso carteggio: dal poeta maturo scaturisce una sorta di lezione fatta di consigli stilistici e, soprattutto, di insegnamenti spirituali. Rilke esorta Kappus a indagare se veramente lo scrivere sia per lui una necessità, gli indica il peso e la grandezza dell'essere artista, lo esorta alla solitudine come unico mezzo per giungere alla maturazione di sé. Ma soprattutto, prescindendo dal destinatario, si pone davanti a uno specchio straniante e rivelatore che lo aiuta ad analizzarsi e a definirsi.

Storie del buon Dio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Storie del buon Dio / Rainer Maria Rilke ; traduzione e cura di Giorgio Zampa

Milano : SE, 2018

Abstract: La presente versione di Giorgio Zampa delle "Storie del buon Dio" di Rainer Maria Rilke apparve per la prima volta presso Cederna nel 1948 e successivamente presso Rizzoli nel 1978, e viene qui ripresentata sostanzialmente immutata.

La vita comincia ogni giorno
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

La vita comincia ogni giorno : lettere di saggezza e commozione / Rilke

Roma : L'Orma, 2017

Fa parte di: Cassetta verde : lettere

Abstract: Armato della mitezza degli inflessibili, un grande poeta insegna a guardare il mondo come fosse il primo giorno della creazione, e ad affrontare le difficoltà come occasioni per scoprire se stessi. Le lettere di Rainer M. Rilke sono tesori di ambiziosa saggezza, straboccano di quotidiana audacia e contengono le altissime riflessioni maturate da un uomo che seppe richiedere alla vita la misura della perfezione.

Storia del buon Dio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Storia del buon Dio / Rainer Maria Rilke

Massa : Edizioni clandestine, 2016

Abstract: Nelle Storie del Buon Dio (1900), opera decisamente singolare rispetto alla produzione di Rilke, sono raccolti tredici racconti, “narrati ai grandi perché li ripetano ai bambini” - come sottolineò lo stesso poeta - tutti incentrati su Dio, che viene continuamente cercato e, laddove nascosto, atteso con rinnovata speranza. Il Dio menzionato da Rilke non ha nulla a che fare con quello della religione cristiana, al contrario, si mostra tascabile quanto un ditale, al punto da suscitare l’impressione che “qualunque oggetto possa impersonarlo, basta soltanto dirglieLo”. Ed è un Dio distratto, che lascia le creature sfuggire al suo controllo e talvolta si arrabbia, mettendosi a discutere con un angelo; un Dio che crea, con poca razionalità e molta poesia e che si intenerisce al pianto di una bimba. Ma da questi racconti, intrisi di realismo e fantasia, non è solo Dio a emergere, bensì l’uomo, con i suoi valori e le sue pecche, le inquietudini e l’infinita creatività. Tredici storie parzialmente ispirate da racconti popolari russi: “Melodie - scrisse Rilke - che nessuno, né cosacco né contadino, ha potuto ascoltare senza piangere, eppure permeate da un fine umorismo

La saggezza e il destino
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Maeterlinck, Maurice

La saggezza e il destino / Maurice Maeterlinck ; con uno scritto di Rainer Maria Rilke ; traduzione di Giulio Martone e Nicola Zippel

Roma : Elliot, 2015

Abstract: Il caso, la fatalità e il mistero impregnano la vita umana, e nessuno scrittore ebbe come Maurice Maeterlinck la consapevolezza dell’ignoto che stringe e angoscia le nostre esistenze. La vita umana si trova vessata da forze lontane e inaccessibili, ingovernabili e ineluttabili. Cosa può quindi fare da scudo e da monito rispetto alle terribili incursioni del destino? In questo testo del 1898 il poeta belga non chiude il proprio pensiero nel vicolo cieco del pessimismo, ma indica come via proprio la saggezza come “purificata energia di felicità”. Esistono infatti due tipi di destini: quello fuori da noi, intoccabile e incerto, e quello dentro di noi, opera della nostra volontà, del nostro peculiare cammino. La saggezza fa da porto sicuro, rifugio alla tempesta. Ecco dunque la possibilità umana di trasformare il pensiero in un giardino chiuso, una grotta brillante, dove costruirsi il proprio asilo rispetto ai terremoti del caso. Seguendo la filosofia stoica e il pensiero di Spinoza, Maeterlinck indica nella vita interiore una strada verso l’emancipazione dal reale, fonte di fiducia e di serenità.

