Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese su
× Lingue Inglese
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Storia

Trovati 14585 documenti.

Mostra parametri
L'occhio della storia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bianchi, Alberto - Macario, Francesco

L'occhio della storia : il territorio di Lovere nel racconto dell'immagine / Alberto Bianchi, Francesco Macario

Lovere : Centro civico culturale ; [Rovigo] : Archimedia, 2016

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
La Arti e mestieri
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La Arti e mestieri : già Scuola professionale di disegno e plastica e ancor prima Scuola di disegno d'ornato : Sarnico 1872-2008 / [a cura di Giuseppe Bettera]

Sarnico : Biblioteca comunale di Sarnico, 2019

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Quaderni della Geradadda
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Quaderni della Geradadda : [25] / [a cura del Centro Studi Storici della Geradadda] ; coordinatori del volume Adriano Carpani e Maria Antonia Moroni, Centro Studi Storici della Geradadda ; segreteria di redazione Maria Lucia Bressanelli

Treviglio : Centro Studi Storici della Geradadda, 2019

Abstract: Periodico di studi di vita e cultura della Geradadda

Malaria
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Grima, Piero

Malaria : scienza, storia, costume, letteratura / Piero Grima

Nardò : Besa, 2019

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Nell’immaginario collettivo, poca risonanza emotiva ha la malaria che, sebbene endemica, subdola e vera epidemia silenziosa, miete ogni anno un enorme numero di vittime e sino a pochi decenni fa è stata una piaga anche per il nostro Paese. Agli albori della storia, i popoli tendevano a raggrupparsi prevalentemente laddove vi erano fiumi e laghi, laddove c’era l'acqua, fonte di vita ma anche di morte, in quanto in quelle stesse zone Yanopheles attendeva paziente le sue vittime per inoculare l’agente delle “febbri lacustri” Dall’antico Egitto alla Mesopotamia, dall’Italia alle Americhe, l’autore ripercorre la storia della malaria e delle popolazioni che ne vennero a contatto, con uno sguardo alla scienza e uno alla storia, non trascurando peraltro le cause climatiche, geografiche, belliche che consentirono al Plasmodium di viaggiare da un continente all’altro, al seguito delle migrazioni e degli eserciti

Storia della metafisica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Storia della metafisica / a cura di Enrico Berti

Roma : Carocci, 2019

Abstract: Sulla base del presupposto unanimemente riconosciuto che la metafisica, quale che sia il suo valore, ha avuto una storia, il volume individua i momenti salienti di quest’ultima in alcuni grandi filosofie correnti di pensiero: Platone, Aristotele, il platonismo antico, la metafisica arabo-islamica, Tommaso d’Aquino, Duns Scoto, Suárez, Cartesio, Kant, Hegel, Rosmini, Heidegger, il neotomismo, la filosofia analitica. Ne risulta una storia equilibrata, ricca e coinvolgente, forse unica nel suo genere, di indubbio interesse per chiunque si occupi di filosofia

L'età dei muri
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Greppi, Carlo

L'età dei muri : breve storia del nostro tempo / Carlo Greppi

Milano : Feltrinelli, 2019

Abstract: Nel 1941 un soldato della Wehrmacht, Joe J. Heydecker, scavalca un muro e scatta le foto che testimonieranno il terribile esperimento del ghetto di Varsavia, nel cuore nero dell'Europa nazista. Intanto, lo storico Emanuel Ringelblum, imprigionato dietro quel muro con la famiglia, raccoglie dati, "contrabbanda storia" perché qualcuno la possa raccontare. Quasi mezzo secolo dopo, John Runnings, un reduce canadese della seconda guerra mondiale, è a Berlino per il venticinquesimo anniversario della "barriera di protezione antifascista". Ed è il primo a salire sul Muro per abbatterlo. Sarà ricordato come il "Wall Walker". Nell'anno in cui cominciava la costruzione del simbolo della cortina di ferro, il 1961, un giovane giamaicano stava inventando un nuovo genere musicale per cantare la lotta contro l'oppressione politica e razziale. Il suo nome era Bob Marley, e veniva da una famiglia che avrebbe fatto fortuna con il cemento: anche lui, senza saperlo, aveva in mano il suo pezzo di muro. Da Varsavia a Berlino, dal Mar dei Caraibi alle spiagge della Normandia, per finire a oggi, al confine tra Messico e Stati Uniti e nella "fortezza Europa", Carlo Greppi racconta quattro vite straordinarie che convergono nella trama inquietante del nostro tempo, l'età dei muri. Una storia globale scandita dalla costruzione di dispositivi con una struttura elementare e piuttosto arcaica, fatta di cemento armato, filo spinato o concertina, e un'origine comune: la guerra. Oggi decine di barriere dividono popoli e Paesi. Sono state innalzate per ostacolare flussi migratori, per creare confini o per difenderli. In gran parte sono successive al 1989. E poiché "il mondo sembra in fiamme, e non sappiamo cosa verrà fuori da queste macerie", comprendere il presente è il primo passo per immaginare un futuro diverso.

