Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese su
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2009

Trovati 15700 documenti.

Mostra parametri
Pompei
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Harris, Robert

Pompei / Robert Harris ; traduzione di Renato Pera

Milano : Mondadori, 2009

Abstract: Pompei, 79 d.C. Mancano solo due giorni all'immensa eruzione del Vesuvio. È un'afosa settimana di fine agosto. Lungo la costa i ricchi oziano nelle ville di lusso. Attorno a loro, invisibili, si muovono gli schiavi costretti a subire l'ingiustizia della propria condizione. La flotta navale staziona pacifica nel porto di Miseno. In questo clima di calma apparente, solo un uomo è preoccupato: l'ingegnere Marco Attilio, da poco responsabile dell'Aqua Augusta, l'imponente acquedotto che rifornisce nove città del golfo. Giunto in tutta fretta da Roma dopo che il suo predecessore è scomparso misteriosamente, Attilio si rende conto che le sorgenti, per la prima volta da tempo immemorabile, si stanno esaurendo e si mescolano con lo zolfo.

Il diritto di non uccidere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Peyretti, Enrico

Il diritto di non uccidere : schegge di speranza / Enrico Peyretti

Trento : Il margine, 2009

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: "La guerra è il delitto perfetto. Anzi, di più. L'autore del delitto perfetto resta non scoperto e perciò impunito. L'autore della guerra è invece scopertissimo, anche perché si esibisce e si gloria del suo delitto. Resta impunito perché la guerra si fa legge sopra ogni legge, e perché non manca mai chi teorizzando identifica il fatto col valore, l'imposizione violenta con il diritto, e convince le vittime (uccisori e uccisi) alla rassegnazione". È uno dei pensieri che formano questo libro di Enrico Peyretti, studioso di Gandhi e della nonviolenza, tra i fondatori del mensile torinese "Il foglio", collaboratore di "Servitium" e di "Rocca". Si tratta appunto di una raccolta di fulminanti, profondi pensieri contro la guerra e la violenza, ma soprattutto che scavano con ostinazione dentro la possibilità, la necessità, l'urgenza di costruire una cultura della nonviolenza, che parta dalla persona e arrivi alla politica.

La rizzagliata
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Camilleri, Andrea

La rizzagliata / Andrea Camilleri

Palermo : Sellerio, 2009

Abstract: Il romanzo si colloca nelle vicinanze della cronaca più recente. E dà una rappresentazione storicamente ravvicinata del generale insordidamento politico: delle occulte geometrie e delle segrete intese fra poteri forti trasversali alle colorazioni stinte dei partiti; degli strusciamenti della corruzione; delle collusioni mafiose; dei vari gradi di perversione del linguaggio velato o atteggiato, elusivo o reticente, ossequioso o intimidatorio. Le apparenze abbagliano. Ed è sconsigliato denudare le parole e interpretare i fatti. L'impermeabilità della politica irradia di sé le carriere, nelle aziende pubbliche, e i passaggi dei pacchetti azionari nella Banca dell'Isola; e persino le alcove: le fedeltà e le infedeltà coniugali; l'amor costante e le passioni tattiche. La giostra, che la politica fa intorno al cadavere di una studentessa assassinata e al fidanzato raggiunto da un avviso di garanzia, viene seguita, e assecondata, dal direttore del telegiornale isolano. Anche gli innocenti, che credono di star fuori o ai margini della trama, e sanno come 'cataminarisi', hanno le loro tare e qualche inaspettato tornaconto nel romanzo. La verità è confezionabile, come qualsiasi menzogna. [...] Salvatore Silvano Nigro

La comunicazione umanante
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La comunicazione umanante : ermeneusi di un mistero / a cura di Gilberto Scaramuzzo ; scritti di Cosimo Costa ... [et al.]

Roma : Aracne, 2009

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Quattro saggi che indagano l'aspetto misterioso della comunicazione umana/umanante in quattro opere: un luogo dell'insegnare, un diario soggettivo, un film, la trascrizione delle lezioni di un filosofo.