Lettera del giovane lavoratore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Lettera del giovane lavoratore / Rainer Maria Rilke ; a cura di Nino Muzzi

Roma : Castelvecchi, 2015

Abstract: Scritta nel 1922 e mai pubblicata in vita, La lettera del giovane lavoratore mette in scena uno sdoppiamento artistico e umano, in cui il Rilke-lavoratore si confessa al Rilke-poeta (nei panni del poeta fiammingo Emile Verhaeren, scomparso nel 1916). Al centro della riflessione c’è la figura del lavoratore, simbolo dell’attività pratica, di un mestiere, immerso nel ciclo produttivo della vita. Nell’affrontare i temi della religione e il senso dell’esistenza, la lettera esalta la dimensione terrena e carnale della vita e diventa un atto di accusa contro la Chiesa che, con la sua pratica repressiva, ha allontanato l’uomo da Dio. In un apparente paradosso, questo ritorno alla concretezza terrestre della realtà permette al giovane lavoratore di ricreare poeticamente il mondo, emancipandosi dalla contingenza storica e dalla sottomissione al potere.

I quaderni di Malte Laurids Brigge
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

I quaderni di Malte Laurids Brigge / Rainer Maria Rilke ; introduzione, traduzione e note di Furio Jesi

18. ed.

Milano : Garzanti, 2014

Abstract: Sei anni di incessante lavoro precedono l'uscita del libro, nel 1910, e dieci anni di siccità artistica la seguono. Sorta di romanzo-diario autobiografico in cui il protagonista, alter ego di Rilke, annota sogni, incubi, reminiscenze dell'infanzia e meditazioni sulla morte, Malte è la testimonianza artistica, e per molti aspetti rivoluzionaria, di una tormentosa condizione umana: quella dell'artista chiuso nella propria interiorità che, in una Parigi trasognata e allucinata, sperimenta la solitudine e la paura, la miseria ma anche l'ansia di Dio. Libro che riesce a tradurre in parola gli eventi infimi e impercettibili come anche l'orribile e il terribile, il Malte si colloca sulla soglia della modernità letteraria: prova sconcertante della crisi del romanzo ottocentesco, precorre la narrativa esistenzialista del secondo dopoguerra. Introduzione, traduzione e note di Furio Jesi.

Elegie duinesi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Elegie duinesi / Rainer Maria Rilke ; traduzione di Michele Ranchetti e Jutta Leskien ; cura di Michele Ranchetti

Milano : Feltrinelli, 2014

Abstract: Le Elegie duinesi sono l'ultima e somma opera poetica di Rainer Maria Rilke, che è considerato uno dei massimi lirici tedeschi moderni, ammirato tra gli altri da filosofi come Wittgenstein e da scrittori come Pasternak. Rilke iniziò a scrivere le Elegie a Duino - da cui il nome - nel 1912: si tratta di dieci componimenti di ispirazione filosofica, che trattando di varie tematiche cercano di rispondere alle domande poste nelle precedenti opere rilkiane sull'insensatezza e incomprensibilità della vita, e sulla paura della morte. Le poesie ruotano attorno a temi quali l'identità di vita e morte in quanto momenti dello stesso processo del divenire in un'eterna metamorfosi; l'inesistenza di una distinzione tra al di qua e al di là, per la coesistenza di regni materiale e spirituale sotto l'egida degli Angeli, creature superiori all'uomo che si trova in una condizione mediana, superiore a sua volta all'ignara natura animale, ma comunque di spettatore della vita; la bellezza dell'essere che va sottratta alla consunzione del tempo tramite l'eternità dello spirito, la creatività dell'arte che getta un ponte tra i due regni; la fortuna di chi muore fanciullo, il destino delle donne abbandonate alla purezza del loro amore; la virile accettazione della vita e del dolore da parte dell'eroe; la celebrazione finale della morte.

