Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese su
Includi: tutti i seguenti filtri
× Lingue Greco classico (fino al 1453)
× Nomi Aristoteles
× Nomi Zanatta, Marcello

Trovati 3 documenti.

Mostra parametri
Metafisica. Libro 1
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Aristoteles

Metafisica. Libro 1 / Aristoteles ; traduzione e note di Marcello Zanatta ; prefazione di Emanuele Severino

Milano : BUR : Corriere della sera, 2012

Metafisica
0 0 0
Monografie

Aristoteles

Metafisica / Aristoteles ; a cura di Marcello Zanatta

Milano : Rizzoli, 2009

Abstract: La Metafisica è forse il più celebre trattato di filosofia, pietra miliare nella storia del pensiero occidentale, testo fondante della speculazione filosofica. È d'altro canto noto che metafisica non è termine aristotelico, ma indica, con espressione ambivalente, le opere che vengono dopo quelle della fisica, e anche quella parte della dottrina che attiene alle realtà ultrasensibili, al di là della realtà diveniente. In questo testo Aristotele avvia la creazione di una scienza dell'ente in quanto ente, sviluppandola attraverso l'analisi delle cause e dei princìpi primi, della sostanza, della potenza e dell'atto e dei motori immobili, temi che attraversano l'intero corso della speculazione occidentale. La presente edizione offre un'ampia introduzione, nella quale si ripercorrono le linee fondamentali dell'esegesi novecentesca della metafisica e si delineano i capisaldi dottrinali dell'opera. Presenta inoltre una puntuale traduzione, un vasto commento storicofilologico e un utile indice dei termini e dei concetti.

Etica nicomachea
0 0 0
Monografie

Aristoteles

Etica nicomachea / Aristotele ; introduzione, traduzione e commento di Marcello Zanatta

Milano : BUR, 1998-

Abstract: L'Etica nicomachea costituisce il primo grande trattato di filosofia morale e testimonia la genesi dell'etica come branca autonoma della filosofia. Questo avviene, con Aristotele, quando la riflessione morale si separa dalla speculazione teoretica (alla quale in Platone era invece unitariamente connessa) e assume la consapevolezza di un proprio specifico oggetto e di un proprio metodo d'indagine.L'etica definisce la filosofia delle cose dell'uomo, e con la politica scandisce l'ambito delle scienze pratiche, il cui dominio è costituito dalle realtà che possono essere, diversamente da quelle che sono, regno, dunque, della contingenza e non già della necessità. In questo ambito la ragione interviene, sì, a definire delle regole di condotta, ma con un procedimento ben diverso da quello deduttivo (proprio delle scienze teoretiche), basato fondamentalmente sulla discussione delle opinioni autorevoli (gli 'endoxa'), secondo i criteri del metodo dialettico. Non è un caso che H.G. Gadamer abbia indicato proprio nel procedimento della filosofia pratica di Aristotele il modello dell'ermeneutica.In questa ottica l'analisi aristotelica indica la felicità come bene supremo 'dell'uomo', individuato nell'esercizio dell'attività virtuosa e coincidente, in ultima istanza, con la contemplazione. Lo studio delle virtù etiche offre allo Stagirita un'importante occasione per prendere in esame i comportamenti salienti del mondo spirituale greco. L'indagine sulle virtù dianoetiche individua nella sapienza e nella saggezza le virtù rispettivamente della parte teoretica e della parte pratica dell'anima razionale.Edizione con testo originale a fronte.