Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Born to run - Bruce Springsteen

Molto bella quest'autobiografia di Bruce.
Fa conoscere il Boss dal lato umano, fa conoscere la persona nei vari momenti e aspetti della sua vita.
Fa conoscere Bruce figlio, con i suoi tanti problemi e conflitti col padre.
Fa conoscere Bruce ragazzo, adolescente, marito, padre a sua volta, cantante, compositore, artista.
Una persona a 360 gradi con i suoi difetti, le sue paure, le sue debolezze, i suoi pregi, il suo affrontare la vita e i fatti, anche terribili come l'11 settembre, in maniera umana.
Il tutto contornato dai vari momenti in cui sono nate le sue canzoni meravigliose.

Cospirazione Caravaggio - Alex Connor

Trama banale, quasi scontata, che viene un po' rinvigorita dal colpo di scena finale che comunque non rende il libro una lettura memorabile. Per di più, la copertina trae in inganno il lettore: non si parla mai di alcun codice segreto nascosto nella tela di Caravaggio! I dipinti del celebre pittore sono fisicamente assenti ma costantemente presenti nei pensieri dei personaggi (anzi, proprio i quadri perduti di Caravaggio stanno alla base di tutte le macchinazioni e dei delitti riconducibili ad un ristretto circolo di galleristi); tuttavia, nessuno parla di codici nascosti da decifrare per risolvere i delitti (solo verso la fine del libro, assai di sfuggita, si parla di un presunto messaggio del pittore veicolato attraverso un elemento della composizione, cosa del resto ovvia visto che l'arte pullula di messaggi criptati, ma nulla che sia direttamente riconducibile alle morti su cui il protagonista è chiamato ad indagare). Quindi non aspettatevi di trovare intriganti casi alla Robert Langdon. Inoltre, mentre all'inizio il ritmo della narrazione è piuttosto lento o comunque pacato, troppo precipitoso si fa al momento della risoluzione del caso, come se l'autrice avesse voluto giungere frettolosamente alla conclusione, magari perché a corto di idee. Nel complesso, la storia è poco intrigante e priva di nessi convincenti. Voto: 2/5.

Notre-Dame de Paris - Victor Hugo

Il gobbo è sì l'eroe ed il personaggio che più di tutti dà la svolta significativa alla vicenda e - pur non cercandola - ha l'occasione di trasformarsi da brutto disadattato a eroe gentile. Quasimodo però è soltanto uno dei personaggi principali che ruotano intorno a Esmeralda, o più precisamente intorno alla bellezza di Esmeralda.
Esmeralda è una gitana che balla per le strade di Parigi. La sua bellezza non sta solo nell'aspetto fisico, è la grazia di un corpo di giovane donna che balla, è il senso di libertà e di spontaneità artistica tipico dei gitani. Ciò che muove la storia di Notre Dame de Paris è la bellezza di Esmeralda. Della bella gitana si innamorano il campanaro Quasimodo, l'arcidiacono Claude Frollo, il capitato Phoebus de Chateaupers e il popolo intero.
E come sempre la bellezza crea attrazione e repulsione in tutto ciò che le sta intorno. Ha in sé una magia che può ...

Trovi tutto ciò che penso di Notre Dame de Paris sul mio blog http://lesereneredellasere.myblog.it/chi-e-la-vera-notre-dame-de-paris-di-victor-hugo/

Circolo chiuso - Jonathan Coe

Jonathan Coe è come sempre in ugual misura ironico e puntuale, impietoso ma senza pregiudizi nel disegnare storie e personaggi. "Circolo chiuso" chiude il cerchio de "La banda dei brocchi" narrando la maturità dei personaggi (spesso "non" maturità...) ancora una volta collocati in un periodo storico ( in questo caso i primi anni del 21° secolo) altrettanto precisamente raccontato. La storia è divertente, coinvolgente ed originale. Coe descrive ma non emette giudizio e ci lascia sempre liberi , fino in fondo, di interpretare e riconoscerci, senza paura, in questo o quel personaggio. Da leggere

