Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Dickens, Charles
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2008

Trovati 17068 documenti.

Mostra parametri
Idi di marzo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Manfredi, Valerio Massimo

Idi di marzo / Valerio Massimo Manfredi

Milano : Mondadori, 2008

Abstract: Roma, inizi di marzo del 44 avanti Cristo. Caio Giulio Cesare, il pontefice massimo, il dittatore perpetuo, l'invincibile capo militare che ha assoggettato il mondo alla legge romana, è un uomo di cinquantasei anni, solo in apparenza nel pieno della sua prestanza fisica e psichica. In realtà è stanco e malato, una belva fiaccata e rinchiusa nella gabbia dei propri incubi spaventosi. La missione di cui si sente investito - chiudere la sanguinosa stagione delle guerre fratricide, riconciliare le fazioni, salvare il mondo e la civiltà di Roma - vacilla paurosamente sotto i colpi dei complotti di palazzo, orditi da chi vede in lui il tiranno efferato, colpevole, dopo lo strappo del Rubicone, di aver messo per sempre fine alla libertà della repubblica. Cesare è come paralizzato, incapace di reggere sulle spalle il peso di un potere immenso e cerca rifugio nella preparazione dell'ennesima campagna bellica, quella contro i Parti. Ma la logica politica della congiura definitiva incalza implacabile e neppure il sacrificio eroico di Publio Sestio, il più fedele legionario di Cesare, compagno di mille battaglie, che si lancia lungo le strade che portano a Roma in una spasmodica corsa contro il tempo per tentare di salvargli la vita, né la cura devota e amorevole della moglie Calpurnia, le attenzioni dell'amante Servilia e del medico Antistio riusciranno a disinnescarla. I presagi si compiranno, le Idi di marzo deflagreranno e il mondo non sarà più lo stesso.

Immigrati e tempo libero
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giusti, Mariangela

Immigrati e tempo libero : comunicazione e formazione interculturale a cielo aperto / Mariangela Giusti

[Torino] : UTET universita', 2008

Abstract: I luoghi del tempo libero sono oggi diventati meticci: le spiagge, i lungolaghi, i parchi, i giardini pubblici, i centri commerciali sono luoghi dove la convivenza interculturale è un dato di fatto. Famiglie originarie di altri paesi, con tratti somatici, abbigliamenti, lingue che rimandano a mondi lontani, nelle quali visibilmente convivono diverse generazioni, sono sempre più vere presenze nelle occasioni en plein air del tempo libero. Gli spazi dedicati al tempo libero rappresentano bene la complessità, la ricchezza, le contraddizioni di una società (quella italiana) che sempre più si caratterizza come multiculturale. Ma i luoghi aperti del tempo libero sono inevitabilmente anche spazi per la formazione, per lo scambio attivo di comunicazione, per la rappresentazione della propria identità e per l'osservazione di quelle altrui. Se la formazione degli immigrati avviene in gran parte nei luoghi canonici recenti ricerche hanno dimostrato che è il territorio che conferisce un imprinting formativo importante a chi lo frequenta, lo vive, lo abita. Il volume parte da queste considerazioni per analizzare gli aspetti pedagogici e formativi (per lo più informali) che nascono e si sviluppano nelle occasioni del tempo libero e scoprire come proprio queste siano le occasioni in cui l'integrazione e il meticciamento culturale sia più semplice e più vero.

Il tempo dell'integrazione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Favaro, Graziella - Luatti, Lorenzo

Il tempo dell'integrazione : i centri interculturali in Italia / Graziella Favaro, Lorenzo Luatti

Roma : F. Angeli, 2008

Abstract: I centri interculturali in questi anni hanno rappresentato per gli operatori dei servizi, i volontari, gli insegnanti, i mediatori stranieri, l'ambito privilegiato per costruire insieme il cammino dell'integrazione. Ricostruirne il lavoro significa anche ripercorrere la via italiana all'integrazione degli ultimi vent'anni, in un panorama che ha visto cambiare profondamente paesaggi socio-culturali delle città, fisionomia dei servizi, soggetti e modi di intervento. La ricerca si rivolge agli immigrati e agli operatori che li accolgono e ancora poco aiuta a leggere e accompagnare le trasformazioni che avvengono nelle comunità locali, negli scambi quotidiani, nella città e nei luoghi per tutti. Si delinea dunque la necessità, per i centri interculturali di aprirsi a un orizzonte che miri, oltre che all'integrazione degli immigrati, all'inclusione dei futuri cittadini e a una modalità di coesione sociale e culturale che coniughi l'unità e la diversità. Il libro, rivolto a quanti operano in ambito interculturale e nei servizi con utenza immigrata in particolare al mondo associativo, educativo e scolastico, sociale e bibliotecario - si configura come una guida pratica a supporto di coloro che intendono costituire un centro interculturale, rafforzarne l'azione e lavorare nei territori per sviluppare le risorse per l'intercultura, l'accoglienza e l'integrazione della popolazione straniera.

