Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Dickens, Charles
× Data 2013
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2011

Trovati 14121 documenti.

Mostra parametri
Senilità
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Svevo, Italo

Senilità / Italo Svevo

Treviso : B.I.I. ONLUS ; Ferrara : E.L.C., 2018

Abstract: "Egli sapeva che II momento in cui l'avrebbe lasciata libera, ella se ne sarebbe andata e tutto sarebbe stato finito, tutto e in modo tanto differente da quello ch'egli aveva sognato. "Ed io ti ho voluto bene", disse, forse tentando di mitigarsi, ma aggiunse subito: "Sempre però sapevo quello che tu sei. Sai quello che sei?" Oh, aveva trovata infine una soddisfazione bisognava obbligarla a confessare quello ch'ella era: "Di' su. Che cosa sei?"".

Io, Ibra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ibrahimovic, Zlatan

Io, Ibra / Zlatan Ibrahimovic ; con David Lagercrantz ; traduzione di Carmen Giorgetti Cima

2. ed.

Milano : Rizzoli, 2011

Abstract: Da bambino la madre picchiava il piccolo Zlatan con un cucchiaio di legno, rompendoglielo in testa. Lui si consolava rubando biciclette e lasciando a bocca aperta i ragazzi più grandi con il pallone tra i piedi. All'Ajax lo accusarono di aver causato di proposito l'infortunio di un compagno che gli toglieva spazio. Nell'agosto del 2006 scandalizzò l'Italia lasciando la Juventus per l'Inter in piena Calciopoli. Tre anni e altrettanti scudetti dopo volò verso la squadra dei suoi sogni, il Barcellona, ma con Guardiola il rapporto non decollò. Dietro l'angolo c'era l'ennesimo colpo di teatro e il ritorno a Milano, stavolta con la maglia rossonera... In Solo Dio può giudicarmi - dichiarazione tatuata sul suo fianco sinistro - Zlatan Ibrahimovic racconta per la prima volta i suoi numeri fuori e dentro il campo, gioie e follie di una vita sempre sopra le righe.

Il bambino che corre nel vento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Busfield, Andrea

Il bambino che corre nel vento / Andrea Busfield ; traduzione di Federica Merani

Milano : Piemme, 2011

Abstract: Fawad ha undici anni ed è nato all'ombra dei talebani, come gli ripete sempre sua madre, Mariya. Non gli è chiaro cosa significhi esattamente, perché lei non aggiunge altro. Severa e taciturna, non parla mai della famiglia perduta: il marito e il figlio più grande, uccisi, e la figlia rapita dai talebani. Solo di tanto in tanto solleva lo sguardo dal cucito e rievoca i tempi felici, che nei suoi racconti hanno i colori di stanze dai cuscini rosso cremisi e di un giardino dalle rose gialle. Fawad pensa che la mamma, con le immagini che si inventa, potrebbe fare la poetessa, se solo sapesse scrivere, e invece è costretta a fare le pulizie nelle case dei ricchi per tirare avanti. Mentre lei è persa nel buio dei ricordi, Fawad corre nel vento e nel sole polveroso delle strade di Kabul, dove, insieme ai suoi amici, si inventa ogni giorno nuovi trucchi per alleggerire le tasche degli stranieri di passaggio. Fino al giorno in cui Mariya trova impiego presso tre occidentali: Geòrgie, operatrice di una ONG; May, ingegnere; James, giornalista. Raccolto il poco che hanno - un lenzuolo, il Corano e qualche straccio - madre e figlio si trasferiscono a casa di quegli estranei. Per Fawad sarà la scoperta di un nuovo mondo, che suscita in lui un misto di curiosità e diffidenza. Ma capirà anche che è impossibile sfuggire completamente alle tenebre, e lui stesso si troverà a fare i conti con l'ombra dei talebani quando questa tornerà a minacciare le persone che più ama.