Illuminae - Amie Kaufman, Jay Kristoff

Partiamo dal presupposto che il punto di forza di questo libro, più che la trama, è la sua struttura. La storia non è molto diversa da tante space opera già esistenti, non apporta nulla di nuovo in tal senso. Ciò che contraddistingue questo libro, è lo stile con cui è scritto, ovvero una "raccolta di file" e trascrizioni che ci fanno capire come la storia si è svolta, passo dopo passo. L'ho trovato molto coinvolgente per questo motivo, perché il tutto appare come molto "reale", poiché non è la narrazione di un un terzo o quella in prima persona e quindi da un unico punto di vista. È una raccolta di documenti, di conversazioni, di rapporti, il che ti immerge totalmente nella lettura e da quella parvenza di oggettività e realismo fittizi e relativi.
Per il resto, è un young adult. La storia d'amore fra adolescenti è d'obbligo, e nemmeno quella è diversa da altri young adult che girano in commercio, un po' banalotta, ma dato il target, credo che possa piacere ugualmente.
Il linguaggio utilizzato è basilare, molto terra terra, comprensibile da chiunque, quindi la lettura scorre velocemente e quelle 600 pagine risultano decisamente meno "ingombranti" e pesanti di quel che appaiono.

Vita di Pi - Yann Martel

Ottimo romanzo, introspettivo, crudo, spirituale, violento e mai banale. Si inoltra nelle viscere della psiche umana quando portata a una condizione estrema dove l'istinto prevalente è quello di sopravvivenza.
È il racconto di un'avventura in mare ma soprattutto di un autoanalisi profonda, di un'acquisizione di consapevolezza e di una lotta estenuante contro tanti ostacoli, fra cui, quello peggiore: la solitudine.
È scritto in maniera scorrevole, offre numerosi spunti di riflessione e insegnamenti, specie per quanto concerne due discipline: zoologia e teologia. Ho imparato cose nuove che riguardano il legame che si può venire a creare fra esseri umani e animali selvaggi.
Questo libro è un inno alla vita, alla speranza. ("Forse è semplicemente stupida fame di vita." cit.)
Ha uno dei finali più simbolici della letteratura contemporanea. Chi ha visto il film sa già di cosa parlo, ma su carta risulta, oltre che più completo, anche di maggiore impatto.

Il Piccolo Principe - Antoine De Saint-Exupéry

Un'opera intramontabile, definito, erroneamente "libro per bambini". In realtà, come molti di noi già sanno, è molto più di questo. Leggibile da un bambino per via del linguaggio scorrevole, basilare e immediato, comprensibile del tutto solo da un adulto, e a volte neanche quello basta. Bisogna avere una certa predisposizione, e tanta voglia di arrivare ai numerosi concetti esposti, e soprattutto va letto, oltre che con il raziocinio, con il cuore. È un libro che viaggia su più strutture/livelli, infarcito di allegorie, di riflessioni sulla vita e sulla società. Libro che mette in discussione le nostre priorità poiché, come lo stesso autore afferma: "L'essenziale è invisibile agli occhi".
Chiunque non l'abbia letto almeno una volta nella sua vita, si perde una gran opera di formazione e crescita, una guida per il mondo degli "adulti", e dei consigli per non perdersi in esso.
Il candore e la purezza traspaiono in ogni parola.

L'era del flagello - Walter Jon Williams

Poco più di cento pagine per una storia tanto attuale... quanto profetica? Perché sì, lo scenario è possibile se non probabile, forse in atto ora... o domani. La narrazione viaggia su due piani temporali, l'oggi del nostro protagonista eroe-suo-malgrado e il futuro tra qualche generazione, dove credono di sapere come la rivoluzione genetica è iniziata... ma la verità è un'altra.