Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Dickens, Charles
× Data 2005
× Paese Germania
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Diari e memorie
× Nomi Messner, Reinhold

Trovati 39 documenti.

Mostra parametri
Due e un ottomila
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Due e un ottomila / Reinhold Messner ; traduzione dal tedesco di Lamberto Camurri e Donatella Jager Bedogni

Milano : Corbaccio, 2015

Abstract: Reinhold Messner ha in mente un piano veramente azzardato quando nel 1975 parte, insieme a Peter Habeler, per il Karakorum, diretto al Gasherbrum: vuole dimostrare che una cordata a due è molto più veloce, flessibile e di conseguenza votata al successo alle alte quote che non una spedizione pesante, sullo stile delle tradizionali spedizioni di conquista, complicata dal punto di vista della logistica, nonché assai costosa. Messner si pone come obiettivo il GI (Hidden Peak) in stile alpino, e dopo pochi giorni raggiunge la vetta a 8086 metri. Ma questo libro contiene anche la storia alpinistica dei Gasherbrum: Messner descrive i primi tentativi sul GI e descrive la sua conquista nel 1958; racconta la salita all'Hidden Peak in due e infine narra l'incredibile concatenamento di GII e GI insieme a Hans Kammerlander. Lo sguardo retrospettivo alla storia dei Gasherbrum è un atto dovuto, secondo Messner: chiunque voglia compiere il prossimo passo, deve conoscere la strada percorsa dai suoi predecessori. È questo l'unico modo per spostare più in alto l'asticella del possibile.

Parete ovest
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Parete ovest / Reinhold Messner

Milano : Corriere della sera : Club alpino italiano, 2014

La libertà di andare dove voglio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

La libertà di andare dove voglio / Reinhold Messner

Milano : Corbaccio, 2013

Abstract: Dalle Odle, le Dolomiti di casa, ai 14 ottomila, Messner racconta le sue imprese straordinarie dal punto di vista dell'alpinista che sa di aver cambiato per sempre il modo di andare in montagna: muovendosi con estrema agilità organizzativa e con una velocità fino a quel momento impensabile, riducendo al minimo i supporti tecnologici e rispettando al massimo l'ambiente. Come in altri libri introspettivi, quali La mia vita al limite, Messner rende il lettore partecipe delle sue riflessioni: l'incontenibile bisogno di libertà e la continua necessità di mettersi alla prova, il mistero e l'imprevedibilità della natura, il peso della responsabilità, l'intesa con i compagni di cordata, l'amicizia e i litigi. La libertà di andare dove voglio è in primo luogo la straordinaria testimonianza di un uomo che ha sempre vissuto le imprese in montagna come altrettante tappe di un cammino di conoscenza.

Solitudine bianca
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Solitudine bianca : la mia lunga strada al Nanga Parbat / Reinhold Messner

Scarmagno : Priuli & Verlucca, 2012

Abstract: Nel 1970 Reinhold Messner compie un'impresa storica: la salita del Nanga Parbat. Oltre al successo, però, conosce anche la sua più grossa sconfitta e il suo più grande dramma: suo fratello Günther muore tragicamente sotto una slavina (e saranno trent'anni di critiche, dubbi e attacchi, perché solo nella primavera del 2001, grazie al test del DNA, si potrà constatare che l' incidente a Günther è effettivamente avvenuto alla base della parete, dopo la traversata compiuta insieme, come Reinhold ha sempre sostenuto). Da allora Messner è tornato più volte sulla Montagna nuda, finché nel 1978, proprio lì, riesce nel più audace progetto della sua carriera: il raggiungimento della vetta in solitaria. In nessun altro luogo per lui si intrecciano così strettamente trionfo e tragedia come sul Nanga Parbat.