Spingendo la notte più in là
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Calabresi, Mario

Spingendo la notte più in là : storia della mia famiglia e di altre vittime del terrorismo / Mario Calabresi

Milano : Mondadori, 2009

Abstract: È la mattina del 17 maggio 1972, e la pistola puntata alle spalle del commissario Luigi Calabresi cambierà per sempre la storia italiana. Di lì a poco il nostro paese scivolerà in uno dei suoi periodi più bui, i cosiddetti anni di piombo, la notte della Repubblica. Quei due colpi di pistola però non cambiarono solo il corso degli eventi pubblici, ma sconvolsero radicalmente la vita di molti innocenti. La storia dell'omicidio Calabresi è anche la storia di chi è rimasto dopo la morte di un commissario che era anche un marito e un padre. E di tutti quelli che hanno continuato a vivere dopo aver perso la persona amata durante la violenta stagione del terrorismo. Mario Calabresi, oggi giornalista di Repubblica, racconta la storia e le storie di quanti sono rimasti fuori dalla memoria degli anni di piombo, l'esistenza delle altre vittime del terrorismo, dei figli e delle mogli di chi è morto: c'è chi non ha avuto più la forza di ripartire, di sopportare la disattenzione pubblica, l'oblio collettivo; e c'è chi non ha mai smesso di lottare perché fosse rispettata la memoria e per non farsi inghiottire dai rimorsi. La storia della sua famiglia si intreccia così con quella di tanti altri (la figlia di Antonio Custra, di Luigi Marangoni o il figlio di Emilio Alessandrini) costretti all'improvviso ad affrontare, soli, una catastrofe privata, che deve appartenere a tutti noi.

Stories of ghosts and mystery
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Clemen, Gina D. B.

Stories of ghosts and mystery / Joseph Sheridan Le Fanu, Rudyard Kipling, Mathaniel Hawthorne ; retold by Gina D. B. Clemen ; activities by Janet Cameron ; illustrated by Paolo D'altan

Genoa : Black Cat, 2009

Il diverso come icona del male
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Aime, Marco - Severino, Emanuele

Il diverso come icona del male / Marco Aime ed Emanuele Severino ; introduzione di Ernesto Ferrero

Torino : Bollati Boringhieri, 2009

Abstract: L'uomo tende a interpretare tutto quanto non rientra nella propria esperienza diretta o nel cerchio rassicurante della tribù come un pericolo, una minaccia anche mortale. Di qui i suoi atteggiamenti aggressivi, per cui il diverso e l'altro vengono intesi come un nemico potenziale o reale. Un pregiudizio che continua ad alimentare i tanti conflitti che squassano le società contemporanee. (Introduzione di Ernesto Ferrero)

Les béguines
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Panciera, Silvana

Les béguines / Silvana Panciera

Namur : Fidélité, stampa 2009

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Scritti sulla pace e sulla guerra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mazzolari, Primo

Scritti sulla pace e sulla guerra / Primo Mazzolari ; edizione critica a cura di Guido Formigoni e Massimo De Giuseppe

Bologna : EDB, 2009

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: L'ultimo articolo scritto da don Mazzolari prima di morire si apriva con una sorta di invocazione: "Non siamo tranquilli sulla vicenda della pace" e ciò a dire quanto il tema gli stesse a cuore. Il volume, ottavo della serie delle edizioni critiche intraprese dalla Fondazione Don Primo Mazzolari e dalle EDB, raccoglie in ordine cronologico tutti gli scritti del parroco di Bozzolo sull'argomento. Pur nel travaglio che il suo pensiero conosce nell'arco di quarant'anni, è possibile riscontrare una profonda continuità nell'ispirazione interiore di don Primo. Così il suo giudizio, inizialmente aperto a una guerra che avesse come obiettivo la giustizia, poi rassegnato alla possibilità della guerra come "male talvolta necessario", si fa sempre più nettamente critico verso ogni guerra, addirittura quella difensiva, definitivamente identificata come antitesi dell'umanità.