Poesie
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Poesie : 1907-1926 / Rainer Maria Rilke ; a cura di Andreina Lavagetto

Torino : Einaudi, 2014

Abstract: Negli anni a cavallo fra Otto e Novecento, quando in Austria e in Germania si diffonde la filosofia nietzscheana del linguaggio, e tanto Kafka con Descrizione di una battaglia quanto Hofmannsthal con il Lord Chandos rendono testimonianza della crisi, il giovane Rilke non sembra avvertire il problema della non-corrispondenza fra parola e cosa. Dotato di un infallibile istinto musicale e di una straordinaria abilità nel dominare la lingua, vive i suoi inizi di poeta nella convinzione di possedere la capacità di piegare qualsiasi soggetto alle leggi del metro e della rima. La lirica giovanile è segnata da una soggettività prepotente, da un io che celebra il proprio mondo interiore, gli stati d'animo, le impressioni, e la propria maestria. Passato per i successi del Libro d'ore e del primo Libro delle immagini, Rilke si accorge però, con fatica e sofferenza, che per garantire qualità e durata alla sua poesia deve riconoscere un valore autonomo al mondo fenomenico. Comincia così, intorno al 1903-1904, la ricerca formale e filosofica che porterà alle Nuove poesie e di lì, attraverso una crisi di molti anni, alle Elegie duinesi, ai Sonetti a Orfeo e alla lirica della maturità, le grandi raccolte comprese nella presente edizione.

Figlio unico e altri racconti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Figlio unico e altri racconti / Rainer Maria Rilke ; a cura di Anna Ruchat

Como ; Pavia : Ibis, 2014

Abstract: In questa raccolta vengono presentati sette racconti di Rainer Maria Rilke (1875-1926). Il grande scrittore austriaco, praghese di nascita, è universalmente conosciuto per le sue poesie e per alcune opere narrative: le Elegie duinesi e i Sonetti a Orfeo, i Quaderni di Malte Laurids Brigge e la famosissima Lettera a un giovane poeta. Meno noti sono i suoi racconti, pubblicati con rarità e spesso introvabili. Eppure l'interrogarsi sul senso della vita che percorre l'opera poetica di Rilke trova anche qui espressione efficace e convincente. Di fatto la qualità stilistica non risulta inferiore a quella della poesia. La peculiarità dei racconti rilkiani è di mettere in scena i personaggi, cogliendone l'intimo sentimento, la capacità di renderci palese l'interiore emotività di cui neppure i personaggi stessi sembrano essere effettivamente consapevoli, di rappresentare la caducità delle situazioni esistenziali.

Il segreto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Il segreto : cinque racconti giovanili / Rainer Maria Rilke ; a cura di Anna Ruchat

Como ; Pavia : Ibis, 2013

Abstract: Nei racconti giovanili di Rainer Maria Rilke (1875-1926), pur nei limiti di uno stile letterario ancora in costruzione, [...] non mancano - come ricorda Anna Ruchat nella presentazione - tracce di quello che sarà il Rilke più maturo: il distacco e l'ironia nella malinconia, ad esempio. In nuce sono anche già presenti i temi fondamentali della poetica rilkiana: l'amore per gli umili, gli oppressi, i falliti, gli infelici, e poi la morte, l'amore fugace, l'infanzia. Insomma questi racconti, pur ripudiati, sono figli di quello stesso sforzo di creare dal nulla, di costruire sul vuoto, da cui nasceranno alcuni anni più tardi e con ben diversa padronanza di sé, prima il 'Malte' e poi le 'Elegie duinesi'.