Che tu sia per me il coltello
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Grossman, David

Che tu sia per me il coltello / David Grossamn ; traduzione di Alessandra Shomroni

Milano : Mondadori, 2008

Abstract: In un gruppo di persone, un uomo vede una donna sconosciuta che con un gesto quasi impercettibile sembra volersi isolare dagli altri. Commosso, Yair le scrive, proponendole un rapporto profondo, aperto, libero da qualsiasi vincolo, ma esclusivamente epistolare. Più che una proposta è un'implorazione e Myriam ne resta colpita, forse sedotta. Un mondo privato si crea così fra loro, ognuno dei due offre all'altro ciò che mai avrebbe osato dare ad alcuno, e in questo processo di svelamento Yair e Myriam scoprono l'importanza dell'immaginazione nei rapporti umani e la sensualità che si nasconde nelle parole. Finché Yair si rende conto che le lettere di quella donna stanno aprendo un varco dentro di lui, gli chiedono con imperiosa delicatezza una svolta nella sua vita interiore. Il risultato è un romanzo avvolgente e impudico che ci mostra quanta strada bisogna percorrere per vincere la paura e arrivare a toccare liberamente, con pienezza, l'anima (e il corpo) di un altro essere umano.

Apologia di Socrate
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Plato

Apologia di Socrate ; Critone / Platone ; traduzione e note di Manara Valgimigli ; introduzione e note aggiornate di Anna Maria Ioppolo

9. ed.

Roma [etc.] : GLF editori Laterza, 2008

Abstract: Le opere fondamentali del pensiero filosofico di tutti i tempi. In edizione economica, con testo a fronte e nuovi apparati didattici, le traduzioni che hanno definito il linguaggio filosofico italiano del Novecento. Testo originale nell'edizione di John Burnet, traduzione e note di Manara Valgimigli, introduzione di Anna Maria Ioppolo, note aggiornate di Anna Maria Ioppolo.

Osservatorio economico regionale dell'artigianato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Osservatorio economico regionale dell'artigianato : l'imprenditoria artigiana immigrata in Lombardia / IRER, Istituto regionale di ricerca della Lombardia

Milano : Guerini e associati, 2008

Abstract: L'Osservatorio Economico Regionale dell'Artigianato è finalizzato a un miglioramento della conoscenza del settore, alla sistematizzazione delle fonti informative, al monitoraggio degli andamenti congiunturali, strutturali e delle attività creditizie nonché all'attivazione di analisi e studi sul comparto. Il volume presenta i risultati di uno studio monografico, realizzato nell'ambito dell'Osservatorio, dedicato al fenomeno dell'imprenditoria immigrata straniera,che in pochi anni ha conosciuto una espansione considerevole, in seguito anche alle evoluzioni legislative, contribuendo al ricambio generazionale in diversi settori produttivi. L'indagine realizzata mette in luce alcune interessanti caratteristiche di questa componente dell'imprenditoria artigiana, facendo emergere come il divenire imprenditore rappresenti una strategia di mobilità professionale per coloro che sono nel nostro Paese da un certo numero di anni, mentre in alcune realtà tende a nascondere fenomeni dì ricorso improprio a soluzioni contrattuali diverse dal lavoro dipendente configurandosi come imprenditorialità marginale.