La sposa guerriera
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Jones, Sherry

La sposa guerriera : A'isha e la rivolta islamica / Sherry Jones

Roma : Newton Compton, 2009

Abstract: Maometto è morto senza indicare chi dovesse succedergli alla guida politica della Umma, la comunità dei credenti. L'islam è spaccato e le lotte interne per il titolo di califfo insanguinano le strade di Medina. I combattimenti tra clan e la sete di potere e ricchezza sembrano aver cancellato per sempre gli insegnamenti del Profeta. Sono gli occhi di A'isha, la sua amatissima moglie, e quelli di Ali, fedelissimo genero, che raccontano la grande storia, sono le loro parole che infiammano l'animo degli arabi. Sono nemici: è la ragione del cuore che spinge A'isha a scendere in guerra, è la ragione del potere che spinge Ali a combattere la sposa guerriera. Eppure mentre le loro voci si alternano e i loro sentimenti, dubbi e incertezze scrivono alcune tra le più intense pagine, ci sembra che a parlare sia una sola persona, fragile, ostinata e pronta a tutto per l'Islam. Due intensi e indimenticabili protagonisti del mondo arabo, un ritratto emozionante e coinvolgente che racconta la storia di coloro che hanno proseguito con coraggio e dignità la battaglia del profeta contro un'idea di islam oppressivo e violento, ingiusto e corrotto.

7. rapporto sull'immigrazione straniera nella provincia di Bergamo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bergamo <Provincia>

7. rapporto sull'immigrazione straniera nella provincia di Bergamo : annuario statistico anno 2008 : nel quadro delle attività dell'Osservatorio regionale per l'integrazione e la multietnicità

Bergamo : Provincia di Bergamo, Settore politiche sociali e salute, stampa 2009

E' la montagna che chiama
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kehrer, Simon - Nones, Walter

E' la montagna che chiama : luglio 2008: la tragedia del Nanga Parbat nel racconto dei sopravvissuti / Simon Kehrer, Walter Nones

Milano : Mondadori, 2009

Abstract: Alla fine mi rialzo e mi preparo a uscire dal crepaccio. Ma abbandonare così un compagno mi fa sentire in colpa. Mi giro e provo l'impulso di parlargli. 'Karl, vieni, andiamo via' mormoro quasi senza volere. Mi trattengo ancora un istante, come se mi aspettassi un impossibile miracolo. No, bisogna guardare in faccia la realtà. Karl è morto, e niente potrà più cambiare questo fatto. Luglio 2008. A 6000 metri di altitudine tre alpinisti italiani stanno aprendo una nuova via per risalire la ripidissima schiena del Nanga Parbat, uno dei giganti dell'Himalaya. Si chiamano Karl Unterkircher, Walter Nones e Simon Kehrer. Dopo un complicato passaggio sotto un seracco, improvvisamente, senza dire una parola, Unterkircher scompare dentro un crepaccio nascosto dalla neve fresca. Un volo di quindici metriosilenzioso, mortale. Nones e Kehrer reagiscono nell'unico modo consentito a chi affronta i pericoli della montagna estrema: continuano la scalata dopo essersi calati nel crepaccio per un ultimo saluto all'amico Karl e aver piantato la piccozza di Unterkircher nel punto della tragedia, fiore d'acciaio a guardia della sua bara di ghiaccio. In È la montagna die chiama i due superstiti raccontano un'avventura epica e tragica, che ha come protagonisti il Re delle montagne (così chiamano il Nanga Parbat in lingua pashtun), tre uomini e la loro irrefrenabile voglia di alzare l'asticella dei limiti naturali.