Il persecutore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Clements, Rory

Il persecutore / Rory Clements ; traduzione di Gianna Lonza

Milano : Piemme, 2011

Abstract: Inghilterra, 1592. Un ragazzo e una ragazza, giovanissimi, vengono ritrovati accanto a un fiume, in una notte d'estate: nudi, stretti in un abbraccio fatale. Accanto a loro una fiala di arsenico e, sulle labbra, tracce del veleno mortale. La coppia di sfortunati amanti sembrerebbe uscita da una tragedia di William Shakespeare. Se non fosse che il Bardo, per ora, ha composto solo qualche sonetto. Al momento, ben più famoso è suo fratello John, uno dei principali agenti segreti della Corona. È lui a sospettare che la morte dei due giovani, frettolosamente archiviata come suicidio, sia solo l'appendice di un gioco di potere molto più complesso, riconducibile all'ambiente di corte, firmamento dove si può brillare all'improvviso e da cui si può cadere altrettanto rapidamente, covo di intrighi e mutevoli alleanze. Lì il conte di Essex - l'astro più fulgido, il favorito della regina starebbe tramando proprio contro la sovrana. E la verità sarebbe contenuta in alcuni documenti segreti, trafugati dallo stesso conte. Tocca a John Shakespeare penetrare nella sua biblioteca e ritrovarli. Ma per farlo dovrà innanzitutto immischiarsi in quel mondo infido e dissoluto, dove veleno e stregoneria, torture e omicidi sono mezzi comuni per raggiungere i propri scopi. Un mondo di interessi personali, dove scegliere il bene del regno può rivelarsi un'impresa solitaria: come una partita a scacchi in cui la difesa del re abbia il prezzo della vita.

Scrivo e leggo con i puntini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bracci, Maria Clarice

Scrivo e leggo con i puntini : quaderno operativo per l'apprendimento del codice Braille per bambini e ragazzi vedenti : livello base / Maria Clarice Bracci

Tricase : Youcanprint, 2011

Abstract: "Scrivo e leggo con i puntini" è un quaderno operativo di facile comprensione che presenta i simboli principali del codice "Braille": il sistema di letto-scrittura tattile utilizzato dalle persone non vedenti. Le illustrazioni e la semplicità delle attività rendono il percorso dell'apprendimento avvincente. Questo libro è un utile strumento di divulgazione del Braille tra i bambini, i ragazzi e per tutti coloro che vogliono acquisire le basi della segnografia ad un livello adatto a chiunque purché vedente. Se utilizzato in ambito scolastico diventa un valido sussidio didattico per insegnanti ed educatori impegnati nel complesso processo d'integrazione degli alunni non vedenti.

Lady Chatterley's lover
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lawrence, David Herbert

Lady Chatterley's lover / D. H. Lawrence ; edited with an introduction by Luciana Pirè

Firenze [etc.] : Giunti, 2011

Abstract: 'With a queer obedience, she lay down on the blanket. Then she felt the soft, groping, helplessy desiderous hand touching her body, feeling for her face. The hand stroked her face softly, softly, with infinite soothing and assurance, and at last there was the soft touch of a kiss on her cheek. She lay quite still, in a sort of sleep, in a sort of dream.' In versione integrale, i più grandi classici della letteratura angloamericana in lingua originale. Le opere sono accuratamente commentate e riportano la biografia dei singoli autori.

La sovrana lettrice
3 0 0
Materiale linguistico moderno

Bennett, Alan

La sovrana lettrice / Alan Bennett ; traduzione di Monica Pavani

Milano : Adelphi, 2011

Abstract: A una cena ufficiale, circostanza che generalmente non si presta a un disinvolto scambio di idee, la regina d'Inghilterra chiede al presidente francese se ha mai letto Jean Genet. Ora, se il personaggio pubblico noto per avere emesso, nella sua carriera, il minor numero di parole arrischia una domanda del genere, qualcosa deve essere successo. Qualcosa in effetti è successo, qualcosa di semplice, ma dalle conseguenze incalcolabili: per un puro accidente, la sovrana ha scoperto la lettura di quegli oggetti strani che sono i libri, non può più farne a meno e cerca di trasmettere il virus a chiunque incontri sul suo cammino. Con quali effetti sul suo entourage, sui suoi sudditi, sui servizi di security e soprattutto sui suoi lettori lo scoprirà solo chi arriverà all'ultima pagina, anzi all'ultima riga.

L'amica geniale
3 0 0
Materiale linguistico moderno

Ferrante, Elena

L'amica geniale : infanzia, adolescenza / Elena Ferrante

Roma : E/O, 2011

Abstract: Il romanzo comincia seguendo le due protagoniste bambine, e poi adolescenti, tra le quinte di un rione miserabile della periferia napoletana, tra una folla di personaggi minori accompagnati lungo il loro percorso con attenta assiduità. L'autrice scava nella natura complessa dell'amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l'Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. E tutto ciò precipita nella pagina con l'andamento delle grandi narrazioni popolari, dense e insieme veloci, profonde e lievi, rovesciando di continuo situazioni, svelando fondi segreti dei personaggi, sommando evento a evento senza tregua, ma con la profondità e la potenza di voce a cui l'autrice ci ha abituati. Si tratta di quel genere di libro che non finisce. O, per dire meglio, l'autrice porta compiutamente a termine in questo primo romanzo la narrazione dell'infanzia e dell'adolescenza di Lila e di Elena, ma ci lascia sulla soglia di nuovi grandi mutamenti che stanno per sconvolgere le loro vite e il loro intensissimo rapporto.