Mondi perduti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mattioli, Aram

Mondi perduti : una storia dei nativi nordamericani, 1700-1910 / Aram Mattioli

Torino : Einaudi, 2019

Abstract: Aram Mattioli racconta in modo vivido il lungo e violento processo di colonizzazione messo in atto dai coloni bianchi contro i nativi indiani, interpretando gli eventi globali sullo sfondo dei fenomeni centrali, dal Settecento alla prima decade del Novecento. Allo stesso tempo, prende in considerazione il punto di vista dei «vinti» su un piano di parità e mostra come i popoli indigeni reagirono in vari modi all'accaparramento delle terre. Gli indiani subirono un vero e proprio attacco etnocida, che comportò la perdita di gran parte dei territori ancestrali, delle risorse naturali, delle basi di sussistenza, e del diritto ad autodeterminarsi. Dei numerosi «primi popoli» l'autore evidenzia strutture sociali, caratteri culturali e modi di vivere. In scene ricche di pathos, Mattioli descrive le battaglie decisive e ritrae con efficacia sia le persone comuni sia gli importanti protagonisti della politica, mantenendosi sempre in equilibrio tra la comprensione empatica e la sobria analisi scientifica, decostruendo le leggende del mondo occidentale per affinare la comprensione degli eventi reali.

Soldati
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Vercelli, Claudio

Soldati : storia dell'esercito italiano / Claudio Vercelli

Bari [etc.] : Laterza, 2019

Abstract: Dalle Guerre d'Indipendenza fino alle missioni di pace in Iraq e Afghanistan, attraverso due guerre mondiali, l'esercito è stato uno dei protagonisti della nostra storia nazionale. Ma quali eventi, quali protagonisti hanno qualificato l'esercito italiano, definendone le specificità e i tratti peculiari? Quali sono stati i suoi caratteri salienti, la sua natura, il suo modo di essere nella comunità nazionale, dai fatti risorgimentali a oggi? Per rispondere a queste domande è necessario partire dall'evoluzione della figura del soldato italiano, dalle prime leve obbligatorie al professionismo più recente. Passare poi alla storia dell'istituzione militare, come corpo integrato dello Stato, per arrivare infine al rapporto tra esercito e società italiana. Scopriremo così che, in poco più di centocinquant'anni, le forze armate hanno conosciuto numerose trasformazioni, rispondendo ai mutamenti politici, culturali e sociali che hanno accompagnato la società liberale, il regime fascista e l'età repubblicana. Ne emerge un ritratto collettivo, una foto di gruppo in divisa e armi dell'Italia, delle sue potenzialità come delle sue numerose contraddizioni. Poiché l'istituzione armata ha raccolto ed espresso le une come le altre, in una nazione che ancora oggi, per più di un aspetto, concepisce se stessa come fragile e incompiuta.

Finanziare le infrastrutture
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Luca, Giuseppe <1963- > - Tasca, Roberto

Finanziare le infrastrutture : storia, innovazione e teoria dalle "vie" romane al partenariato pubblico privato / Giuseppe De Luca, Roberto Tasca