Sicurezza di chi?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sicurezza di chi? : come combattere il razzismo / a cura di Grazia Naletto

[Roma] : Edizioni dell'asino, 2008

Abstract: È un fatto: il razzismo in Italia è legittimo. O almeno così sembra. Il libro analizza come, a partire dalle proposte sicuritarie del governo Berlusconi, dalle trasformazioni avvenute nel mercato del lavoro e dall'involuzione culturale che ha interessato la sinistra e il mondo dell'informazione, le politiche della paura hanno mutato i comportamenti quotidiani trasformando gli stranieri in nemici, legittimando l'ostilità xenofoba e la violenza razzista, sino a risuscitare i pogrom di antica memoria. Il libro prevede diversi interventi tra cui un'analisi dei nuovi provvedimenti legislativi di importanti giuristi come Caputo e Vitale, un esame del rapporto tra immigrati e lavoro a cura di Enrico Pugliese, un testo sul fenomeno dei Rom di Fulvio Vassallo Paleologo e un'analisi del linguaggio dell'informazione sui temi dell'immigrazione di Giuseppe Faso. In conclusione il libro offre un prontuario di buone pratiche contro il razzismo e per i diritti degli immigrati.

Prevenire il cancro a tavola
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Brigo, Bruno - Capano, Giuseppe

Prevenire il cancro a tavola / Bruno Brigo, Giuseppe Capano

Milano : Tecniche nuove, 2008

Abstract: Uno stile di vita che riduca il rischio di tumore si può riassumere in dieci punti: meno calorie; consumo regolare di verdura e frutta, ricche di fibre e di micronutrienti antiossidanti protettivi; preferenza per i cibi a basso indice glicemico; riduzione dei grassi di origine animale; assunzione di grassi buoni ed in particolare degli omega 3; moderato consumo di bevande alcoliche; abolizione del fumo; pratica regolare di un'attività fisica moderata; mantenimento del proprio peso forma; controllo medico periodico ed esecuzione delle indagini previste dai programmi di prevenzione e diagnosi precoce. Si tratta di un comportamento che oggi molti mettono in pratica e che sta cominciando a registrare buoni frutti. In questo libro il medico spiega i principi cui ispirarsi e perché, mentre lo chef li trasforma in ricette buone e sane adatte a tutta la famiglia.

Radio Colonia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sala, Roberto - Massariello Merzagora, Giovanna

Radio Colonia : emigranti italiani in Germania scrivono alla radio / Roberto Sala, Giovanna Massariello Merzagora

Torino : UTET libreria, 2008

Abstract: Nel secondo dopoguerra, la Germania occidentale rappresentò una delle mete principali dell'emigrazione italiana, ancora intensa sino a qualche decennio fa. In particolare, nei primi anni dopo l'espatrio, le condizioni di vita degli emigrati furono assai dure e ricordano da vicino le vicende di chi oggi, da immigrato, arriva in Italia. Il libro racconta l'esperienza degli italiani in Germania tramite la voce degli stessi protagonisti: presenta, infatti, una selezione delle lettere inviate negli anni Sessanta e Settanta a Radio Colonia, una trasmissione in lingua italiana diffusa dagli enti radiofonici tedeschi, nell'ambito dei programmi per gli immigrati stranieri. La vita nelle baracche, la separazione dalle famiglie, le continue discriminazioni, il rapporto difficile con la politica e le istituzioni sono soltanto alcuni degli aspetti che emergono dalla raccolta. Le lettere rappresentano una preziosa testimonianza oltre che del vivere quotidiano nell'emigrazione, anche del rapporto con la scrittura da parte di persone per le quali la lingua madre era rappresentata dal dialetto e che non avevano ancora instaurato un rapporto di confidenza e di consuetudine con la lingua nazionale. Nei saggi che accompagnano le lettere, si affronta una doppia riflessione, storico-sociale da un lato, socio-linguistica dall'altro, attraverso una panoramica storica che tratteggia la storia dell'emigrazione italiana in Germania e delle trasmissioni radio in lingua straniera.

Il giovane Holden
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Salinger, J. D.

Il giovane Holden / J. D. Salinger

Torino : Einaudi, 2008

Abstract: Sono passati cinquant'anni da quando è stato scritto, ma continuiamo a vederlo, Holden Caufield, con quell'aria scocciata, insofferente alle ipocrisie e al conformismo, lui e la sua infanzia schifa e le cose da matti che gli sono capitate sotto Natale, dal giorno in cui lasciò l'Istituto Pencey con una bocciatura in tasca e nessuna voglia di farlo sapere ai suoi. La trama è tutta qui, narrata da quella voce spiccia e senza fronzoli. Ma sono i suoi pensieri, il suo umore rabbioso, ad andare in scena. Perché è arrabbiato Holden? Poiché non lo si sa con precisione, ciascuno vi ha letto la propria rabbia, ha assunto il protagonista a exemplum vitae, e ciò ne ha decretato l'immenso successo che dura tuttora. È fuor di dubbio, infatti, che Salinger abbia sconvolto il corso della letteratura contemporanea influenzando l'immaginario collettivo e stilistico del Novecento, diventando un autore imprescindibile per la comprensione del nostro tempo. Holden come lo conosciamo noi non potrebbe scrollarsi di dosso i suoi e tutto quanto, e compagnia bella, e quel che segue per tradurre sempre e soltanto l'espressione and all. Né chi lo ha letto potrebbe pensarlo denudato del suo slang fatto di una cosa da lasciarti secco o la vecchia Phoebe. Uno dei libri del Novecento che tanto ha ancora da dire negli anni Duemila.