Giudici
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Camilleri, Andrea - Lucarelli, Carlo - De Cataldo, Giancarlo

Giudici / Andrea Camilleri, Giancarlo De Cataldo, Carlo Lucarelli

Torino : Einaudi, 2011

Abstract: Tre fra i più importanti narratori italiani si confrontano con una figura centrale della nostra società: il giudice. E provano a indagarne i punti di crisi, di conflitto, di tensione. Camilleri mette in scena un giudice catapultato da Torino in Sicilia poco dopo l'Unità d'Italia. Il suo candore gli impedisce di vedere i pericoli che lo minacciano e per questo, suo malgrado, lui diventa un esempio di coraggio estremo, una leggenda nell'amministrazione della giustizia. De Cataldo ambienta la storia nell'Italia di oggi e racconta in chiave ironica la dannazione della giustizia - e allo stesso tempo la sua necessità - vista dalla camera di consiglio di un'aula di corte d'assise. Lucarelli narra la storia di un giudice dal punto di vista di un poliziotto della sua scorta, assegnata senza che il giudice ne avesse bisogno. Almeno così sembra, prima che inizino ad accadere strani episodi e tutti comincino ad avere paura...

La nascita del libro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Febvre, Lucien - Martin, Henri Jean

La nascita del libro / Lucien Febvre, Henri-Jean Martin ; a cura di Armando Petrucci

Roma [etc.] : Laterza, 2011

Abstract: Definire la posta in gioco, stabilire come e perché il libro a stampa sia stato ben altro che una realizzazione tecnica, comoda e ingegnosamente semplice, quanto piuttosto la messa a punto di uno degli strumenti più potenti di cui abbia disposto la civiltà occidentale per raccogliere il pensiero sparso dei suoi rappresentanti e conferire tutta la forza possibile alla meditazione individuale dei ricercatori, trasmettendola anche ad altri; assicurare in brevissimo tempo la diffusione delle idee là dove non era ostacolata da difficoltà di lingua o di scrittura; creare inoltre, negli intellettuali e in tutti coloro che si valgono dell'intelletto, nuove abitudini di lavoro mentale; insomma mostrare nel libro uno dei mezzi più efficaci di questa egemonia sul mondo: questo lo scopo dell'opera, questa la sua novità. In queste pagine, il racconto di come gli uomini hanno inventato il libro e come i libri hanno plasmato gli uomini. Gli autori colgono la funzione di 'fermento' e di ispirazione che il libro a stampa ebbe in Europa fra il XV e il XVIII secolo, individuando anche le maniere in cui, tra lotte religiose e battaglie ideologiche, il libro contribuì al rinnovamento intellettuale di tutta l'Europa.

Cambogia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ray, Nick - Robinson, Daniel

Cambogia / Nick Ray, Greg Bloom, Daniel Robinson

7. ed. italiana

Torino : EDT, 2011

Abstract: Lonely Planet vi accompagna in Cambogia, nel cuore del Sud-est asiatico: magnifiche spiagge (con pochissimi turisti), territori selvaggi, raffinati templi e una cucina tutta da scoprire. Dal celeberrimo Angkor Wat al fascino antico di Siem Reap e della capitale Phnom Penh, le meraviglie sono infinite.

Sono le news, bellezza!
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mezza, Michele

Sono le news, bellezza! : vincitori e vinti nella guerra della velocità digitale / Michele Mezza ; prefazione di Derrick de Kerckhove ; postfazione di Pier Luigi Celli