Bologna : Il mulino, 2019

Abstract: Il tema del finanziamento delle infrastrutture è da sempre centrale nei programmi politici ed economici di ogni civiltà, eppure a oggi risulta ancora largamente inesplorato dal punto di vista storico. Questo volume ne propone una ricostruzione di lungo periodo, ripercorrendo le modalità di sussidio dal medioevo (partendo però da uno sguardo sull'età romana, cui dobbiamo i due modi attraverso cui ancora oggi funzionano il finanziamento e la manutenzione di alcune infrastrutture: l'assolvimento dei costi e degli oneri da parte dei frontisti e il metodo del «pay-as-you-use») ai giorni nostri. Gli autori analizzano le specificità dei contesti storici e degli attori coinvolti, ricostruendo i complessi equilibri con cui le diverse soluzioni adottate - tasse di scopo, debito pubblico, coinvolgimento della finanza e di attori privati - si sono confrontate e da cui sono scaturite. Una tavola sinottica rende leggibili diacronicamente le varie forme di sostegno economico, il loro apparire, la loro coesistenza e alcune categorizzazioni, proponendo una tassonomia originale dall'età romana a oggi. La seconda parte del volume è dedicata anche agli aspetti teorici e operativi del partenariato pubblico-privato e della finanza di progetto

Non solo cowboy
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Slessor, Tim

Non solo cowboy : un viaggio nelle storie più intriganti del selvaggio West / Tim Slessor ; traduzione Stefano Focacci

Bologna : Odoya, 2019

Abstract: I libri sul West spesso tralasciano i dettagli più intriganti... Per esempio che i giovani Stati Uniti raddoppiarono le loro dimensioni acquistando dalla Francia la Louisiana, nel 1803, col denaro preso in prestito dai britannici, e che questi documenti sul maggiore accordo immobiliare della storia sono, a tutt'oggi, conservati in una cassaforte di Londra. Butch Cassidy rimase davvero ucciso in Bolivia? Sembra invece che sia tornato negli Stati Uniti, sotto falso nome, per finire i suoi giorni nel West povero in canna. Nel 1935 propose perfino una sceneggiatura autobiografica ai produttori hollywoodiani, che la rifiutarono perché poco credibile. Se il ricco zio, proprietario di un ranch, l'avesse spuntata, Winston Churchill, scolaro dallo scarso profitto, sarebbe stato spedito nel Wyoming per diventare un cowboy, cambiando la storia del Novecento... E ancora, i retroscena della temeraria spedizione di Lewis e Clark, la visita inaspettata di una "regale turista" nella minuscola cittadina di Sheridan... Storie inedite che aggiornano e rinfrescano idee e luoghi comuni sulle leggendarie terre di frontiera a ovest del Mississippi. West è infatti molto di più di un'immensa distesa di territorio: si tratta di un ideale, di uno stile di vita, di un atteggiamento, un particolare modo di fare e di parlare.

Street food
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bagno, Giuseppe

Street food : il cibo di strada nella storia : con ricette antiche e moderne / Giuseppe Bagno

[S.l.] : Valtrend, 2019

Archeocucina

Abstract: Lo street food nasce con la storia del genere umano. I primi cibi di strada risalgono, senza ombra di dubbio, all'età della pietra e precisamente all'epoca in cui l'Homo Erectus scoprì il fuoco e cominciò a cacciare e arrostire le carni. Ha quindi origini paleolitiche ma, per poterlo ascrivere nell'olimpo delle culture gastronomiche, dobbiamo aspettare il periodo greco-romano. In una scorrevole sintesi dalle origini ai giorni nostri l'autore ci guida in un viaggio alla scoperta delle più interessanti ricette medievali, rinascimentali, del Settecento e dell'Ottocento fino ad arrivare ai giorni nostri e alle nuove frontiere del cibo di strada. Un interessante capitolo è dedicato alle piazze italiane che per secoli hanno fatto da palcoscenico a generazioni di mercanti e venditori ambulanti dai caratteristici nomi regionali e ancora particolarmente intrigante è il racconto della storia dei più importanti "Caffé" d'Italia: Gambrinus di Napoli, Bicerin di Torino, Florian di Venezia, Spinnato di Palermo, Rivoire di Firenze, Greco a Roma, Pedrocchi di Padova, Specchi di Trieste, Cova a Milano e Mangini a Genova

Dentro i confini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Maier, Charles S.