Banche & migranti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nicoletti, Paolo

Banche & migranti : un percorso possibile / Paolo Nicoletti ; presentazione di Franco Pittau

Troina : Città aperta, 2008

Abstract: Il rapporto fra immigrati e sistema bancario. L'analisi dei dati disponibili sul risparmio e il credito degli immigrati. Quale ruolo hanno le banche nella inclusione finanziaria e sociale della clientela immigrata? Qual è il circuito delle rimesse degli immigrati nei loro paesi d'origine? Il volume risponde a queste e altre domande, delinenando alcune possibili direttrici di sviluppo per ridurre lo spazio esistente fra domanda e offerta.

Rappresentare la città dei migranti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Attili, Giovanni

Rappresentare la città dei migranti / Giovanni Attili

Milano : Jaka book, 2008

Abstract: Le nostre città sono attraversate da consistenti flussi di migranti: abitanti in transito che vivono, attraversano e abitano l'urbano in termini non puramente residenziali. Questa presenza trasforma le città in luoghi di accesso, di frontiera e di transito per una moltitudine di soggettività contraddistinte da una molteplicità irriducibile di progetti migratori. Tale paesaggio pulsante e transitorio contraddice definitivamente il pregiudizio di considerare la vita stanziale come regola e normalità. La compresenza di queste identità mette in discussione anche i quadri analitici della disciplina urbanistica, abituata da sempre a ragionare in termini di invarianze territoriali e fissità dei contesti. L'urbanistica ha tradizionalmente descritto la città attraverso visioni dall'alto che appiattivano e cristallizzavano il fluire urbano in rappresentazioni cartografiche astrattamente normative. Sembra giunto il tempo per rimettere in discussione questo tipo di approccio analitico. A partire da una riconcettualizzazione dell'idea stessa di rappresentazione, il libro adotta la prospettiva del migrante: l'unico in grado di suggerire una visione in movimento dello spazio sociale. Si tratta di una prospettiva di ricerca che si rivolge agli spazi del vissuto individuale e collettivo, alla narrazione di dimensioni relazionali, ai processi di costruzione di senso, alle interpretazioni di racconti e di interazioni sociali.

L'inquietudine delle differenze
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Wieviorka, Michel

L'inquietudine delle differenze / Michel Wieviorka

[Milano] : B. Mondadori, 2008

Abstract: Nell'ambito delle scienze sociali, la questione delle differenze ha finito per dare vita a due concezioni opposte. Stando alla prima, essa andrebbe analizzata in base alla capacità posseduta da una società di integrare le proprie differenze interne, e dunque in base ai concetti di struttura, di meccanismo, di istituzione, di sistema sociale e di società. Il secondo orientamento, al contrario, esamina la questione non tanto dal punto di vista dell'integrazione compiuta dalla società quanto piuttosto da quello dei portatori delle differenze; esso considera dunque il soggetto nel suo tentativo di affermare la propria differenza, analizzando le reti che gli permettono di esistere e di comunicare e al tempo stesso i cosiddetti fenomeni di mobilità o, per dirla con Zygmunt Bauman, di fluidità. Questa seconda prospettiva si concentra meno sulla società nel suo insieme e più sugli individui, sui gruppi, sulle reti, sulla circolazione, la creatività personale e collettiva e l'esperienza vissuta. Sebbene le due prospettive non siano palesemente in contraddizione, è comunque meglio adottarne una sola.