Solitudine bianca
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Solitudine bianca : la mia lunga strada al Nanga Parbat / Reinhold Messner

Scarmagno : Priuli & Verlucca, 2012

Abstract: Nel 1970 Reinhold Messner compie un'impresa storica: la salita del Nanga Parbat. Oltre al successo, però, conosce anche la sua più grossa sconfitta e il suo più grande dramma: suo fratello Günther muore tragicamente sotto una slavina (e saranno trent'anni di critiche, dubbi e attacchi, perché solo nella primavera del 2001, grazie al test del DNA, si potrà constatare che l' incidente a Günther è effettivamente avvenuto alla base della parete, dopo la traversata compiuta insieme, come Reinhold ha sempre sostenuto). Da allora Messner è tornato più volte sulla Montagna nuda, finché nel 1978, proprio lì, riesce nel più audace progetto della sua carriera: il raggiungimento della vetta in solitaria. In nessun altro luogo per lui si intrecciano così strettamente trionfo e tragedia come sul Nanga Parbat.

Tempesta sul Manaslu
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Tempesta sul Manaslu : tragedia sul tetto del mondo / Reinhold Messner

Ivrea : Priuli & Verlucca, 2011

Abstract: Avanti, devo farcela - queste parole mi martellano in testa. Mai come in questo momento la mia vita mi è parsa senza prospettive, senza speranze. Nell'ambito di una spedizione tirolese Reinhold Messner affronta per la prima volta il Manaslu lungo il versante sud-ovest, in quegli anni ancora uno dei grandi problemi irrisolti in Himalaya. Messner raggiunge la vetta, tuttavia durante la discesa le condizioni atmosferiche peggiorano repentinamente. Si scatena una spaventosa bufera di neve e per Messner e i suoi compagni inizia una drammatica gara fra la vita e la morte: due di loro non torneranno più indietro e non sono mai stati trovati.

Spostare le montagne
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Spostare le montagne : come si affrontano le sfide superando i propri limiti / Reinhold Messner

Milano : Mondadori, 2011

Abstract: Questo libro nasce con l'obiettivo di estendere le esperienze dell'alpinismo estremo a un ambito più vasto, in quanto ogni spedizione rappresenta un ottimo esempio di come ognuno di noi può imparare ad affrontare le sfide, non solo nel campo del lavoro, andando oltre i propri limiti. Tutte le memorabili avventure di Messner, infatti, sono state realizzate grazie alla sua eccezionale concentrazione, resa incrollabile da una filosofia di vita prima ancora che da una tecnica agonistica. L'allenamento mentale, la capacità di scoprire e sviluppare le proprie risorse, la saggezza di capire che non esiste coraggio senza paura, il fallimento considerato come punto di partenza per nuove conquiste, l'importanza della motivazione per riuscire a superare i propri limiti sono solo alcuni dei moltissimi spunti di riflessione trattati nei capitoli del libro. E i paralleli con l'esperienza di ogni giorno sono evidenti: la vetta come successo professionale, la cordata intesa come team alla guida di un'azienda, gli sherpa come simbolo dell'aiuto insostituibile dei collaboratori, la tecnica di arrampicata come metodologia di lavoro. Ogni impresa narrata diventa così il paradigma di come affrontare e risolvere i problemi in ogni occasione della vita privata e professionale, con la forza e l'entusiasmo necessari per raggiungere la meta. Riflessioni, approfondimenti, consigli arricchiscono il volume di un valore in più e rappresentano un contributo prezioso per capire, prima di tutto, noi stessi.

Parete ovest
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Parete ovest / Reinhold Messner ; traduzione di Valeria Montagna

Milano : Corbaccio, 2011

Abstract: Estate 2004. La ripetizione, a distanza di trent'anni della prima scalata lungo la parete Ovest dell'Ortles, ha rischiato di tramutarsi in tragedia per il sessantenne Reinhold Messner e il suo compagno di cordata. Messner infatti è rimasto bloccato su una parete strapiombante di 1000 metri sotto una cornice di ghiaccio. Con questo evento drammatico si apre il libro Parete Ovest, un libro segnato da una vena intimistica e quasi malinconica, in cui Reinhold Messner fa i conti con il suo passato di alpinista, mettendone in luce tutte le peculiarità: la ricerca dell'avventura estrema, del limite fisico e psicologico, sempre nel rispetto assoluto della vita propria e della montagna. Un atteggiamento sempre meno diffuso a favore di un alpinismo turistico che sta devastando i paesaggi, in primo luogo quelli delle Alpi di casa nostra, in cui Messner è cresciuto.

