Trovati 3 documenti.

I disturbi motori di origine cerebrale nella prima infanzia
0 0 0
Libri Moderni

Vojta, Václav

I disturbi motori di origine cerebrale nella prima infanzia : diagnosi e terapia precoci / Václav Vojta. Volume di aggiornamento condotto sulla quarta edizione tedesca ; traduzione di Letizia Marini ; con la collaborazione di Jaroslava Havel ; revisione a cura di Ciro Pisaturo

Padova : Piccin, 1994

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Proposte riabilitative nelle paralisi cerebrali infantili
0 0 0
Libri Moderni

Ferrari, Adriano

Proposte riabilitative nelle paralisi cerebrali infantili / Adriano Ferrari

Tirrenia : Edizioni del Cerro, 1997

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
La caduta
0 0 0
Libri Moderni

Mainardi, Diogo

La caduta : i ricordi di un padre in 424 passi / Diogo Mainardi ; traduzione di Tiziano Scarpa

Torino : Einaudi, 2013

  • Copie totali: 12
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Diogo Mainardi ha scritto un libro sulla paternità, sulla felicità di essere padri e sull'amore suscitato dalla nascita di un figlio. Tito è nato tredici anni fa con una paralisi cerebrale, a causa del terribile errore di un medico, in un ospedale di Venezia. Quando la disabilità è stata diagnosticata, Diogo ha vissuto una settimana di angoscia e terrore. Poi è successo qualcosa. Sua moglie Anna è caduta inciampando in un tappeto, Tito si è messo a ridere, Diogo si è messo a ridere, Anna si è messa a ridere. La comicità slapstick era un linguaggio che capivamo tutti. Tito cade. Mia moglie cade. Io cado. Ciò che ci unisce - che ci unirà sempre - è la caduta. Diogo ha capito che Tito aveva bisogno di essere amato per quello che era, senza patetismi. Ciò che ci accomuna, disabili e abili, è la caduta come categoria dello spirito: siamo nati come esseri in bilico, ognuno instabile a modo suo. Questo libro è dunque anche un'accusa formidabile contro il cliché della normalità, contro la stupidità umana che affiora nel mondo in tempi diversi e in modi sempre nuovi, nel mito del corpo perfetto o peggio nell'eugenetica nazista. E poiché nei suoi primi anni Tito comunicava soltanto attraverso immagini, gesti, simboli e analogie, Diogo ha adattato il suo racconto al linguaggio del figlio. In un rovesciamento radicale di prospettiva, la storia universale viene letta attraverso la storia di Tito.