Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Risvegli - Oliver Sacks

Non so dire se il libro e scritto bene o male e' il contenuto che lascia senza parole. E' incredibile soprattutto la descrizione di come le persone che riprendono a muoversi o a parlare dopo anni di immobilismo non abbiano perso nessuna tonicita' muscolare e nemmeno fluidità nel linguaggio. La spiegazione sembra essere che in realtà ciò che noi vediamo come immobile e' un tempo rallentatissimo ma è comunque movimento. Una dimensione di spazio e tempo diversa. Sarebbe interessante leggere ora gli aggiornamenti di questa disciplina clinica.

L'uomo delle taverne - Marco Quaroni

Un viaggio: da una Valle delle montagne del Nord Italia fino in Scozia, come lo hanno fatto, come lo farebbero alcuni di noi.
I sogni, l'amore, birra e whiskey e desideri che si mischiano con le strade i volti e le esperienze "on the road" che portano, sempre e comunque, lassù ... un lago, un piccolo Pub e la sensazione di essere , almeno una volta, nel posto giusto al momento giusto

Si sono svegliati gli ermellini? - Marco Quaroni

Una manciata di racconti in bilico fra la montagna reale ed immaginata ... la città,le ragazze, la musica, personaggi bizzarri e reali o giù di li, poi molto, molto altro.
Lo scrittore indipendente Quaroni ci accompagna nelle sue avventure, magistrale il racconto "Radiofonico" che vede protagonista Rusty Parker speaker di una radio , personaggio sopra le righe e "poco commerciale", musicalmente parlando ...

A cosa servono i desideri - Fabio Volo

Una delusione.
Il testo altro non è che un patchwork di citazioni che vanno da Camus, Einstein, Kurt Cobain a Dante Alighieri e altri, malamente legate tra loro da riflessioni di Fabio Volo su desideri e sogni per intraprendere la propria strada. Così è l'incipit e così il finale, in mezzo ci stanno tante pagine bianche in cui domina una riga: una domanda. Una raccolta di domande che Fabio Volo trova in un suo vecchio taccuino di appunti e su cui prova a riflettere di nuovo oggi. Ed è, penso, un invito ad ognuno di noi a porsi gli stessi quesiti (le cose per cui sono grato alla vita, cosa temo di più, ecc.).
Un brainstorming autobiografico? Uno spunto per un bilancio personale?
Ho letto diversi libri di Volo e l'ho sempre apprezzato, soprattutto da "Il tempo che vorrei" in poi. Le sue storie sono vere, i personaggi sembrano persone che incontriamo tutti i giorni, la sua introspezione è palpabile e immediata. C'è sempre un sottofondo di speranza e di sogno, anche nei momenti più difficili.
Mi aspettavo di trovare in questo libro una sorta di autobiografia in cui raccontasse dei suoi desideri, come li ha realizzati, quali le difficoltà, le risorse e le prospettive.
E' un libro che manca di struttura. Il contenuto potrebbe anche avere una sua intensità e forza, se fosse un racconto e non un semplice taglia e incolla di appunti di tanti anni fa.

Segui il mio blog su http://lesereneredellasere.myblog.it/

La vita segreta delle città - Suketu Mehta

La voglia di tornare a casa l'abbiamo tutti, me l'ha insegnato Mario Soldati. Solo che poi uno deve imparare a capire il posto che preferisce e quando ciò succede non può continuare a vivere di compromessi, deve vivere in un luogo che regala quella cosa lì che fa vibrare il cuore. A volte è una città, altre il pianeta intero.

https://justanotherpoint.wordpress.com/2016/12/28/leggendo-135-la-vita-segreta-delle-citta/