Tutte le mie cime
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Tutte le mie cime / Reinhold Messner ; traduzione di Valeria Montagna

Milano : Corbaccio, 2011

Abstract: Sessant'anni di fotografie che riassumono la vita del più grande alpinista di tutti i tempi, commentate da brani tratti dai diari delle salite. Potrebbe essere un atlante geografico: non c'è angolo del pianeta che non sia rappresentato, dalle Dolomiti all'Everest, dal deserto del Gobi al Taklimakan, dalla Nuova Guinea alle Ande, dal Kenya al Caucaso... Potrebbe essere un libro di storia dei costumi e delle tradizioni: Messner non è solo l'alpinista che cerca di superare il limite in alta quota, è anche il viaggiatore interessato alle persone che incontra, ai villaggi sperduti, all'arte orientale... Potrebbe essere un libro di memorie: dalle prime fotografie in bianco e nero che ci parlano del mondo di un altro millennio e che rappresentano un ragazzo con i calzoni alla zuava appeso alle pareti strapiombanti delle Dolomiti, ai panorami spettacolari dei ghiacciai perenni dell'Himalaya negli anni dei 14 ottomila in stile alpino. È il grande libro di Reinhold Messner: il bilancio di una vita al limite, la storia di un moderno Ulisse.

Razzo rosso sul Nanga Parbat
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Razzo rosso sul Nanga Parbat / Reinhold Messner ; traduzione di Valeria Montagna

Milano : Corbaccio, 2010

Abstract: Scritto di getto nel 1970, all'indomani del più grande successo e della perdita più terribile - la salita del suo primo ottomila e la morte del fratello Günther che con lui aveva raggiunto la vetta del Nanga Parbat questo diario non avrebbe mai dovuto vedere la luce. Almeno secondo il capo spedizione, Karl Herligkoffer, che voleva essere il detentore dell'unica verità sulla conquista del Nanga Parbat. E che di fatto per anni accusò Messner di aver tradito lo spirito di gruppo, di non essere in realtà salito in cima, di aver scelto una via di discesa sbagliata e impossibile, di avere trascinato con sé il fratello meno in forma e di averlo abbandonato a morte sicura nei pressi della vetta. Ha taciuto tuttavia i suoi errori, primo fra tutti quello di aver usato un razzo di segnalazione di colore sbagliato, spingendo Messner a intraprendere l'ultimo tratto che lo separava dalla vetta senza attrezzare la via. Per decenni Messner ha urlato la sua verità, portando dentro di sé il dolore per la morte del fratello e per l'ingiustizia subita e solo con il ritrovamento del corpo di Günther, nel 2005, esattamente dove aveva detto che era stato travolto da una slavina, ha potuto ritrovare un po' di serenità. Nel frattempo è diventato il più grande alpinista di tutti i tempi. E ora, dopo quarant'anni, vuole tornare ancora una volta su quell'episodio terribile, con la testimonianza più diretta e immediata: il suo resoconto di allora.

La montagna a modo mio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

La montagna a modo mio / Reinhold Messner ; a cura di Ralf-Peter Märtin ; traduzione di Valeria Montagna

Milano : Corbaccio, 2009

Abstract: La montagna a modo mio riassume il pensiero di Messner sulla vita che ha scelto. Racconta senza veli le sue idee più radicate e profonde sulla natura e sull'essenza dell'alpinismo, sull'andarsene e sul tornare, sulla motivazione e sulla realizzazione, sul percorso verso l'interiorità. In questo libro vengono toccati tutti i grandi temi: i primi successi in campo alpinistico, la rivoluzione dello stile alpino, i grandi risultati, la fama internazionale dopo la salita del monte Everest senza fare ricorso all'ossigeno, il ciclo degli ottomila, le spedizioni attraverso i deserti del mondo, il suo impegno sociale e politico, la fondazione di musei, ma anche la sua vulnerabilità di fronte alle polemiche seguite alla morte del fratello sul Nanga Parbat. Molte sono le interviste raccolte, che si fondono armoniosamente con altri testi di Messner, resoconti di spedizioni, reportage, articoli, attraverso i quali è possibile scoprire un uomo sorprendente che obbedisce sempre e solo alla sua legge interiore: la vita straordinaria di un idealista con i piedi ben piantati per terra, che ha cercato e percorso le creste più elevate così come gli abissi più profondi.