Roma : Donzelli, 2011

Abstract: Con un occhio rivolto a Google e l'altro a Marx, l'autore analizza il mondo dell'informazione guardando agli sconquassi del mercato editoriale internazionale, per individuare perdenti e vincenti di una guerra che sta selezionando la specie del giornalismo. Il brulicare di infiniti produttori di comunicazione al tempo dei social network comporta una mutazione professionale del profilo del giornalista: non più disvelatore esclusivo della notizia, ma selezionatore, decifratore, e soprattutto coproduttore dei nuovi sistemi intelligenti che tendono sempre più a sostituirsi alla meccanica redazionale. Convinto che questa sia più una chance che una iattura, Michele Mezza giornalista di lungo corso e ideatore di Rai News 24 - prova a delineare la figura di un nuovo mediatore, capace di governare le potenze tecnologiche, di declinare linguaggi sociali, di dare un'anima all'informatizzazione della vita, a patto di bruciare ogni nostalgia e conservatorismo. Ne sortisce una concreta proposta alternativa di giornalismo, che prefigura filiere produttive, soluzioni editoriali, organizzazioni redazionali capaci di dare al sistema Italia l'ambizione di non essere solo magazzino o retrobottega di una comunicazione importata. Prefazione di Derrick de Kerckhove. Postfazione di Pier Luigi Celli.

Combattenti covesi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Callegari, Anna Maria - Monella, Rinaldo

Combattenti covesi : dalle 5 giornate di Milano alla 2. guerra mondiale / Anna Maria Calegari, Rinaldo Monella

[S. l. : s. n.], (Almenno S. Bartolomeo : Press R3)

Il perdono responsabile
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Il perdono responsabile : si può educare al bene attraverso il male? : le alternative alla punizione e alle pene tradizionali / Gherardo Colombo

Milano : Ponte alle Grazie, 2011

Abstract: La gran parte dei condannati a pene carcerarie torna a delinquere; la maggior parte di essi non viene riabilitata, come prescrive la Costituzione, ma semplicemente repressa, e privata di elementari diritti sanciti dalla nostra carta fondamentale - come ne vengono privati i loro cari; la condizione carceraria, per il sovraffollamento, la violenza fisica e psicologica, è di una durezza inconcepibile per chi non la viva, e questa durezza incoraggia tutt'altre tendenze che il desiderio di riabilitarsi; la cultura della retribuzione costringe le vittime dei crimini alla semplice ricerca della vendetta, senza potersi giovare di alcuna autentica riparazione, di alcuna genuina guarigione psicologica. È possibile pensare a forme diverse di sanzione, che coinvolgano vittime e condannati in un processo di concreta responsabilizzazione? Gherardo Colombo indaga le basi di un nuovo concetto e di nuove pratiche di giustizia, la cosiddetta giustizia riparativa, che lentamente emergono negli ordinamenti internazionali e nel nostro. Pratiche che non riguardano solamente i tribunali e le carceri, ma incoraggiano un sostanziale rinnovamento nel tessuto profondo della nostra società: riguardano l'essenza stessa della convivenza civile.

La mente che mente
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Osho

La mente che mente : commenti al Dhammapada di Gautama il Buddha / Osho ; a cura di Swami Anand Videha

6. ed.

Milano : Feltrinelli, 2011

Abstract: La via del Buddha, un sentiero che porta a una pace interiore tangibile, proposta in un linguaggio moderno, accessibile alla mente e allo stile di vita dell'uomo occidentale. Osho, con la semplicità del suo linguaggio, riesce a partire dalle prospettive mondane più diverse e condurre il lettore a quell'assoluto senza il quale nessuna relatività, nessuna quotidianità sarebbe mai definibile. L'opera spinge a cogliere quel centro di quiete, presente in ogni essere umano, da cui è possibile vivere e comprendere, se non addirittura percepire, il proprio divenire e dunque dare un senso alla propria vita quotidiana.

Genitori efficaci
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gordon, Thomas

Genitori efficaci : educare figli responsabili / Thomas Gordon ; traduzione di Valeria Poli

Molfetta : La meridiana, stampa 2011

Abstract: Tutti incolpano i genitori dei problemi dei giovani e di quelli che i giovani sembrano causare alla società. Gli esperti, alla luce delle statistiche allarmanti sul numero sempre crescente di bambini e giovani che presentano disturbi emotivi gravi, entrano nel giro della droga o si suicidano, si lamentano: è tutta colpa dei genitori. E quando i bambini vanno male a scuola o diventano degli emarginati irrecuperabili, insegnanti e funzionari scolastici sentenziano che la colpa è dei genitori. Ma chi aiuta i genitori? Quanto impegno viene profuso nell'assisterli perché diventino più efficaci nell'educare i figli? E come un genitore può scoprire i suoi errori e conoscere le possibilità alternative? Il contributo di questo libro, ormai un classico utilizzato in 37 paesi del mondo e tradotto in 18 lingue, sta proprio nel dare risposte concrete alle domande che i genitori pongono. Una ben sperimentata proposta di metodo affinché, attraverso le pratiche educative del rispetto, dell'ascolto e della collaborazione nella soluzione dei conflitti e dei problemi, anche quello della famiglia diventi un creativo spazio di democrazia.