Partire, tornare, restare?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Prontera, Grazia

Partire, tornare, restare? : l'esperienza migratoria dei lavoratori italiani nella Repubblica Federale Tedesca nel secondo dopoguerra / Grazia Prontera ; presentazione di Sandro Rinauro

Milano : Guerini e associati, 2009

Abstract: Grazia Prontera racconta la vicenda dell'immigrazione italiana alla Volkswagen di Wolfsburg, uno dei luoghi di maggiore afflusso di lavoratori italiani nella Germania del dopoguerra. Le loro vicende rappresentano un capitolo importante nella storia dell'Italia repubblicana. Il merito e l'interesse del lavoro di Prontera scaturiscono soprattutto dal ricorso alle storie di vita da lei raccolte che consentono al lettore di comprendere l'intero ciclo dell'esodo, i drammi e le conseguenze esistenziali ed emotive che lo accompagnavano: la partenza, la permanenza all'estero, il rimpatrio finale o la definitiva stabilizzazione in Germania. Da queste vicende emergono le difficoltà che i lavoratori dovevano affrontare, la loro frequente emarginazione sociale e il ricorrente dilemma tra la scelta di stabilirsi definitivamente in Germania e il rimpatrio, e infine il disagio che li fa sentire, scrive Rinauro nella sua introduzione, contemporaneamente e definitivamente stranieri all'estero come in patria. Ma troviamo anche i segnali della reazione organizzata degli immigrati ai loro problemi di vita e di lavoro. Tutto ciò stava infatti nel quadro di cruciali trasformazioni, in una congiuntura in cui gli spostamenti di manodopera inducevano l'Europa occidentale a varare il codice di libera circolazione del lavoro comunitario.

Spettri dell'altro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bonavita, Riccardo

Spettri dell'altro : letteratura e razzismo nell'Italia contemporanea / Riccardo Bonavita ; a cura di Giuliana Benvenuti, Michele Nani

Bologna : Il mulino, 2009

Abstract: Negli anni Trenta la cultura italiana si popola di immagini, stereotipi, schemi mentali che saranno poi selezionati e amplificati dalla propaganda di regime per sostenere la campagna razzista e conferire efficacia, persuasività e immediatezza alle dottrine e alle politiche fasciste. Il libro documenta la vasta circolazione di pregiudizi, credenze ed atteggiamenti razzisti nella produzione letteraria del nostro paese tra Otto e Novecento, identificando il razzismo come pregiudizio condiviso e, insieme, ideologia da diffondere. L'analisi di un vasto corpus narrativo di romanzi e racconti dedicati alla vita nelle colonie, lo studio dell'antisemitismo nella letteratura di consumo e l'attenzione a figure esemplari come quella di Papini confluiscono nella trattazione, volta a ricostruire e interpretare le rappresentazioni letterarie italiane delle due principali figure dell'alterità: gli ebrei e le genti di colore.

Badanti & Co.
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Badanti & Co. : il lavoro domestico straniero in Italia / a cura di Raimondo Catanzaro e Asher Colombo

Bologna : Il mulino, 2009

Abstract: Oggi oltre due milioni e mezzo di famiglie italiane hanno in casa assistenti familiari (le cosiddette badanti), colf, baby-sitter. Ma la novità più vistosa, rispetto al passato, sta nel fatto che questo personale di servizio è costituito in misura crescente da stranieri, e in particolare da straniere: quella che era chiamata semplicemente la donna è diventata la filippina o l'ucraina. Un cambiamento largamente inesplorato. Basato su estese ricerche condotte negli ultimi anni da un team di studiosi che hanno intrecciato approcci disciplinari diversi, e su un ricchissimo archivio di oltre seicento lunghe storie di vita raccontate da lavoratrici e lavoratori stranieri, questo volume ne ricostruisce i percorsi migratori, i canali di integrazione, le esperienze lavorative, le relazioni domestiche all'interno delle nostre case. Per quanto non ci si pensi, queste persone hanno poi anche una casa propria che è scenario di vite quotidiane e familiari, di rapporti affettivi e amicali, qui indagati e rivelati.