Dentro i confini : territorio e potere dal 1500 a oggi / Charles S. Maier ; traduzione di Daria Cavallini

Torino : Einaudi, 2019

Abstract: Nel corso della storia, le società umane sono state organizzate soprattutto come territori, regioni politicamente limitate, i cui confini definiscono la giurisdizione e il movimento dei popoli; mentre oggi le tecnologie della globalizzazione stanno facendo cadere sempre più le barriere della comunicazione, dei trasporti e del commercio. Questo saggio esplora l'inquieta evoluzione dell'organizzazione territoriale come pratica mondiale delle società umane. Lo storico Charles S. Maier segue i cambiamenti epocali che hanno continuamente ridefinito i territori per oltre cinque secoli e richiama l'attenzione su idee e tecnologie che contribuiscono a fornire strumenti di resistenza alla territorialità. I confini territoriali trasformano la geografia in storia, forniscono un quadro entro cui viene organizzata la vita politica, giuridica ed economica. Nei secoli dell'età moderna, le proprietà del territorio - i loro significati e le loro applicazioni - sono cambiate considerevolmente nello spazio e nel tempo. In Occidente, la territorialità moderna si sviluppò in parallelo con le idee di sovranità nel XVII secolo. I sovrani presero provvedimenti per fortificare i confini, mappare e privatizzare la terra e centralizzare la loro influenza sulle popolazioni e le risorse all'interno del loro dominio. L'arrivo delle ferrovie e del telegrafo permise l'espansione territoriale nella propria patria e all'estero, nonché l'estensione del controllo di ampi spazi. Verso la fine del XIX secolo, l'estensione del territorio di una nazione diventò un indice del suo potere, con i possedimenti coloniali d'oltremare che aumentavano il prestigio e la ricchezza e ridefinivano la territorialità. Passando alle crisi geopolitiche del XX secolo, Maier presta molta attenzione al nostro presente, chiedendosi in che modo le nazioni moderne e le economie vivano ancora all'interno dei confini, e in quale misura le nostre società si siano mosse verso un mondo post-territoriale.

Storie del tè
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Reali, Linda

Storie del tè : monaci e mercanti, regine e avventurieri / Linda Reali ; prefazione di Orazio Olivieri

Roma : Donzelli, 2019

Abstract: Il corso della storia del tè, come simbolo culturale e come bevanda, parte in epoche antichissime da remote montagne cinesi per perdersi nelle steppe mongoliche e solcare poi le acque di fiumi e oceani; il tè finisce così nelle mani di avventurieri o nelle navi dei mercanti, e lo si trova nella capanna di un monaco eremita come in un ricco salotto borghese. Linda Reali ci conduce lungo le tante rotte che dall'Asia fino all'odierna Europa hanno portato il tè a diventare il protagonista di una storia che interessa le epoche e i ceti più diversi. Il viaggio inizia dalla Cina ai suoi albori, quando il leggendario imperatore Shen Nong scopre il tè. La bevanda accompagna la storia della Cina imperiale e conquista anche i paesi dell'area, primo fra tutti il Giappone. Qui il tè viene sublimato in filosofia e arte, ma usato anche come strumento di potere e controllo sociale. Si diffonde presto in Tibet, Persia, Arabia e Russia lungo le Vie carovaniere e la fitta rete di canali che attraversa il Celeste impero come una linfa vitale. Essenza della spiritualità nel mondo orientale, il tè diventa il protagonista dei salotti aristocratici del XVII secolo e poi di quelli borghesi del secolo successivo, fino a divenire di uso comune in Gran Bretagna, Olanda e Germania, mentre i paesi mediterranei continuano a preferire il caffè e la cioccolata. Con il suo arrivo in Europa, il tè si veste dello sfarzo delle porcellane finissime e delle preziose scatole che custodiscono come gioielli le foglie di tè provenienti dalla Cina. Un libro per scoprire aneddoti e segreti, curiosità poco note, fino ad arrivare alle più recenti sfide commerciali e ambientali cui il tè non sfugge nel nostro mondo globalizzato. Linda Reali, oltre a raccontarci le vicende affascinanti che nei secoli hanno fatto la fortuna del tè, suggerisce ai consumatori di oggi possibili scenari futuri per una bevanda che non ha mai smesso di espandere i propri confine. Prefazione di Orazio Olivieri.