La montagna nuda
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

La montagna nuda : il Nanga Parbat, mio fratello, la morte e la solitudine / Reinhold Messner ; traduzione di Sergio Vicini

6. ed.

Milano : Corbaccio, 2008

Abstract: Il Nanga Parbat, ovvero la Montagna Nuda, è alto 8125 metri ed è da decenni il sacro Graal dei migliori alpinisti. Negli anni '30 Willy Merkl tentò la salita e morì. Il suo fratellastro, Karl Herrligkoffer, ne fu ossessionato e tentò più volte di conquistare la montagna in nome del fratello. Nel 1970 programma con i fratelli Messner di raggiungere la cima dal versante Rupal. E la storia si ripete: Reinhold e Günther Messner sono i primi a salire lungo quella via ma sono costretti dal maltempo a scendere lungo il versante opposto, il Diamir: Günther perderà la vita travolto da una slavina. I tragici ricordi non abbandoneranno mai Reinhold che, dopo trent'anni, decide di raccontare la sua versione dei fatti.

La montagna nuda
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

La montagna nuda : il Nanga Parbat, mio fratello, la morte e la solitudine / Reinhold Messner ; traduzione di Sergio Vicini

Milano : Corbaccio, 2003

Abstract: Il Nanga Parbat, ovvero la Montagna Nuda, è alto 8125 metri ed è da decenni il sacro Graal dei migliori alpinisti. Negli anni '30 Willy Merkl tentò la salita e morì. Il suo fratellastro, Karl Herrligkoffer, ne fu ossessionato e tentò più volte di conquistare la montagna in nome del fratello. Nel 1970 programma con i fratelli Messner di raggiungere la cima dal versante Rupal. E la storia si ripete: Reinhold e Günther Messner sono i primi a salire lungo quella via ma sono costretti dal maltempo a scendere lungo il versante opposto, il Diamir: Günther perderà la vita travolto da una slavina. I tragici ricordi non abbandoneranno mai Reinhold che, dopo trent'anni, decide di raccontare la sua versione dei fatti.

13 specchi della mia anima
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

13 specchi della mia anima / Reinhold Messner

Milano : Garzanti, 1995

Abstract: Giunto alla soglia dei cinquant'anni, Messner ripensa alla sua vita. Non ci sono soltanto le sue celebri scalate: dalla famiglia ai suoi fans, dalla patria alla difesa della natura, la storia di una complessa avventura umana. porto con i padri e con la tradizione.

Un modo di vivere in un mondo da vivere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Un modo di vivere in un mondo da vivere / Reinhold Messner

Novara : Istituto geografico De Agostini, 1994

Le più belle montagne e le più famose scalate
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Le più belle montagne e le più famose scalate / a cura di Aurelio Garobbio e Piero Carlesi

Lainate : Vallardi industrie grafiche, 1992

La libertà di andare dove voglio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

La libertà di andare dove voglio : la mia vita di alpinista

Milano : Garzanti, 1992

Nanga Parbat in solitaria
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Nanga Parbat in solitaria / Reinhold Messner

Novara : Istituto geografico De Agostini, 1988

Sopravvissuto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Sopravvissuto : i miei 14 ottomila / Reinhold Messner

Novara : Istituto geografico De Agostini, 1987

Sopravvissuto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Messner, Reinhold

Sopravvissuto : i miei 14 ottomila / Reinhold Messner

Novara : Istituto geografico De Agostini, 1987