Vol. 2: 2
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Vol. 2: 2 / Rainer Maria Rilke

Vol. 1: 1
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Vol. 1: 1 / Rainer Maria Rilke

Poesie ( 1895-1908)
0 0 0
Monografie

Rilke, Rainer Maria

Poesie ( 1895-1908) / Rainer Maria Rilke ; a cura di Giuliano Baioni ; commento di Andreina Lavagetto

Milano : Mondadori, 2013

Il libro d'ore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Il libro d'ore / Rainer Maria Rilke ; introduzione, traduzione e note di Lorenzo Gobbi

Sotto il Monte : Servitium, 2012

Lettere a un giovane poeta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Lettere a un giovane poeta / Rainer Maria Rilke ; introduzione di Mark Harman ; a cura di Franca Brea

[Fidenza] : Mattioli 1885, 2012

Abstract: Nel 1902 Franz Kappus, un aspirante poeta di diciannove anni, scrisse a Rilke, allora ventiseienne, in cerca di consigli. Kappus frequentava l'accademia militare a Vienna ed era in procinto di intraprendere la carriera di ufficiale per la quale si sentiva tuttavia poco portato. Toccato dall'innocenza del giovane e dalla somiglianza dei loro destini, Rilke rispose a Kappus dando inizio a una corrispondenza intermittente che durò fino al 1908. Lettere a un giovane poeta svela il punto di vista di Rilke su temi differenti come la creatività, la solitudine, l'auto-realizzazione, la leggerezza dell'ironia, l'inutilità della critica, il sesso, l'amore, Dio e l'arte. Questo libro è una sorta di manuale di vita. L'arte, scriverà Rilke nella sua lettera finale al giovane poeta, è soltanto un altro modo di vivere. Introduzione di Mark Harman.

La gioia degli angeli
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

La gioia degli angeli / Rainer Maria Rilke ; a cura di Gio Batta Bucciol

Milano : Corriere della sera, 2012

Poesie
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Poesie / Rainer Maria Rilke ; scelte e tradotte da Giaime Pintor ; postfazione di Paolo Barbieri

Milano : La vita felice, 2012

Abstract: Dice Giaime Pintori: La scelta delle poesie è libera. Non ho voluto dare ai lettori un compendio dell'opera di Rilke; ho voluto raccogliere quello che per me, in un particolare momento o in una particolare circostanza, è stato scoperta e occasione di poesia. La traduzione è libera: notizia forse inutile per chi sa che ogni traduzione è libera per natura. In alcuni casi è arbitraria e se al lettore non piacerà mi esporrò a eventuali condanne. Invece no. Giaime Pintor, con questo lavoro, ci ha regalato una preziosità davvero unica e rara.

Canto remoto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rilke, Rainer Maria

Canto remoto / Rainer Maria Rilke ; a cura di Sabrina Mori Carmignani

Bagno a Ripoli : Passigli, c2011

Abstract: Questa antologia riunisce le poesie e i frammenti poetici di Rilke che hanno al loro centro la musica, a testimonianza di una relazione che se da un lato ha incontrato inizialmente diverse difficoltà ad approfondirsi, è divenuta mano a mano essenziale nell'elaborazione della poetica più matura del grande poeta praghese, fino alla massima sintesi di parola e musica rappresentata, tanto stilisticamente quanto tematicamente, dai Sonetti a Orfeo. In effetti, a ben vedere le note riserve iniziali di Rilke nei confronti della musica - in una lettera a Lou Salomé del 1903 era arrivato persino ad affermare che la grande arte di Rodin è il contrario della musica -, più che esprimere una reale posizione teorica, rappresentavano semmai una sorta di auto-invito a guardare oltre, a non accontentarsi passivamente di ciò che i sensi ci dettano. Da questo punto di vista, il cammino di Rilke verso la musica è del tutto in linea con l'altro grande suo approdo estetico, sul piano dell'arte figurativa, con la scoperta della pittura di Cézanne. Non lasciarsi sedurre dalla superficie delle cose e, allo stesso modo, non lasciarsi sedurre dalla suggestione dei suoni, perché - scrive Rilke - nelle arti non decide l'apparenza, l'effetto (il cosiddetto 'bello'), ma la causa più profonda e intima, l'essenza sepolta che evoca l'apparenza.