Lavoro in movimento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Colucci, Michele

Lavoro in movimento : l'emigrazione italiana in Europa, 1945-57 / Michele Colucci

Roma : Donzelli, 2008

Abstract: Nel 1945 riprende in Italia l'emigrazione di massa. I flussi migratori si dirigono principalmente verso i paesi europei, in un continente ancora sconvolto dai danni della guerra ma già proiettato verso la ricostruzione. Il bisogno di manodopera a basso costo in paesi come Francia, Belgio, Svizzera, Gran Bretagna e Germania si sposa con l'esigenza italiana di combattere la disoccupazione. Da questo intreccio nascono una nuova politica migratoria e una nuova stagione di emigrazione. Un'emigrazione prevalentemente temporanea, segnata più che in passato da una legislazione rigida e disseminata di vincoli, che rendono la mobilità delle persone sempre più difficile e la loro permanenza all'estero sempre più precaria. Quali sono le scelte delle classi dirigenti italiane e le posizioni dei partiti politici? Da dove partono e dove si dirigono i nuovi emigranti? Che cosa incontrano quando varcano le frontiere? Che cosa è, in definitiva, una politica migratoria? Perché gli anni del secondo dopoguerra sono così importanti per capire gli sviluppi successivi delle migrazioni internazionali, fino ai nostri giorni? Il libro risponde a queste domande facendo luce sugli accordi bilaterali firmati dall'Italia con i paesi europei e svelando la rete organizzativa della nuova emigrazione di massa in Europa. Un capitolo poco indagato della storia dell'Italia contemporanea, analizzato a partire dalle sue origini politiche ed economiche.

I passi dell'amore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sparks, Nicholas

I passi dell'amore / Nicholas Sparks

[Milano] : Sperling & Kupfer, 2008

Abstract: A distanza di tempo, Landon Carter rivive con rimpianto i giorni della sua adolescenza a Beaufort, una sperduta cittadina del Sud. Erano gli anni Cinquanta e lui era il tipico ragazzo ribelle in una piccola comunità conformista e sonnolenta. Un giorno, proprio in occasione del ballo della scuola, viene lasciato dalla fidanzata e, controvoglia, invita Jamie, la riservata e devota figlia del pastore. Insieme non formano certo una coppia bene assortita, eppure il destino ha in serbo per loro la più straordinaria delle sorprese...

Migrazioni e trasformazione sociale in Italia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fazzi, Patrizia

Migrazioni e trasformazione sociale in Italia : dall'età moderna a oggi / Patrizia Fazzi ; prefazione di Anna Anfossi

Milano : Angeli, 2008

Abstract: Le migrazioni sono una costante di lungo periodo, una componente integrale della storia, non solo italiana. Esse si sono distribuite nel tempo e nello spazio e hanno avuto un ruolo determinante nei processi di trasformazione sociale, economica e culturale. L'immigrazione è oggi un fenomeno strutturale in Italia, che si è trasformata da terra di emigrazione, inconsueta per intensità e distribuzione, a terra di immigrazione, composita per le molteplici etnie che la caratterizzano. Il nostro paese ha vissuto, pertanto, entrambe le esperienze migratorie, seppur in tempi e con modalità diverse, e si sta avvicinando sempre più ai paesi di antica tradizione immigratoria. Per capire a fondo i meccanismi che alimentano i nuovi flussi, i loro fattori attrattivi e propulsivi, le dinamiche interne e la loro evoluzione, è necessario tornare indietro nel tempo, ricercarne le radici in tutti quei movimenti di popolazione che, per secoli, hanno attraversato la nostra penisola. È scopo del volume analizzare questi aspetti, coglierne le analogie, le differenze e le relazioni, seguendo le tappe ritenute più significative, che dall'età moderna giungono sino a quella contemporanea. Un percorso storico, all'interno del quale si inseriscono apparati antologici, costituiti da fonti di varia natura, che arricchiscono i diversi ma complementari elementi del sistema migratorio, per sua natura interdisciplinare.

Lo spazio del riconoscimento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Camozzi, Ilenya

Lo spazio del riconoscimento : forme di associazionismo migratorio a Milano / Ilenya Camozzi

Bologna : Il mulino, c2008

Abstract: Convivere con la differenza: sembra essere questa la grande sfida che le società contemporanee si trovano ad affrontare. Da un lato, molte riflessioni scientifiche si concentrano attorno ai concetti di multiculturalismo, cittadinanza, inclusione ed esclusione sociale, cercando di elaborare un modello di giustizia sociale definitivo. Dall'altro, gli stati-nazione tentano di gestire i flussi migratori attraverso politiche di controllo e modelli istituzionali di inclusione. Il risultato, in entrambi i casi, è quello di guardare alle differenze come essenze. Questo lavoro si snoda lungo una prospettiva diversa, ponendo l'accento sul carattere processuale della realtà sociale e della differenza, in contrasto con l'idea di un loro tratto naturale e immutabile, e dedicando estrema attenzione al concetto di riconoscimento. Tale concetto è proposto come categoria analitica in grado di leggere le complesse interazioni quotidiane con la differenza, svelandone le dinamiche di potere. Il volume esplora dapprima concettualmente lo spazio del riconoscimento, per poi analizzarne le dinamiche nel contesto delle associazioni di migranti presenti in una grande città italiana, Milano.