San Zenone di Cene
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Peracchi, Rosa

San Zenone di Cene : cultura, arte e storia di una comunità / Rosa Peracchi ; [con la collaborazione di] Palma Rita Rizzo e Angelo Mistri

[Cene] : Circolo culturale Insieme per Cene, 2019

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 2
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Corsa allo spazio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gifford, Clive

Corsa allo spazio / Clive Gifford ; illustrazioni di Paul Daviz

Milano : De Agostini, 2019

Abstract: Allacciate le cinture e avviate i motori, parte il conto alla rovescia per la spedizione più avvincente della Storia: l'arrivo dell'uomo sulla Luna. Ma come siamo arrivati a passeggiare sul suolo polveroso del nostro satellite? Tra le pagine di questo libro scopriamo finalmente tutti i segreti dell'appassionante testa a testa fra cosmonauti e astronauti, rivali nella conquista di nuovi mondi e pianeti. Quali erano le differenze tra sonde sovietiche e USA? Come camminavano nello spazio i cosmonauti? E gli astronauti? Cosa prevedeva il protocollo russo per far tornare un'astronave a terra? Le illustrazioni nostalgiche di Paul Daviz e i testi ricchi di curiosità di Clive Gifford spiegano ai piccoli (e ai grandi) le meraviglie del progresso scientifico e tecnologico che hanno profondamente cambiato la nostra vita. Età di lettura: da 8 anni

La mappa dei libri perduti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Moller, Violet

La mappa dei libri perduti : come la conoscenza antica è stata perduta e ritrovata: una storia in sette città / Violet Moller

Milano : Mondadori, 2019

Abstract: Agli inizi del VI secolo, le popolazioni dell'Europa occidentale erano tormentate delle invasioni barbariche e i sovrani dell'impero romano d'Oriente attratti dall'opulenza e dal lusso: il patrimonio scientifico classico ed ellenistico sembrava in pericolo. Delle opere di Tolomeo, Euclide e Galeno erano sopravvissute solo poche copie, sparse tra Egitto, Siria, Anatolia e Grecia. Eppure, in un viaggio lungo un millennio, quei testi di astronomia, matematica e medicina, letti, tradotti e copiati nei centri di cultura medievali, riuscirono a sopravvivere e ad alimentare la rivoluzione scientifica moderna. È intorno a sette grandi città, crocevia di popoli, religioni e lingue attraverso i secoli, che ruota la ricostruzione della storica inglese Violet Moller alla ricerca delle tracce lasciate dagli intellettuali che hanno tramandato gli studi di questi celebri autori. Come Galeno di Pergamo, chiamato a Roma dall'imperatore per esercitare la professione di medico di corte dopo essersi formato a Smirne, Corinto e Alessandria d'Egitto, proprio dove Euclide compose gli Elementi e Tolomeo l'Almagesto. Quando la città sede della più ricca biblioteca dell'antichità andò in rovina, la sua eredità culturale trovò dimora nel mondo islamico: a Baghdad, grazie al mecenatismo del califfato, la ricerca matematica, amalgamando le conoscenze tradizionali alle rivoluzionarie scoperte indiane, lo zero e l'idea di infinito, raggiunse vette inaspettate. Giunta in Europa per fuggire alle persecuzioni degli Abbasidi, la dinastia omayyade portò l'eccellenza araba a Cordova, favorendo così il confronto tra studiosi ebrei, cristiani e musulmani e il perfezionamento di molte teorie scientifiche. Queste risalirono poi la penisola iberica fino a Toledo divenuta, con la Reconquista, la porta di accesso alla cristianità, che aveva preservato il sapere antico nei monasteri, tra i quali spiccava Montecassino. Toccò quindi all'Italia meridionale: a Salerno, Costantino l'Africano introdusse i testi di Galeno, che resero la scuola medica cittadina all'avanguardia nel campo della fisiologia e della farmacologia; a Palermo, maestosa capitale normanna, le opere furono tradotte direttamente dal greco al latino. Infine, il viaggio si conclude a Venezia, dove nella seconda metà del XV secolo le prime tipografie diedero alle stampe i manoscritti di quell'antica conoscenza, che, all'alba del Rinascimento, ha raggiunto le biblioteche disseminate in ogni angolo d'Europa per arrivare fino a noi. "La mappa dei libri perduti" è una storia delle idee e degli uomini che le hanno studiate, copiate, tradotte e diffuse, ma anche un invito a ritrovare i legami profondi tra il mondo islamico e quello cristiano, il cui incontro ha dato vita a un patrimonio intellettuale davvero universale.