Il teatro dei burattini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Passera, Carla - Navoni, Roberta

Il teatro dei burattini : oltre il magico mondo della baracca : storie, leggende e realtà del mondo dei burattini nella vita bergamasca-lombarda e altrove / Carla Passera e Roberta Navoni

Villa di Serio : Edizioni villadiseriane, c2011

Le tracce di Mosè
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Finkelstein, Israel - Silberman, Neil Asher

Le tracce di Mosè : la Bibbia tra storia e mito / Israel Finkelstein, Neil Asher Silberman

Roma : Carocci, 2011

Abstract: Da sempre al centro di polemiche e controversie, la questione dell'attendibilità storica delle Sacre Scritture si è di recente riaccesa alla luce delle nuove scoperte archeologiche avvenute nei luoghi sacri. Nel volume due dei maggiori archeologi biblici del mondo illustrano i risultati di decenni di scavi e il loro significato per la nostra comprensione dell'Antico Testamento. Scopriamo così che non ci sono prove storiche sufficienti della fuga dall'Egitto né della conquista di Canaan, che la nascita del monoteismo non può essere fatta risalire all'epoca di Abramo, che i primi libri della Bibbia furono redatti a distanza di centinaia di anni dagli eventi narrati. Un viaggio affascinante nel mondo dell'antico Israele, che cambia in profondità le nostre convinzioni sul come, quando e perché la Bibbia è stata scritta, ma che ci aiuta anche a capire meglio perché la forza del suo messaggio vada ben oltre le concrete vicende storiche che l'hanno vista nascere.

La casa sul canale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Simenon, Georges

La casa sul canale / Georges Simenon ; traduzione di Laura Frausin Guarino

3. ed.

Milano : Adelphi, 2011

Abstract: Rimasta orfana a sedici anni, Edmée arriva alle Irrigations, l'immensa proprietà dello zio materno a Neeroeteren, nella provincia belga del Limburgo: terre basse, con filari simmetrici di pioppi interrotti qua e là dalla macchia nera di un bosco di abeti; anche il cielo è basso e grigio, e in fondo, lungo i canali, scivolano lentamente le chiatte. Edmée è graziosa, minuta, pallida, quasi anemica e non parla una parola di fiammingo - ma ha una volontà di ferro, ed è abituata a farsi obbedire. Non ci vorrà molto perché entrambi i cugini si lascino ammaliare dal fascino acerbo, ambiguo, di quella creatura inquietante e dominatrice, così diversa da loro. E il dissidio tra i fratelli rivali non potrà che sfociare in tragedia.

Qui non ci sono bambini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Geve, Thomas

Qui non ci sono bambini : un'infanzia ad Auschwitz / Thomas Geve ; traduzione di Margherita Botto

Torino : Einaudi ; Jerusalem : Yad Vashem, 2011

Abstract: A tredici anni il desiderio di esplorare e conoscere il mondo ti fa spalancare gli occhi, stupiti e avidi, sulla realtà che ti circonda: ma cosa succede quando il tuo unico, insuperabile orizzonte è quello dell'Olocausto, dell'umiliazione quotidiana e sistematica? Come si diventa uomini quando nulla intorno a te è degno di un uomo? Sono nato nel 1929 e nel 1933 i nazisti prendono il potere: l'unico mio ricordo è la persecuzione. Thomas Geve ha tredici anni quando, nel 1943, viene deportato ad Auschwitz. Poiché ha l'aria di essere più grande della sua età, Thomas viene assegnato ai lavori forzati: nella logica folle e rovesciata del campo è una fortuna perché i bambini al di sotto dei quindici anni vengono mandati direttamente alle camere a gas. Nonostante le quotidiane violenze, un lavoro che è solo tortura, la scientifica e continua offesa alla dignità umana, Thomas sopravvive: l'11 aprile 1945 le truppe alleate irrompono nel campo e liberano i prigionieri. Allora, per conservare la memoria dell'inferno e raccontare ai genitori ciò che ha visto, sceglie di fare quello che ogni bambino ha sempre fatto: inizia a disegnare. Si procura delle matite colorate, un bene prezioso e inarrivabile durante i giorni della prigionia, e trasforma il retro dei moduli e dei formulari delle SS nei 79 disegni che compongono questa raccolta. Un documento che tenta di sfidare l'abisso con lo sguardo, e le matite, di un bambino.