4: La valutazione delle politiche, degli interventi, dei servizi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

4: La valutazione delle politiche, degli interventi, dei servizi / a cura di Daniela Oliva

Abstract: Questo libro, a partire da una breve ricognizione delle esperienze empiriche e da una classificazione delle tipologie di intervento messe a punto nella fase di ricerca, esemplifica una possibile metodologia e dei possibili strumenti di valutazione dei risultati che, pur non esaurendo le potenzialità della ricerca valutativa su questo fenomeno, possono essere facilmente adottati nella prassi quotidiana e possono rappresentare un'utile occasione di riflessione. Valutare l'efficacia degli interventi significa, da un lato, supportare il processo di programmazione delle politiche finalizzandole non solo alla tutela delle persone vittime di tratta, ma anche al miglioramento del sistema di offerta dei servizi; dall'altro, offrire un'importante occasione di riflessione sulla capacità dei modelli di intervento, sviluppati in questi anni, di offrire alle vittime di tratta diversificate ed efficaci opportunità di inclusione sociale, formativa e lavorativa.

Le tre case degli immigrati
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Golinelli, Maria

Le tre case degli immigrati : dall'integrazione incoerente all'abitare / Maria Golinelli

Milano : F. Angeli, 2008

Abstract: Se il lavoro c'è, anche se subalterno, ma manca la casa, si può parlare di integrazione incoerente? Cosa si intende per integrazione abitativa? È sufficiente avere una casa per sperimentare la sensazione di sentirsi a casa? Una casa è data solo da muri, solo dalla comunità di abitanti, o dall'interazione tra la materia e la cultura, le aspirazioni, le abitudini e i costumi degli abitanti? Qual è il legame tra cultura e casa e come gestiscono questo rapporto gli immigrati? La casa nel Paese di origine come influisce sull'idea degli immigrati di casa ideale in Italia e quanta distanza esiste tra casa ideale e casa attuale? Il volume propone una lettura organica del tema casa degli immigrati, con l'obiettivo di verificare come si configura il bisogno-casa da parte degli immigrati, se e in che modo questo bisogno condiziona o influenza i processi di integrazione. Partendo dalla ricostruzione delle definizioni storiche e culturali del bisogno-casa e avvalendosi di due ricerche empiriche condotte nel territorio forlivese, il testo analizza i tre concetti chiave di integrazione, appartenenze molteplici e identità migrante per poi descrivere come si delinea l'abitare nella società multietnica.

Studiare insieme, crescere insieme?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Studiare insieme, crescere insieme? : un'indagine sulle seconde generazioni in dieci regioni italiane / a cura di Oliviero Casacchia ... [et al.]

Milano : F. Angeli, 2008

Abstract: L'integrazione della seconda generazione degli immigrati in Italia, i figli nati nel nostro paese o ivi giunti in tenera età, appare una tra le sfide più importanti per il futuro della società attuale. Questi ragazzi avviati a costituire una componente sempre più rilevante della popolazione giovanile del paese vanno messi in condizione di confrontarsi alla pari con i coetanei italiani soprattutto per quanto riguarda la partecipazione al sistema educativo e al mercato del lavoro. Sfruttando il ricco materiale raccolto con l'indagine ITAGEN2 nell'anno scolastico 2005/2006 - coordinata da Gianpiero Dalla Zuanna, Università di Padova - e comprendente oltre 21mila interviste ad alunni delle scuole secondarie di primo grado, il volume fa il punto della situazione anche attraverso il confronto con i coetanei italiani. Il testo fornisce un'immagine inedita dei figli di immigrati in Italia, li descrive sotto varie prospettive e costituisce un utile strumento anche per gli operatori locali che potranno trovarvi un quadro approfondito della situazione in ciascuna delle dieci regioni coinvolte nell'indagine sul campo.