Avanti il prossimo... storie sospese tra burocrazia e immigrazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Baldin, Maria Rosaria

Avanti il prossimo... storie sospese tra burocrazia e immigrazione / Maria Rosaria Baldin

Molfetta : La meridiana, 2009

Abstract: Eccomi qui, con un fascio di carte in mano ed una miriade di storie e di volti che si affastellano dentro e a cui dovrò dare un ordine e un nome. Fredde carte che parlano il noioso linguaggio della burocrazia, quello che non interessa a nessuno. Ma io, dietro ognuno di questi fogli, vedo un volto e una storia.

La bambina ribelle
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Haji, Nafisa

La bambina ribelle / Nafisa Haji

Milano : Garzanti, 2009

Abstract: È sera. La piccola Saira, giovane pachistana nata in America, ha gli occhi chiusi. Sua madre è seduta sul bordo del letto e le sfiora la fronte con la mano, tracciando parole di una preghiera del Corano, per placare i suoi incubi di bambina. Saira non le ha mai capite quelle parole, non le ha mai volute ascoltare. Sin da piccolissima, a differenza della sorella maggiore Ameena, ha sempre rifiutato con forza la tradizione. Era l'unica a indossare i pantaloni, a portare i capelli corti, a strapparsi il velo ogni volta che la obbligavano a metterlo. Sono passati anni da allora, anni in cui Saira ha lottato duramente per conquistare il bene più prezioso, l'indipendenza. Ma questa scelta si è portata dietro un prezzo, una colpa inconfessabile. Almeno fino a ora. Perché, quando la tragedia colpisce inaspettatamente la sua famiglia, Saira capisce di non avere alternative: deve tornare alle sue radici, ripercorrere la strada del passato e deve trovare, una volta per tutte, la forza di ascoltare quelle parole del Corano e guardare negli occhi coloro che sono venuti prima di lei. Ad attenderla, tra l'America alla vigilia del cambiamento e il Pakistan sull'orlo della violenza, ci sono segreti e tradimenti, bugie e sofferenze, sorprese e legami inaspettati. Solo affrontandoli Saira potrà saldare i conti con i propri errori mai espiati e potrà prendersi cura di chi ha veramente bisogno di lei.

Il fiume di cristallo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bambarén, Sergio

Il fiume di cristallo / Sergio Bambarén ; traduzione di Alice Cominotti

Milano : Sperling & Kupfer, 2009

Abstract: Un gruppo di lamantini, enormi e mansuete creature marine, si rifugia nelle tiepide acque del Crystal River, in Florida, per trascorrere l'inverno. In quel piccolo angolo di paradiso hanno trovato il loro habitat ideale: possono nutrirsi in abbondanza nei rigogliosi pascoli sommersi, riposare indisturbati e, di tanto in tanto, divertirsi a nuotare con qualche turista curioso. Finché un giorno per una mamma e il suo cucciolo l'idillio si infrange: lo scontro con l'elica di una barca a motore spezza la vita della gigantessa gentile e lascia il piccolo gravemente ferito. Abbandonato a se stesso, il lamantino galleggia sulla superficie, destinato a morire. Ma un ragazzino che sta solcando il fiume con la sua canoa lo vede. Non sa che cosa fare, ha paura, però la voce del suo cuore gli dice che deve soccorrerlo. Così, porta a riva il cucciolo e, con l'aiuto del nonno, che gli ha trasmesso l'amore per la Natura, si prende cura di lui, fino a restituirlo sano e salvo al fiume di cristallo, la grande distesa trasparente dove ci si specchia per conoscere più a fondo la propria anima. Da quel giorno il lamantino sfortunato e il ragazzino coraggioso saranno uniti da un legame indissolubile che saprà resistere a ogni cosa, anche al trascorrere del tempo.

Storia di un restauro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Storia di un restauro : la chiesa di San Ludovico al Bretto / a cura di Tarcisio Bottani e Walter Milesi

Bergamo : Corponove, 2009

Una foglia sbattuta dal vento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Locatelli, Alessandro

Una foglia sbattuta dal vento : lettere dal fronte di Sandro Locatelli ai familiari (28 marzo 1917-26 giugno 1918)

[S. Omobono Terme] : Centro studi Valle Imagna, 2009