Community » Forum » Recensioni

La testa perduta di Damasceno Monteiro
0 1 0
Tabucchi, Antonio

La testa perduta di Damasceno Monteiro

Milano : Feltrinelli, 2006

Abstract: Un truce fatto di sangue. L'inviato di un giornale popolare di nome Firmino. Un avvocato anarchico e metafisico, ossessionato dalla Norma Base, che assomiglia a Charles Laughton. L'antica e affascinante città di Oporto. Un romanzo che sotto le apparenze di un'inchiesta costituisce una riflessione sull'abuso e sulla giustizia.

202 Visite, 1 Messaggi
SERENA GRANATA
29 posts

Gli anni Novanta sono ancora l’epoca in cui bisogna darsi un appuntamento o stare fermi in un posto e aspettare per ricevere una telefonata. Un giornalista deve arrivare il prima possibile in loco, trovare i contatti giusti, incontrare personaggi-chiave vis a vis, recuperare tutte le informazioni utili a scrivere in fretta e furia un articolo da mandare in stampa prima di sera, per una tiratura straordinaria del quotidiano.
Firmino, con una flemma che sa di indolenza, ingenuità e soggezione, da solo non prenderà grandi iniziative, agirà limitandosi a dar corso ai dictat del caporedattore, ascoltare le conoscenze di Dona Rosa e seguire i consigli che trae dalle ampollose arringhe di uno strano avvocato dei disgraziati. Tutti incontri ed elementi che si riveleranno cruciali per l’inchiesta giornalistica e per far luce e giustizia sull’omicidio di Damasceno Monteiro.

Trovi l'intera recensione sul mio blog http://lesereneredellasere.myblog.it/la-testa-perduta-di-damasceno-monteiro-di-antonio-tabucchi/

  • «
  • 1
  • »

502 Messaggi in 487 Discussioni di 137 utenti

Attualmente online: Ci sono 17 utenti online