All'asilo si sta bene e s'imparan tante cose...
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Brembilla, Giovanni

All'asilo si sta bene e s'imparan tante cose... : cura ed educazione dell'infanzia ad Albegno / Giovanni Brembilla

Clusone : Equa, 2019

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 2
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
I becchini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Barth, Rüdiger - Friederichs, Hauke

I becchini : l'ultimo inverno della Repubblica di Weimar / Rüdiger Barth, Hauke Friederichs ; traduzione di Francesco Peri

Firenze : Bompiani, 2019

Abstract: Novembre 1932. La Repubblica di Weimar sta vacillando. L'economia è in rovina, il clima politico si fa sempre più violento e gli scontri tra comunisti e nazionalsocialisti infuriano per le strade. Nel parlamento e nella cancelleria faccendieri, avventurieri, estremisti e demagoghi sono impegnati in una spietata lotta per il potere, fatta di imposture, menzogne, battaglie e inganni. Di lì a poche settimane cinque uomini decideranno le sorti della Germania. Insieme ai nazionalsocialisti Adolf Hitler e Joseph Goebbels, i cancellieri Franz von Papen e Kurt von Schleicher tessono una rete di intrighi intorno all'anziano presidente Paul von Hindenburg in una drammatica scalata al potere. Gli storici Ru?diger Barth e Hauke Friederichs hanno attinto a diari, lettere, documenti inediti e appunti personali di un gran numero di attori e osservatori, e ne hanno ricavato un resoconto delle ultime dieci settimane della Repubblica di Weimar e di come Hitler e i suoi nemici hanno seppellito la prima democrazia tedesca.

La cucina
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Forino, Imma

La cucina : storia culturale di un luogo domestico / Imma Forino

Torino : Einaudi, 2019

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 1

Abstract: Se è vero che da puro nutrimento il cibo si è presto trasformato in complessa e raffinata operazione che convoca gusti e intelligenze per assurgere allo status d'imprescindibile «linguaggio», il luogo domestico a esso dedicato, in adesione al codice culturale percepito come egemone, viene a rivestire un ruolo di non comune interesse. Dalla scoperta del fuoco in epoca preistorica fino alle modernissime realizzazioni della tecnologia e della domotica, queste pagine ne seguono l'evoluzione privilegiando lo studio dell'architettura e del design su scala europea e nordamericana e verificandolo nella lunga durata, negli studi sociologici, antropologici e di genere, nei riflessi letterari e cinematografici, nello sviluppo sorprendente del gusto e dei suoi artefici attraverso i secoli. È un perfetto microcosmo, lo spazio che chiamiamo cucina, contesto sempre in bilico tra stabilità e cambiamenti la cui vicenda, qui raccontata con ricchezza di fonti e affabilità narrativa, si intreccia significativamente alla storia delle gerarchie sociali e familiari, ai ruoli definiti e alla loro eloquente messa in discussione

Storia internazionale dell'Azerbaigian
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pommier Vincelli, Daniel

Storia internazionale dell'Azerbaigian : l’incontro con l’Occidente (1918-1920) / Daniel Pommier Vincelli

Roma : Carocci, 2019

Abstract: Dopo il 1917, nella fase che va dal crollo dello zarismo alla formazione dell'Unione Sovietica, molti popoli già soggetti all'Impero russo cercano la strada dell'indipendenza. Nel Caucaso meridionale viene fondata, nel 1918, la Repubblica Democratica dell'Azerbaigian, considerata la prima repubblica parlamentare nella storia del mondo islamico. Nei due anni della sua esistenza lo Stato azerbaigiano tenta di proteggersi dalle mire espansionistiche russe, sia degli eserciti "bianchi" sia dei bolscevichi, cercando sostegno nella comunità internazionale. Basato in gran parte su fonti azerbaigiane, il libro ricostruisce l'azione internazionale della Repubblica azerbaigiana nella ricerca di legittimità da parte della Società delle Nazioni e delle grandi potenze, inclusa l'Italia. La politica estera azerbaigiana trae ispirazione dall'internazionalismo liberale professato da Woodrow Wilson. Malgrado il formale impegno delle grandi potenze a proteggere la giovane repubblica, nel 1920 le forze bolsceviche si impadroniscono dell'Azerbaigian, che nel 1922 entra a far parte dell'URSS. Tra il 1918 e il 1920 si ha in Azerbaigian un'esperienza politica e civile molto avanzata, in dialogo con l'Europa sui temi della laicità dello Stato, dei diritti delle donne, dell'integrazione delle minoranze; quello azerbaigiano è inoltre uno dei primi tentativi, da parte di un Paese extraeuropeo, di uso della diplomazia pubblica, attraverso i mezzi di comunicazione di massa